Politica

di Roberto Signori

Nomine Rai, c’è l’accordo politico

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sembra essere la volta buona per le nomine in Rai. Dopo ore di discussione tra i partiti nomi prescelti sarebbero quelli di Monica Maggioni al Tg1, Gennaro Sangiuliano stabile al Tg2 e Simona Sala al Tg3.

Come previsto, Mario Orfeo ha ottenuto una direzione di genere, quella degli Approfondimenti giornalistici i cui contenuti però andranno precisati. Mentre il posto che era di Simona Sala alla direzione del Radio giornale e di RadioUno è andata a Andrea Vianello che lascia RaiNews24 all’attuale vicedirettore Paolo Petrecca (centrodestra) e non al direttore uscente del Tg1, Giuseppe Carboni che al momento non ha collocazione.

È stata proprio la trattativa su quest’ultimo a creare i maggiori problemi: per il M5S abbandonare il tg della rete ammiraglia significava un grosso vulnus. Ecco perché fino alla fine ha cercato di difenderla, in seconda battuta Giuseppe Conte avrebbe provato a far saltare la nomina della Maggioni per un profilo più affine al movimento.

Anche Giorgia Meloni ha dovuto rinunciare alla direzione di un Tg per il candidato Nicola Rao. La Lega ottiene invece la conferma di Sangiuliano al Tg2 e di Alessandro Casarin al TgR. Mentre allo sport l’ha spuntata Alessandra De Stefano che prende il posto di Auro Bulbarelli.

Ma la battaglia non finisce qui. L’amministratore delegato Carlo Fuortes domani in consiglio, a Napoli, dovrà gestire il malumore dei consiglieri che hanno rifiutato di incontrarlo stamattina per parlare all’ultimo minuto dei criteri delle nomine. Ai consiglieri spetta votarle e a questo punto bisognerà vedere fino a che punto la loro insofferenza si riverserà sulle candidature. Per respingere le nomine servono di due terzi dei voti. Un quorum molto difficile da raggiungere.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/11/2021
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Per non finire dalla padella piddina nella brace grillina

Renzi perde contro tutti, ma ha comunque accumulato un credito personale enormemente più grande di quello di qualunque oppositore singolo. Resta la fluttuante variabile dei cattolici italiani

Leggi tutto

Storie

A tu per tu con Serafino Ferrino

Intervista al prof. Serafino Ferrino che, fra i primi sindaci italiani a opporre obiezione di coscienza alle Unioni civili omosessuali, ha subito il 28 luglio una brutale aggressione sui cui colpevoli ancora
non è stata fatta luce. Riconosciamo nell’ex Sindaco di Favria un uomo che ha tenuto la schiena dritta contro la tecnica violenta e anti-democratica dei falsi miti del Progresso. Finito in prognosi riservata

Leggi tutto

Politica

Una strada per liberi e forti

Nei giorni in cui c’è stato e c’è chi insistentemente afferma che il Popolo della Famiglia non serve più a niente non avendolo condotto immediatamente al seggio parlamentare, dunque meglio acconciarsi a sostenere i nuovi potenti e il governo del Trentennio, io resto sempre più convinto del progetto pidieffino e provo a delinearlo per quello che è, per quello per cui l’abbiamo fondato nel marzo 2016, per quello per cui credo che abbia ancora lo stesso inalterato senso ventotto mesi dopo e nel futuro a venire.

Leggi tutto

Politica

Ursula, non sei il mio presidente

Leggi tutto

Politica

IL PDF TRA NUOVI ELETTI E NUOVE GRANDI SFIDE

La nostra sfida per un progetto politico autonomo di ispirazione cristiana che cresce e va al governo delle comunità si sposta da qui a otto mesi alle elezioni nelle grandi città  del maggio 2021. Siamo un popolo, non ci faremo trovare impreparati. Dovremo affrontare due settimane dei ballottaggi importanti in cui saremo protagonisti grazie ai risultati ottenuti a Chieti (0,6%) ma soprattutto a Matera (3,5%) e Castrovillari (11,1%). Non solo, tra due settimane il Popolo della Famiglia torna in campo anche per il primo turno delle amministrative siciliane ad Agrigento, a Tremestieri ed a Mislimeri

Leggi tutto

Politica

Report risultati elettorali liste Popolo della Famiglia

Alle elezioni amministrative del 3 e 4 ottobre 2021 il Popolo della Famiglia è stato protagonista con il proprio simbolo in trentanove liste presentate su tutto il territorio nazionale, partecipando a regionali, comunali, municipali e circoscrizionali con un reticolato organizzativo mai così fitto.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano