{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Omicidio Cerciello Rega: prof condannata

Storie

di Raffaele Dicembrino

Omicidio Cerciello Rega: prof condannata

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

E’ stata condannata a otto mesi di reclusione Eliana Frontini, la professoressa di Novara che nel 2019 scrisse sui social “un carabiniere in meno”, riferendosi all’omicidio di Mario Cerciello Rega, ucciso a Roma la notte fra il 25 e il 26 luglio al termine di uno scontro con due giovani americani. La donna, per la quale la pm Silvia Baglivo aveva chiesto tre mesi, è stata accusata di vilipendio alle Forze armate e diffamazione. Assolto, invece, il marito della donna, Norberto Breccia, che era accusato di favoreggiamento per aver tentato di sviare le indagini accollandosi la responsabilità del gesto.

“Uno in meno e chiaramente con sguardo poco intelligente. Non ne sentiremo la mancanza”, aveva scritto la donna sul gruppo Facebook “Sei di Novara se…”. La prof dell’istituto Pascal di Romentino è stata processata con rito abbreviato. E, secondo quanto riporta il Corriere della Sera, non era presente in Aula, così come il marito. La donna dovrà risarcire anche le parti civili entro un anno per ottenere il beneficio della sospensione condizionale della pena. Si tratta di 8mila euro, da risarcire alla vedova del carabiniere ucciso, Rosa Maria Esilio, e 5mila euro per il ministero della Difesa.

«Abbiamo appreso della condanna a 8 mesi pronunciata nei confronti di Eliana Frontini, l’insegnante novarese che commentò su facebook la morte del vice brigadiere dell’Arma dei Carabinieri Mario Cerciello Rega, sostenendo “meno uno” e che nessuno avrebbe sentito la mancanza di una persona con lo sguardo poco intelligente. Riteniamo che la poca intelligenza risieda in quel commento e accogliamo favorevolmente la punizione inflitta. La lezione questa volta l’ha avuta la professoressa». Lo dichiara Fabio Conestà, Segretario Generale del Movimento Sindacale Autonomo di Polizia (Mosap).

«Ci auguriamo - prosegue Conestà – che questa condanna sia da monito per tutti coloro i quali gettano fango sui servitori dello Stato, denigrandoli finanche avvolti nel tricolore come accaduto con il povero collega Cerciello Rega. Il rispetto degli uomini e le donne che indossano la divisa, si traduce nel rispetto nei confronti dello Stato e delle istituzioni che rappresentano. Un’insegnante questo avrebbe dovuto saperlo, ma siamo sicuri – conclude – che ora lo abbia capito».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/11/2021
3011/2022
Sant'Andrea

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Bagnasco e l’impegno dei cattolici

La prolusione del Cardinale Angelo Bagnasco al Consiglio permanente della Cei è stata di impressionante nettezza. Il richiamo alla «famiglia come baricentro esistenziale da preservare» è stato condito da una serie di affermazioni che tracciano la strada all’impegno dei cattolici italiani

Leggi tutto

Media

La gelida propaganda del poliamore fotografato

Nick e Celeste, 35 e 34 anni, si sono incontrati col servizio okCupid. Il partner sessuale primario di Nick è Celeste, ma egli ha altre due partner che vede un paio di volte al mese e ne sta attivamente cercando altre. Nick ha detto a Celeste di amarla occasionalmente con un po’ di imbarazzo, ma anche Celeste ha molti rapporti sessuali con altre persone, con un paio ha una relazione profonda. Nick e Celeste andranno a vivere insieme, quindi stanno cercando di dare un nome alla loro relazione: sono compagni statisticamente significativi.

Leggi tutto

Politica

I numeri dell’estate

65. Sono i bambini nati in famiglie meridionali che, su 100, quest’estate non andranno in vacanza: le loro mamme e i loro papà non hanno i soldi per portarli al mare o in montagna. Un bambino su tre a livello nazionale non si muoverà dall’abituale luogo di residenza per tutta l’estate. In Italia 1.619.000 famiglie sono in condizione di povertà assoluta. E la Boldrini pensa a farsi blindare il nuovo appartamento. Dal 4 agosto i parlamentari della diciassettesima legislatura repubblicana saranno tutti e 945 in ferie, senza aver risolto nessuna delle drammatiche emergenze che attanagliano il paese: denatalità, povertà, debito pubblico, occupazione, immigrazione selvaggia, dissesto idrogeologico hanno fatto tutti segnare nuovi record anno dopo anno in questa legislatura. Però questi 945 genietti hanno fatto la legge sul divorzio breve e le unioni civili, se si impegnano fanno approvare anche quella sull’eutanasia all’italiana e sulla droga libera. Un ragazzo su cinque (19.9% degli under 24 per essere precisi, rapporto Commissione Europea) non studia, non lavora, non cerca lavoro. Sta abulico sul divano a consumare patrimonio e stipendio di mamma e papà più pensione (bassa) dei nonni. Brava Boldrini. Bravi tutti lì in Parlamento. Buone vacanze, eh…

Leggi tutto

Politica

Il programma del PdF per te

Il 4 Marzo si avvicina e con esso anche la possibilità di cambiare l’Italia. Il Popolo della Famiglia è pronto a prendersi questo impegno ed in questo programma impregnato di sostanza e Fede trovate le risposte a come è possibile farlo!

Leggi tutto

Politica

Sette buone ragioni per andare a firmare la proposta del PdF

Il conservatore guarda indietro per andare avanti» (Prezzolini). Ecco perché tornare alla famiglia

Leggi tutto

Politica

VALUTAZIONI POLITICHE SU VERONA

Finalmente si può parlare del Congresso di Verona potendo commentare le parole effettivamente pronunciate, lasciando da parte i sentito dire, ed è un bel sollievo: basta dietrologie e spazio alla valutazioni su quanto si è affermato.  Il Popolo della Famiglia come si sa non partecipa al Congresso di Verona proprio per il legame evidente e troppo stretto che si è voluto creare con un governo la cui azione è giudicata molto negativamente

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano