Storie

di Tommaso Ciccotti

Disabile per “errore medico”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Immaginate di avere una figlia disabile per un “errore medico” e che un giorno vi sia recapitata a casa una maxi-cartella dell’Agenzia delle Entrate: 81.544 euro per “Imposta principale di registro e accessori” sulla sentenza in primo grado che ha condannato non voi ma l’ospedale. Come reagireste? Probabilmente come Eugenio Manzo, il papà di Arianna, la “bambina di legno” finita in carrozzina per “un danno irreversibile al sistema nervoso centrale”.

Del caso se ne era occupata l’inviata del le Iene Veronica Ruggeri dedicando alla 16enne di Cava de’ Tirreni (Salerno) un bellissimo servizio. Il calvario di Arianna inizia quando, a soli due anni e mezzo, viene colpita da una bronchiolite acuta. Dopo un breve periodo di degenza all’ospedale di Cava de’Tirreni viene trasferita al “A. Cardarelli” di Napoli. Il trasferimento “avviene a bordo dell’autoambulanza, in braccio alla madre, con il medico collocato nella cabina dell’autista e quindi impossibilitato a monitorare, in tempo reale, le sue condizioni cliniche. In spregio ad ogni linea guida vigente all’epoca, come ora”, spiega Mario Cicchetti, il rappresentante legale della famiglia Manzo.

La bimba viene ricoverata in terapia intensiva pediatrica per via di una bronchiolite stafilococcica. I medici la sottopongono a terapia con “tiopental sodico” che “nelle dosi giuste può andare anche bene per indurre un’anestesia, - chiariscono i genitori della bimba -ma non può essere utilizzato per due settimane consecutive in terapia intensiva pediatrica, come spiegano le linee guida fissate già nel 1981, cioè ventisei anni prima, per il documentato tasso di complicanze individuabili nell’incidenza delle sequele neurologiche”. Ad ogni modo, Arianna guarisce dall’infenzione. Tutto bene quel che finisce bene, no? Certo. Se non fosse che, di ritorno a casa, la piccola riporta “un danno irreversibile al sistema nervoso centrale”: è diventata tetraparaplegica. E i genitori denunciano l’ospedale.
“Quando è uscita da questo ospedale stava bene”, dirà la direzione del “A. Cardarelli” a Veronica Ruggeri de Le Iene. Ma quello che sostiene lo staff dirigenziale dell’ospedale partenopeo si scontra con la tesi sostenuta dai coniugi Manzo. E contrasta persino con l’esito della perizia tecnica disposta dalla Corte d’Appello di Salerno che, due settimane, ha dato ragione alla coppia di genitori. “Secondo noi, è diventata solo successivamente tetraparaplegica”, è la linea difensiva dell’ospedale. Il 26 novembre 2019 arriva finalmente la sentenza di primo grado che “dichiarata la responsabilità dei sanitari del Cardarelli che ebbero in cura la minore Arianna Manzo in relazione ai postumi dalla stessa riportati, causalmente riconducibili alla condotta dei medesimi, condanna l’Azienda ospedaliera di rilievo nazionale “A. Cardarelli” di Napoli” a pagare un totale di circa 3 milioni di euro. Un risarcimento che, in questi casi, va corrisposto (quasi) nell’immediato.

L’azienda ospedaliera decide di fare ricorso in Appello. E non solo: chiede anche che l’ordine esecutivo di pagare il dovuto venga sospeso. I giudici dell’Appello si riservano di decidere. Non per una settimana o due ma per ben sette mesi. Finché il 13 luglio del 2020 decidono per la sospensione del pagamento. “Ove si desse luogo alla esecuzione della condanna emessa in primo grado sulla base di un titolo di cui si prospetta la necessità di una meditata verifica in questo grado di giudizio, - scrivono i magistrati a margine della sentenza - la parte obbligata si vedrebbe esposta all’evenienza di dover subire un esborso di rilevante entità con il rischio di non poterlo recuperare in caso di esito favorevole del giudizio”.

Sono trascorsi due anni dalla sentenza e nulla è cambiato nella vita dei genitori di Arianna che, con 900 euro di stipendio e 500 di accompagnamento, non possono neanche permettersi una casa su misura per la figlioletta. Non una villa extra lusso con affaccio sul golfo di Napoli ma un appartamento in buone condizioni, possibilmente con accessi facilitati per i disabili (del resto, siamo nel 2021). Ad ogni modo, il dado non è stato ancora tratto: la prossima udienza d’Appello è fissata per il 13 gennaio. La mamma di Arianna, però, è arrivata allo stremo: “Se dopo dieci anni dalla nostra sciagura pensano di trovarci come al mercato a parlare di mele e di per, possiamo pure starcene a casa”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/11/2021
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Marco Tarquinio parliamone….

Caro Marco, ci conosciamo da un quarto di secolo e i miei primi anni di vita professionale li ho condotti apprezzando le tue doti di collega accorto e ligio, aiutando credo in maniera decisiva la tua scalata alla direzione di Avvenire. Mi permetterò dunque la franchezza per una volta spoglia dalle ipocrisie del cattolichese, a cui il tuo giornale quotidianamente ci abitua. Il riferimento è alla lettera di Valeria Fedeli e alla tua risposta pubblicate il 20 dicembre 2016 sotto il titolo “Fedeli: il mio impegno per educare alla parità tra uomo e donna”. Il Popolo della Famiglia, movimento che presiedo, non chiama la signora ministro o ministra o che dir si voglia, è indegnamente seduta a viale Trastevere avendo mentito sui suoi titoli di studio, millantato una laurea mai posseduta, addirittura non ha mai sostenuto neanche l’esame di maturità. Abbiamo dimostrato questi fatti con evidenza, colei che noi chiamiamo “pinocchia” li ha candidamente ammessi, con arroganza non ha presentato le dimissioni che sarebbero state considerate naturali e ovvie in qualsiasi paese del mondo. Anzi, cerca legittimazione venendo a scrivere una lettera densa di bugie proprio al direttore di Avvenire, che non ritiene di menzionare l’incidente del titolo di studio inventato (per non dover menzionare il Popolo della Famiglia), mentre nello scritto della signora riscontra “lineare chiarezza

Leggi tutto

Politica

A Torino si lava il cervello alla P.A.

L’unica cosa sulla quale concordo con l’assessore ArciGay Giusta è il fatto che il tema del linguaggio non sia una questione di puntiglio. Per i motivi esattamente opposti ai suoi. Il linguaggio esprime sempre una struttura di valori e costumi che si porta dietro e più in generale potremmo dire davvero che veicola una visione antropologia precisa. Ogni lingua ha una storia, ogni lingua è espressione della cultura di un popolo. Ed è per questo motivo che oggi più che mai è necessario puntigliosamente tornare a ridare alla parole il loro originario e reale significato. Altrimenti si rischia solo di violentare non solo un linguaggio, ma evidentemente l’insieme dei valori e storie che esso (il linguaggio) si porta con sé e veicola. Un linguaggio che forzosamente livella le differenze non solo violenta l’uso delle parole, ma soprattutto appiattisce a ribasso la bellezza variegata della realtà.

Leggi tutto

Politica

Cosa accade realmente nel Popolo della Famiglia

Mario Adinolfi traccia un’analisi degli avvenimenti che hanno contraddistinto la settimana del PDF.

Leggi tutto

Politica

Ursula, non sei il mio presidente

Leggi tutto

Politica

Al Paese serve la nostra lucida e visionaria follia

I prossimi quattro anni saranno per il Popolo della Famiglia i più impegnativi dalla sua nascita, perché saranno quelli in cui bisognerà porre le premesse operative per andare al governo del Paese.

Leggi tutto

Società

Il confine da non valicare

Ci troviamo oggi come si trovarono i popolari di Sturzo e De Gasperi negli anni venti del Novecento: o con le squadracce che portarono buona parte del ceto medio a devastare l’Italia liberale da loro ritenuta inadeguata a governare la crisi economica e sociale o con le forze democratiche (diverse per sensibilità ma unite per affezione ai luoghi della partecipazione popolare). Io, noi scegliamo ancora oggi l’opzione popolare con la speranza che questa mamma abbandoni la strada del terrorismo e torni a fare la mamma con uno Stato che finalmente le riconosca il valore pubblico del suo impegno con il reddito di maternità. Il Popolo della Famiglia è nato ed è in campo per questo, ora più che mai.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano