Società

di redazione

Caso Signorini, Adinolfi dalla parte del conduttore

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dopo venerdì sera attorno ad Alfonso Signorini si è scatenata una vera e propria tempesta. Infatti il conduttore del Grande Fratello Vip parlando con Giucas Casella della gravidanza della sua cagnolina se n’è uscito affermando: “Siamo contro ogni forma di aborto“. Queste parole hanno scatenato l’ira dei social e non solo, aprendo così un vero e proprio caso attorno a queste parole. Anche la Endemol, società produttrice del reality, ha preso le distanze dalle dichiarazioni del presentatore, ma chi lo sostiene non manca.

Le dichiarazioni sull’aborto di Alfonso Signorini hanno sollevato una polemica che sembra non avere fine. Infatti in molti sui social si sono scagliati contro di lui, ma non tutti. Dalla sua parte infatti il conduttore ha trovato Mario Adinolfi, politico da sempre contrario all’aborto.

Infatti ai microfoni di ‘Notizie.com’ il politico ha affermato: “C’è tanta ipocrisia in questa vicenda. Si sono attaccati al fatto che Signorini ha usato il noi. Ma il problema è che Signorini ha osato parlare contro l’aborto. Se quella frase fosse stata detta per ribadire il concetto opposto non ci sarebbero stati problemi. Questa è una spia molto preoccupante. Queste sono le premesse dei fascismi. Quando alcune opinioni diventano non più affermabili salvo manganellatura, scattano questi tipi di totalitarismi che io ritengo molto preoccupanti. Io li ho definiti talebani. Si è molto poco laici se non si accettano le opinioni altrui. Io ho vedo un fondamentalismo che sta cercando di opprimere tutta la libertà d’espressione possibile. Come stava accadendo con il DDL Zan”.

Fonte: bloglive.it

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/11/2021
2906/2022
Ss. Pietro e Paolo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Rifiuti : Il Popolo della Famiglia Spoleto chiede la “Tariffa puntuale”

Perché Spoleto non adotta il sistema di “Tariffa Puntuale”, attuando i principi europei che regolano la materia? Un’obiettivo tanto pubblicizzato in campagna elettorale , rimasto nel disegno.

Leggi tutto

Chiesa

Guatemala:  i vescovi chiamano al dialogo e alla preghiera

Il messaggio della Conferenza episcopale, ha come titolo “Dov’è tuo fratello Abele?” e la data dell’8 gennaio 2022, e si riferisce alle violenze che recentemente si sono fatte sempre più gravi ed efferate, tra le due comunità indigene di Nahuala e di Santa Catarina Ixtahuacan, in lotta per problemi di confine da più di un secolo.

Leggi tutto

Politica

Modena: azioni sinergiche per la cura e la gestione dei beni comuni

La mozione dedicata ai “Patti collaborativi”, presentata da Alberto Bosi per Lega Modena, e sottoscritta anche da Fratelli d’Italia – Popolo della famiglia e Forza Italia, ha ricevuto l’ok dell’Assemblea dopo essere stata emendata su proposta del Pd.

Leggi tutto

Chiesa

Comece: no al diritto all’aborto nella Carta UE

“Profonda preoccupazione e opposizione”: sono le parole che la presidenza della Comece, Commissione delle Conferenze episcopali della Comunità europea, esprime a fronte del discorso del presidente Emmanuel Macron al Parlamento europeo il 19 gennaio scorso che proponeva di aggiornare la Carta europea dei diritti fondamentali per includere il riconoscimento di un diritto all’aborto.

Leggi tutto

Politica

A Forlì una luce per la vita

Il Popolo della Famiglia plaude all’iniziativa: “Ringraziamo l’Amministrazione Comunale e la Consulta delle famiglie per avere ideato questo monitor informativo sul numero dei nuovi nati nella nostra città.  Se da un lato sarà fonte di gioia per la comunità la notizia della nascita di nuovi cittadini, dall’altro non potrà passare inosservato il numero sempre decrescente dei nuovi nati, poiché anche Forlì non si sottrae all’andamento generale del calo delle nascite. L’attenzione alla natalità da parte dell’Amministrazione comunale dimostra grande consapevolezza e visione prospettica.

Leggi tutto

Politica

Luxuria attacca il PDF

“Non ho più peli sulle gambe, figuratevi sulla lingua. Perciò non posso stare zitta. A coloro che mi contestano, tra i quali c’è anche chi fino a ieri esaltava Putin, dico che ho titoli, competenza e dignità per parlare alle donne e di donne, perché io l’essere donna me lo sono dovuta conquistare”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano