Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Il Cardinale Erdő: “Fondamentale il collegamento tra il diritto e la vita”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il diritto non è astratto, la storia giuridica non è slegata dalla vita. Anzi, ogni riflessione sul diritto nasce da un caso concreto, risponde ad una necessità, contribuisce a creare una comunità giusta. In un momento storico in cui il diritto canonico sembra essere in crisi, il Cardinale Péter Erdő, arcivescovo di Esztergom-Budapest ribadisce invece l’importanza di una società fondata sul diritto.

L’occasione è la presentazione, in Pontificia Università Lateranense, del suo volume “Il Diritto Canonico tra Salvezza e Realtà Sociale”, curato da padre Bruno Esposito. Diviso in quattro parti, il volume rappresenta una ampia panoramica non solo della produzione accademica del cardinale, ma anche della storia giuridica. E già nel titolo dei saggi si può vedere la stretta connessione con la realtà attuale. Si parla dei principi fondamentali del magistero del Concilio Vaticano II su Chiesa e beni temporali, di Leggi ingiuste e libertà religiosa, dei criteri di discernimento e non solo… Infatti si trovano argomenti inerenti la reciprocità delle Chiese cattoliche sui iuris, del primato Romano, delle basi teologiche delle conferenze episcopali e di questioni interrituali, e del consenso del vescovo richiesto per la costruzione delle Chiese. Fino ad arrivare al ema del diritto processuale, che affronta anche temi come la certezza morale nella pronuncia del giudice.

Sono saggi che sono stati scritti in epoche diverse, ma che rappresentano, in fondo, uno spaccato dei problemi di oggi. Specialmente in un momento in cui il diritto canonico, che dovrebbe essere prima fonte normativa anche all’interno dello Stato di Città del Vaticano, sembra essere messo da parte anche in occasione di processi penali dello Stato.

Questo collegamento tra diritto e fatti concreti è stato sottolineato con forza dal Cardinale Erdő. Il quale è entrato proprio nella concretezza di alcuni dei temi affrontati. “Mi ero dovuto occupare del consenso della costruzione delle chiesa – ha raccontato – perché un architetto fantasioso voleva costruirne una in un posto appariscente di Budapest, e non aveva nemmeno chiesto il permesso. Poi mi aveva attaccato sulla stampa dicendo che non lo permettevo”.

Inoltre ha sottolineato l’arcivescovo di Budapest – “nella Chiesa, la lingua non è solo un mezzo di comunicazione, ma anche uno strumento per arrivare al cuore di una persona e questo lo avevano già scoperto gli autori del Rinascimento e del XVI secolo”. Per questo “non è superfluo rispettare questo aspetto”.

Insomma, ogni studio è collegato alla vita. “Spero di aver mostrato che il collegamento tra la storia giuridica e la nostra vita è tutt’oggi fondamentale”. E ha ricordato che, nella Chiesa, tutto è volto prima di tutto “all’incontro con Gesù come esperienza personale e spirituale, che abbiamo anche potuto sperimentare durante l’ultimo Congresso Eucaristico”.

.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/11/2021
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa e libri gender: l’imbroglio del Corsera

E’ vergognoso che i media più autorevoli del paese si prestino a questo gioco infame di burattinai avidi che propagandano il falso spacciandolo per vero

Leggi tutto

Media

L’ Europa contesa fra transumanisti e bioconservatori

Cosa è avvenuto alla seconda festa nazionale de La Croce: cosa resta dei diritti umani nel Vecchio Continente?

Leggi tutto

Politica

La nuova #roadmap per il Popolo della Famiglia

La percentuale dello 0.7% ha creato in alcuni – devo dire in realtà pochi – una certa delusione. Ora, è ovvio che sarebbe stato meglio ottenere un risultato maggiore, ma la domanda che dobbiamo porci è un’altra: «Noi abbiamo fatto davvero tutto il possibile?». Io credo di sì. Io credo che nelle circostanze date, abbiamo fatto davvero tutto quello che era nel novero delle nostre possibilità. Ora occorre cambiare le condizioni, cominciando proprio dall’allargamento della percentuale di italiani che conoscono il Popolo della Famiglia

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: libertà e diversità fanno paura

È un clima cordiale e familiare a caratterizzare gli incontri di Papa Francesco con i gesuiti durante i suoi viaggi apostolici. Così è stato anche in Slovacchia quando il 12 settembre, nella Nunziatura apostolica di Bratislava, si è ritagliato circa un’ora e mezza con i confratelli del Paese visitato. Questo l’incontro di cui La Civiltà Cattolica riporta la conversazione

Leggi tutto

Chiesa

Messaggio del Papa alle Amministrazioni Apostoliche per i cattolici russi

L’intera comunità cattolica della Federazione Russa diventi “un seme evangelico che, con gioia e umiltà, offra una limpida trasparenza del Regno di Dio”. È la speranza di Francesco affidata ad un messaggio in occasione del 30° anniversario dell’istituzione delle Amministrazioni Apostoliche per i cattolici di rito latino in Russia, nel quale augura a tutta quella comunità di essere “in ricerca vocazionale protesa alla comunione con tutti”, perché esserne testimoni “è tanto gradito a Dio e contribuisce al bene comune dell’intera società. In particolare, la testimonianza cristiana eccelle nel farsi carico degli altri, specialmente dei più bisognosi e trascurati”.

Leggi tutto

Chiesa

Il cardinale Sarah ed i migranti

«La mia reazione è ribellarmi». Ha esordito così il proprio commento Robert Sarah, cardinale africano della Chiesa cattolica, prefetto emerito della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti, intervistato ieri mattina da Sonia Mabrouk per Europe Matin in merito alla morte di almeno 27 migranti provenienti dall’Africa avvenuta mercoledì nella Manica, al largo della città francese di Calais.

Sarah ha quindi dato corso al proprio pensiero – di certo controcorrente e probabilmente destinato a sus

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano