Politica

di Nicola Di Matteo

TOUR COPPA EURO2020: DI MATTEO (PDF), “BASTA PASSERELLE, SERVONO FATTI CONCRETI”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nicola Di Matteo, vicepresidente e coordinatore nazionale del Popolo della Famiglia (PdF), commenta la notizia del tour della Coppa degli Europei di Calcio nei municipi romani, organizzato dall’assessore capitolino al turismo Alessandro Onorato: “Abbiamo letto che il trofeo viene esposto nei municipi X e VI, pare dimenticando che proprio a Ostia tutto è fermo per una bagarre interna al Pd. E’ questo il modo per far ripartire un municipio? Sarebbe invece il caso di prevedere uno stanziamento di fondi per la promozione di sport e sociale per far fronte alle ingenti problematiche che riguardano, in modo particolare, le scuole e le palestre comunali. Strutture queste totalmente abbandonate da anni e dove i giovani e le loro famiglie devono combattere a suon di occupazioni, per avere il diritto sacrosanto di avere scuole e palestre agibili. Queste sono riflessioni che l’assessore Alessandro Onorato dovrebbe porsi, al netto della facile fama che conquista esponendo una coppa che ha fatto sognare tutta l’Italia e che sicuramente dovrà avere un riscontro, per questi municipi, in fatti tangibili nel prossimo futuro. Basta inutili passerelle, bisogna passare dalle parole mirabolanti ai fatti, mentre sembrerebbe che, ancora una volta, la giunta Gualtieri sia più interessata all’apparire che al fare. La ripartenza del lido di Roma non può che passare per il ripascimento delle spiagge di Nuova Ostia, motivo di grande attrazione e completamente distrutte dalla volontà grillina di rendere Ostia non solo un municipio non attrattivo, ma anche un municipio che apparisse agli occhi dell’Italia intera come un ‘municipio di mafia’. I cittadini sono stufi di sentire paragonare Ostia alla mafia, quando in realtà tutte le mattine innumerevoli persone oneste si preparano per andare al lavoro e per accompagnare a scuola i propri figli. Il presidente del municipio Mario Falconi pensi a risanare i disservizi della Freccia del Mare, con un piano che riguardi Comune di Roma e Regione Lazio, per rendere la linea più veloce ed efficiente. A differenza di quella grillina, la giunta Falconi ascolti le tante associazioni no profit radicate da anni nel territorio e i relativi comitati di quartiere, istituendo una degna consulta che non serva solo per fare campagna elettorale, ma che consenta davvero a questo territorio di rinascere dai cittadini stessi, che lo amano e per cui hanno da sempre combattuto, in modo particolare per salvaguardare le tante famiglie e soprattutto coloro che, ahimè, si trovano nelle case popolari, i commercianti, i titolari di piccole e medie imprese, che ormai non riescono ad arrivare a fine mese”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/11/2021
3011/2022
Sant'Andrea

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Vadecum per il voto amministrativo delle liste PDF

Per il Popolo della Famiglia, che è un movimento politico, la prova del nove è quella con le urne. A chi ci dice che siamo quattro gatti ricordiamo i risultati delle amministrative 2016, in cui già decine di migliaia di persone scelsero di mettere la croce sul nostro simbolo sostenendo i nostri candidati sindaco, con questi risultati nelle principali città:

Leggi tutto

Media

Franco Di Mare offende i cattolici polacchi a spese pubbliche

Tra i tanti denigratori degli innumerevoli polacchi che hanno voluto pacificamente circondare la loro nazione con la loro preghiera abbiamo dovuto
annoverare anche il popolare conduttore di UnoMattina, che si è prodotto in lunghissimi minuti di propaganda di regime laicista e radical chic

Leggi tutto

Politica

Un ultimo sforzo

L’ultimo sforzo che dobbiamo produrre in vista delle elezioni amministrative del 10 giugno serve proprio a questo: dimostrare una ulteriore capacità di raccolta del consenso, che dia un segnale di crescita rispetto allo 0.7% ottenuto alle politiche del 4 marzo. Se tre mesi dopo dovessimo farci trovare in buona salute elettorale, aumentando significativamente la nostra percentuale di voti, sarebbe la conferma che tutto questo colossale lavoro compiuto a mani nude sta pagando e con ulteriore costanza otterremo in futuro risultati ancora migliori, soprattutto quando spunterà la inevitabile disillusione verso l’azione del governo a trazione grillina.

Leggi tutto

Politica

DEF: provare a leggere i numeri

Nel 2050 l’Italia avrà perduto il 17% della popolazione. In un trentennio accadrà quanto non è accaduto nel trentennio che andò dal 1915 al 1945, quando l’Italia fu squassata da due violentissime guerre mondiali e perse meno del 10% della sua popolazione. L’emergenza demografica, che si annuncia sicurissima all’orizzonte, non è un tema di nicchia: è la questione centrale italiana oggi.

Leggi tutto

Società

LA LOBBY PIÙ VIOLENTA DEL MONDO

Solo chi ha figli sa il trauma che l’allontanamento neonatale dalla mamma comporta. Ma che problema c’è, basta chiamarla “partoriente” e farla sparire dalla foto, poi costruire la narrazione dei “due papà” e del tabù rotto. Noi continueremo in maniera estenuante a batterci affinché questo orrore violento nei confronti dei bambini e delle madri in Italia non possa essere mai perpetrato.

Leggi tutto

Politica

PERCHÉ MORISI È IL PARADIGMA DELLA POLITICA CHE NON CI PIACE

Sia ben chiaro: non ho alcuna intenzione di essere tacciato per il classico politico con la bava alla bocca pronto a “sputare” sentenze contro l’avversario che è finito sotto la tortura della gogna mediatica. Non ho alcun interesse ad ergermi a giudice morale della vita altrui essendo io, per primo, un peccatore da ultimo banco alla Santa Messa della domenica (per dirla con le parole dell’amico Mario Adinolfi): desidero solamente ragionare sul valore delle scelte che si assumono nella vita pubblica e delle inevitabili ricadute sulla sfera privata

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano