Politica

di Nathan Algren

Pakistan: no alla castrazione chimica

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il segretario del Parlamento per la legge e la giustizia, Malika Bojari, ha annunciato che la castrazione chimica per gli uomini condannati più volte per stupro è stata ritirata perché la castrazione chimica è “anti islamica”, e la Costituzione vieta leggi contrarie al Corano e la Sharia, la legge islamica.

La castrazione chimica era contemplata nella nuova legge contro le violenze sessuali, sostenuta dal presidente Arif Aalvi e dal governo, e approvata due giorni fa dal Parlamento. Durante il dibattito in aula, il parlamentare Mushtaq Ahmed del partito Jamaat-e-Islami, aveva parlato di punizione contraria alla sharia, dicendo che serve invece l’impiccagione pubblica. Secondo fonti dell’emittente televisiva Geo Tv, anche diversi ministri preferiscono la condanna a morte.

Oltre alla castrazione chimica, ora revocata, la nuova legge anti stupro prevede l‘ergastolo o la condanna a morte per gli autori di violenza sessuale di gruppo e processi più rapidi (al massimo quattro mesi) attraverso l’istituzione di tribunali speciali per questo tipo di reato. Ci sarà anche un registro dei condannati per reati sessuali, il divieto della pubblicazione del nome della vittima e pene fino a tre anni di carcere in caso di indagini di polizia negligenti.

In Pakistan vi sono crescenti denunce di stupri ai danni di donne e minorenni.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/11/2021
0912/2022
San Siro vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Africa: in crescita le spese militari

Le spese militari stanno indebolendo la capacità dei responsabili politici locali di effettuare investimenti pubblici in infrastrutture vitali per lo sviluppo economico e il miglioramento delle condizioni di vita delle loro popolazioni. Questo a sua volta genera malcontento e frustrazione specie tra i giovani, alcuni dei quali vanno ad alimentare i gruppi di guerriglia che operano nella regione.

Leggi tutto

Storie

PAKISTAN - Fare di più per tutelare la libertà religiosa

La condizione della libertà religiosa in Pakistan desta preoccupazione: assistiamo a dozzine di episodi di violenza della folla, all’uso improprio delle leggi sulla blasfemia, conversioni forzate e profanazione dei luoghi di culto

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il caos in Nicaragua

Papa Francesco all’Angelus: si possano trovare nuove basi per una convivenza rispettosa e pacifica

Leggi tutto

Società

KAZAKHSTAN - Abolita la pena di morte

Papa Francesco si è più volte espresso per l’abolizione della pena di morte, ritenuta “contraria al Vangelo”

Leggi tutto

Storie

Pakistan - Ragazza cristiana di 15 anni rapita

Caricata su un rickshaw da due persone note mentre si recava al lavoro come domestica. Si teme che come già avvenuto in tanti altri casi i sequestratori presentino un certificano di conversione all’islam per registrare un matrimonio

Leggi tutto

Storie

BANGLADESH - Preghiera per l’abolizione della pena di morte

In Bangladesh, negli ultimi 6 mesi, 162 persone sono state condannate a morte nei tribunali di tutto il paese. La disposizione della pena di morte è in vigore nel Codice penale del Bangladesh per 33 reati. Nel 2020 il governo ha approvato la pena di morte anche come pena massima per il reato di stupro. Secondo Amnesty International, il numero di esecuzioni capitali in Bangladesh è aumentato del 60% nel 2021 rispetto all’anno precedente.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano