Politica

di redazione

lL proposta di De Carli (PdF): “Un intergruppo comunale Italia-Cine libere”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Lancio oggi questa iniziativa dopo le drammatiche notizie che arrivano ogni settimane da Taiwan”. Mirko De Carli, consigliere comunale a Riolo Terme del Popolo della Famiglia, commenta così la sua proposta”: “Un tempo il simbolo della lotta per la libertà in Cina era solo il Dalai Lama, ora lo sono anche i militanti di Hong Kong, il governo di Taiwan, la resistenza degli uiguri: ecco perché propongo che nel nostro comune, per primo in Italia ci sia un intergruppo Italia-Cine libere”.

“Come il Dalai Lama considero lo statuto degasperiano dell’Alto Adige un modello per la convivenza dei tibetani in uno stato cinese che tolleri e valorizzi le diverse culture ma penso che gli Stati Uniti d’Europa, terreno su cui il leader democristiano incontrò Altiero Spinelli, sia il faro per futuri Stati Uniti delle Cine che garantirebbero diritti democratici innanzitutto alla maggioranza Han in quella regione dell’Asia. Invito quindi tutti i miei colleghi consiglieri a far parte di questo intergruppo e a pensare a iniziative per diffondere a livello locale la conoscenza delle lotte per la libertà delle minoranze sotto il giogo di Pechino. Colgo infine l’occasione per un pensiero per le difficoltà che incontra chi nella Cina che predica l’ateismo di stato vuole professare una fede religiosa come quella cattolica ma anche le altre come il buddismo tibetano e l’Islam uiguro”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/11/2021
3011/2022
Sant'Andrea

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Aborto, Chiesa e misericordia

Si è scatenato un polverone mediatico che riduce la Lettera apostolica di Papa Francesco alla
(presunta) abolizione del peccato di aborto. Nella scia di questa declinazione disonesta si sono
inseriti gli opportunismi politici e culturali di Monica Cirinnà e Roberto Saviano. La Lettera rischia
di essere vanificata dalle consuete dinamiche propagandistiche. Attacco all’obiezione di coscienza

Leggi tutto

Politica

Famiglia, la vaghezza di Paolo Gentiloni

Si barcamena tra l’omaggio formale alla cellula fondamentale del «tessuto della nostra società», nonché «principio costituzionale e fondamento della Repubblica», e vaghe allusioni alle forzature
governative sulla legge Cirinnà. Poi incensa a parole il ruolo decisivo del credito privato italiano nelresistere al debito pubblico ma avverte, come la Boschi su Avvenire: non ci saranno grandi regalie.

Leggi tutto

Politica

Reddito di maternità: ecco tutto quello che c’è da sapere

Il Popolo della Famiglia avvia con la bollinatura della proposta di legge di iniziativa popolare un iter politico che lo porta ad affermarsi quale forza extraparlamentare ma realmente territoriale. Il termometro mediatico si è acceso sulla germinale riforma del lavoro, e di coseguenza su quella fiscale da questa implicata, che vi si trova in nuce. La meta è raccogliere almeno 50mila firme in 6 mesi.

Leggi tutto

Politica

Elisa Rossini e la richiesta di revoca dell’adesione alla Carta d’intenti Ready

IL TESTO DELL’INTERVENTO DI ELISA ROSSINI,  IN CONSIGLIO COMUNALE, SULLA RICHIESTA DI REVOCA DELL’ADESIONE ALLA CARTA DI’INTENTI READY (RETE NAZIONALE ANTIDISCRIMINAZIONI SULLA BASE DELL’ORIENTAMENTO SESSUALE E IDENTITA’ DI GENERE)

Leggi tutto

Politica

Verso la stage dei penultimi

Leggo Renzi che dice a Conte che deve fare come il presidente del Trentino e modificare il Dpcm tenendo aperto tutto fino alle 22. Questi manco si mettono d’accordo tra loro prima di varare un provvedimento più dannoso che inutile. Ormai siamo al Governo di Pulcinellopoli. Tra sei giorni saremo a trentamila contagi/giorno. E dovranno fare un nuovo Dpcm. Non credo ricalcato su quello del Trentino.

Leggi tutto

Società

L’INSOPPORTABILE PIAGNISTEO DEI PANCIAPIENA E I LORO SUBDOLI INTENTI

In questi giorni tutte le prime donne della nota lobby filomassonica si sono messe a piagnucolare per l’esito negativo della votazione al senato sul liberticida DDL Zan. Gli duole parecchio il fatto di non essere riusciti a schiaffarci nelle patrie galere, non riescono a farsene una ragione. Ma non demordono e si sono messi alacremente a cannoneggiare smascherando i loro subdoli intenti. Abbiamo vinto una battaglia ma non la guerra, occorre proseguire nella lotta.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano