Storie

di Roberto Signori

Gli antidepressivi contro il covid?

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

In attesa degli antivirali orali di Merk e Pfizer la ricerca di terapie efficaci contro Covid 19 non si ferma. E uno studio dell’Università della California di San Francisco indica un candidato estremamente promettente: una classe di medicinali conosciuti come inibitori selettivi del reuptake della serotonina (o Ssri), farmaci utilizzati da decenni come antidepressivi, di cui fa parte la fluoxetina, meglio nota con il nome commerciale di prozac. Proprio quest’ultimo, scrivono i ricercatori americani sulle pagine di Jama Network Open, ha dimostrato il potenziale maggiore per i pazienti Covid, riducendo del 28% il rischio di decesso in caso di malattia.

I dati arrivano dall’analisi delle cartelle cliniche di oltre 83mila pazienti che hanno ricevuto una diagnosi di Covid 19 negli Usa durante il 2020, di cui 3.400 erano già in trattamento con Ssri per disturbi come ansia e depressione. Grazie all’ampio set di dati, i ricercatori hanno potuto verificare l’effetto dei farmaci sulla prognosi dei pazienti che li assumevano, comparando il loro percorso di malattia con quello di un gruppo paragonabile per età, caratteristiche demografiche e socioeconomiche, ed eventuali fattori di rischio come obesità, diabete o problemi cardiovascolari, ma non in terapia con antidepressivi Ssri.

I risultati dell’analisi hanno dimostrato che tutti gli antidepressivi studiati sono associati con un minore rischio di decesso in caso di Covid. Gli effetti più evidenti sono emersi per i pazienti in trattamento con fluoxetina, con una riduzione della mortalità del 28%, e per quelli in terapia o con fluoxetina o con fluovaxamina, per i quali il rischio di decesso è risultato minore del 26% rispetto ai pazienti che non assumevano antidepressivi. Guardando all’intera classe di farmaci, essere in trattamento con un qualunque Ssri è risultato associato a una meno marcata, ma comunque statisticamente rilevante, riduzione del rischio di decesso per Covid dell’8%.

La ricerca è un cosiddetto studio retrospettivo, pensato unicamente per individuare correlazioni statistiche: può quindi stabilire che tra i pazienti analizzati chi assumeva i farmaci è morto di meno, ma non può dirci con certezza se questo sia dovuto all’azione dei medicinali, o ad altre caratteristiche dei pazienti in questione. Non di meno, i suoi autori ritengono che con risultati simili è auspicabile indagare più a fondo l’efficacia anti Covid degli inibitori selettivi del reuptake della serotonina, con studi clinici che possano confermare definitivamente l’effetto protettivo contro la malattia, e aprire le porte al loro utilizzo clinico.
Si tratterebbe infatti di un’importante arma in più, nonostante sia ormai imminente l’arrivo dei nuovi antivirali orali di Merk e Pfizer, più efficaci, ma che verosimilmente saranno riservati ai pazienti più gravi, per via di un costo elevato che supera i 700 euro a trattamento.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/11/2021
2909/2022
Ss. Michele, Gabriele e Raffaele arcangeli

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Si allarga il fronte anti-green pass

La posizione di Popolo della Famiglia, Italexit, Movimento Universitario contro le Discriminazioni, Movimento Universitario per Scuola e Istituti di Istruzione Secondaria

Leggi tutto

Società

Bassetti: “Vaccinare tutti gli omosessuali”

Il vaiolo delle scimmie, turba gli animi e crea nervosismo al ministero della Salute. Per fortuna Speranza sta per essere accantonato dal voto degli italiani

Leggi tutto

Politica

Mario Adinolfi, il cavaliere nero

Su Reteluna è uscita una lunga intervista, per chi è proprio molto curioso di alcuni dettagli sulla vita vita presente e passata di Mario Adinolfi: “Ho imparato che conta solo ciò che dura. Quanto alla visibilità, non l’ho mai cercata: mica ci guadagni nulla se finisci cento volte su Dagospia”.

Leggi tutto

Società

De Lieto(LI.SI.PO.): ” Compromessa la liberta’ dei cittadini”

Il sindacato di polizia interviene sulle ultime idee del Governo Draghi per arrestare il covid.

Leggi tutto

Politica

Vaccini tra obbligo e raccomandazione

La Legge 25 febbraio 1992 n. 210 prevede un meccanismo indennitario per l’ipotesi di danni a causa di vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni o somministrazioni di emoderivati; in particolare prevede un indennizzo da parte dello Stato a fronte di ogni menomazione permanente dell’integrità psico fisica conseguente ad una vaccinazione obbligatoria.

Leggi tutto

Società

Vaccini: gli italiani non fanno la terza dose

Il quadro vaccinale che si ricava dal report del governo (aggiornato al 18 febbraio) evidenzia come ci sia un grande numero di persone che, dopo il completamento del ciclo primario, sono in attesa della terza dose: 11,346 milioni. Il gruppo più consistente è quello di ragazzi e ragazze tra i 12 e 19 anni (2,104 milioni), anche se in questo caso va ricordato che si tratta di una platea ammessa alla vaccinazione in un secondo tempo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano