Società

di Nathan Algren

Vaccinati per morire

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Una dichiarazione rilasciata dall’Associazione sostiene che l’eutanasia e i preparativi associati, necessitano di “vicinanza umana” che è “un prerequisito e un terreno fertile per la trasmissione del coronavirus”.

Cosi’ mentre diversi paesi europei si sono mossi per introdurre nuove restrizioni volte a frenare la diffusione del COVID-19, l’Associazione per l’Eutanasia (Verein Sterbehilfe) in Germania ha annunciato che ora renderà la sua assistenza solo alle persone che sono state vaccinate o sono guarite dalla malattia.

In una dichiarazione pubblicata sul suo sito web, l’Associazione ha sostenuto che sia l’eutanasia stessa che “l’esame preparatorio della responsabilità volontaria dei nostri membri disposti a morire richiedono vicinanza umana”.


“La vicinanza umana, tuttavia, è un prerequisito e un terreno fertile per la trasmissione del coronavirus”, si legge nella dichiarazione. “A partire da oggi, la regola delle 2G si applica nella nostra Associazione, integrata da misure legate alla situazione, come i test rapidi prima degli incontri in stanze chiuse”.

Scondo Deutsche Welle, la regola delle “2G” è un riferimento a un sistema che permette “la libera circolazione per le attività del tempo libero solo per i ‘geimpft oder genesen’ (‘vaccinati o guariti’)”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/11/2021
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Alternative für Deutschland: lezioni da imparare

Il “giornalista collettivo” non ha ancora imparato la lezione: in tempo di analfabetismo sociopolitico e di malcontento diffuso attaccare un partito rampante con l’epiteto di “populista” si rivela controproducente. Il partito fondato da Frauke Petry e oggi diretto da Alice Weidel deve invece interpellare a fondo l’anima popolare d’Europa (i punti guadagnati da AfD sono quelli persi da CDU): non mancano le ambiguità e le contraddizioni, ma vanno studiate.

Leggi tutto

Politica

Lettera al signor ministro

Lei è Ministro delle Pari Opportunità e poi dopo della Famiglia. Quindi per Lei le Pari Opportunità sono più importanti. Perfetto, allora, iniziamo con queste. Uomini e donne vivono la famiglia e il lavoro diversamente: spiace iniziare con la biologia, ma le mamme mettono ancora al mondo bambini e ne hanno bisogno (si pensi a quante donne, passati i trentacinque anni, chiedono di avere accesso alle tecniche di fecondazione assistita: circa 78 mila coppie nel 2017, ma ahinoi solo 13 mila bambini, nascono), i bambini poppano ancora da mamma e/o comunque hanno necessità di stare con questa più a lungo possibile. Inoltre i bambini maturano la loro parziale autonomia nei primi tre anni di vita, e durante questi tre anni (dalla nascita ai 36 mesi), si forma tutto il loro bagaglio psicologico che la Teoria dell’Attaccamento (cfr. 100.000 baci

Leggi tutto

Chiesa

Pandemia: prorogate le indulgenze per i defunti

A causa del perdurare della pandemia e delle misure di contenimento, la Penitenzieria Apostolica viene incontro alle richieste avanzate da numerosi vescovi emanando un Decreto in cui si annuncia l’estensione delle indulgenze per tutto il mese di Novembre

Leggi tutto

Società

Il Belgio “suicida” i bambini

Un rapporto pubblicato in Belgio con il titolo Archives of Disease in Childhood. Fetal and Neonatal Edition (Archivi delle Malattie nell’Infanzia – Edizione Fetale e Neonatale) registra che 24 bambini sono stati uccisi con l’eutanasia nel Paese.

Leggi tutto

Politica

Putin: il gender è come il coronavirus

Il presidente russo non teme nessuno e non frena il suo pensiero sull’ideologia gender definita “come il coronavirus”

Leggi tutto

Storie

Docente no Green pass, “ecco perchè non mi vaccino”

Quanto ai rischi per la salute, Pigozzi ha le idee chiare. “So quello che rischio - dice -, ma anche chi si vaccina sta rischiando”. Quanto alla sua vita quotidiana, ormai è limitata al minimo indispensabile. “L’Italia è il Paese con più restrizioni possibili - spiega -, io posso solo fare la spesa, prendere l’auto e al massimo un caffè al bar da asporto. Ma chi paga il prezzo sociale più alto - conclude - sono i giovani”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano