Chiesa

di Giuseppe Udinov

Coe:appello per la pace in Etiopia e in Terra Santa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Riunito dal 12 novembre a Bossey, in Svizzera, il Comitato Esecutivo del Consiglio Ecumenico delle Chiese - Coe chiede, attraverso i suoi membri, solidarietà per il popolo etiope, che sta affrontando una grave crisi, unendosi alle preghiere delle Chiese locali ed evidenziano gli ostacoli che in Terra Santa impediscono una pacifica convivenza fra israeliani e palestinesi.

A proposito dell’Etiopia, il Coe esprime preoccupazione per la strumentalizzazione politica delle differenze etniche che minaccia il tessuto sociale e la sicurezza della nazione, e esorta le parti in conflitto a tenere conto della sofferenza vissuta in questi ultimi anni dalla popolazione, invitando al dialogo e alla cooperazione. Ad Addis Abeba, migliaia di abitanti originari del Tigrai sono stati arrestati con l’accusa di aiutare il Fronte popolare per la liberazione del Tigrai (Tplf), spesso sulla base di denunce arbitrarie.

Tutto ha avuto inizio lo scorso anno, quando il partito al governo nella regione del Tigrai si è opposto al rinvio delle elezioni programmate per il 29 agosto e ha proceduto ugualmente all’organizzazione di una consultazione elettorale per il rinnovo delle istituzioni regionali. Da allora le relazioni tra governo federale e governo regionale del Tigrai si sono incrinate e il primo ministro Abiy Ahmed il 4 novembre ha ordinato un’offensiva militare in risposta agli attacchi tigrini nei confronti di reparti dell’esercito di stanza in quell’area. Ne è scaturito un conflitto che ha generato un grvave crisi umanitaria e un’ondata di profughi verso il Sudan

Tutte le parti devono ricordare le proprie responsabilità, morali e legali, circa la sicurezza delle persone, per le quali saranno ritenute responsabili” si legge nella dichiarazione del Coe che chiede il cessate il fuoco immediato, la fine degli scontri armati, il rispetto dei diritti umani e l’accesso degli aiuti umanitari nelle aree più colpite. L’organismo ecumenico caldeggia poi il processo di pace che la comunità internazionale sta tentando attraverso l’alto rappresentante dell’Unione Africana per il Corno d’Africa, l’ex presidente nigeriano Olusegun Obasanjo. “La violenza e la divisione hanno causato profonde ferite nella nazione etiope. Sarà necessario un altrettanto profondo processo di dialogo nazionale e di riconciliazione” aggiunge il L’organismo ecumenico, precisando che le Chiese e le comunità religiose dell’Etiopia devono svolgere un ruolo guida e riconoscendo quanto già è stato fatto e gli sforzi compiuti per offrire rifugi agli sfollati interni e aiuti alle vittime del conflitto. Il Comitato Esecutivo del Coe incoraggia, infine, tutte le Chiese del mondo alla comunione ecumenica con le Chiese dell’Etiopia, affinché elevino la loro voce profetica per un dialogo inclusivo, per la pace, la giustizia e l’unità.

Profonda preoccupazione il Consiglio Ecumenico delle Chiese esprime anche per i recenti eventi verificatisi in Palestina e in Israele, che riflettono “un peggioramento della situazione” nella ricerca di una pace giusta tra i popoli della Terra Santa, e per le conseguenze socio-economiche provocate dalla pandemia di Covid-19. L’organismo ecumenico richiama l’apprensione dei capi delle Chiese e dei leader religiosi della Terra Santa riguardo gli insediamenti e le attività dei coloni israeliani sostenute dalle autorità all’interno della Città Vecchia di Gerusalemme, i cambiamenti nello Status Quo, le minacce alla identità multireligiosa, gli sfratti ai palestinesi dalle loro case e le restrizioni ad attività culturali palestinesi.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/11/2021
2506/2024
San Massimo di Torino, vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Nessuna pietà per i nemici della libertà

Il nazi-buonismo torna nelle parole arroganti del ministro delle famiglie (sic!), dell’infanzia e dei diritti delle donne Laurence Rossignol, appassionata sostenitrice della legge-bavaglio contro i siti pro vita.

Quarant’anni dopo la legge Veil, ha dichiarato il ministro, «dei gruppuscoli antiabortisti avanzano mascherati, dissimulati dietro a piattaforme all’apparenza neutra e obiettiva che imitano i siti istituzionali di informazione e cercano deliberatamente di ingannare le donne. O peggio ancora, talvolta sono diffuse da cellule d’ascolto animate da militanti “no choice” senza alcuna formazione intenzionati a colpevolizzare le donne e a scoraggiarle di ricorrere all’aborto». Rossignol ha poi aggiunto che «i militanti anti-IVG resteranno liberi di esprimere la propria ostilità all’aborto. A patto di dire con sincerità chi sono, cosa fanno e cosa vogliono». «La libertà di espressione», prosegue il ministro, «non si può confondere con la manipolazione degli spiriti».

Leggi tutto

Politica

Eutanasia legale in Nuova Zelanda

Il 7 novembre entra in vigore la “End of Life Choice Act 2019”, la legge sul “fine-vita” approvata ad ottobre 2020 con un referendum. La Conferenza episcopale ribadisce la sua contrarietà alla normativa.

Leggi tutto

Storie

Obbligo vaccinale adesso: forse pericoloso, probabilmente inutile

Dopo mesi di “orizzontale sonno”, finalmente alcuni colleghi iniziano narrazioni contro le decisioni del governo Draghi, sul green pass e sull’obbligo vaccinale. Probabilmente le bugie evidenziate sul numero reale degli italiani “scontenti” dell’opera del governo stanno risvegliando alcune anime…. In nome della pluralità informativa eccovi un articolo condivisibile soltanto sull’inutilità dell’obbligo vaccinale ma non nelle motivazioni e sugli attacchi a chi liberamente continuerà a non “sierare” se se stesso ed i propri bambini, figli, nipoti.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: l’umanità è campione di guerra

“L’umanità sembra ancora brancolare nelle tenebre” a causa di venti minacciosi che persistono in Medio Oriente e “nelle steppe dell’Europa Orientale”. Così il Papa incontrando i membri della plenaria della Congregazione per le Chiese Orientali

Leggi tutto

Storie

Ucraina, appello di don Cristiani a Zelensky

Pubblichiamo l’appello di don Andrea Pio Cristiani, fondatore del Movimento Shalom, al presidente ucraino Zelensky per la pace in Ucraina

Leggi tutto

Storie

Karnataka, nazionalisti indù contro la Bibbia

In una nuova campagna “anti-conversioni” nel mirino la Clarence High School che propone lezioni su pagine bibliche anche ai non cristiani. L’arcivescovo Machado: “Accuse false e mistificanti”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano