Società

di la redazione

Lettera aperta alla Preside del liceo Dini, a Pisa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il Popolo della Famiglia Firenze ha preso nota della recente questione della c.d. identità “alias”, sollevata da una studentessa del Liceo Ulisse Dini di Pisa, la quale, a motivo di un disagio psicologico, chiede di farsi chiamare con un nome diverso da quello anagrafico, e di sesso opposto al suo. Riprendiamo Il fatto come lo riporta il quotidiano La Stampa in versione web.

Il referente del Popolo della Famiglia per Firenze, Pier Luigi Tossani, ne scrive in lettera aperta alla Preside, Adriana Piccigallo.

“Gentile Preside, siamo del parere che avallare la richiesta della sua studente andrebbe, in buona sostanza, a demolire le basi antropologiche della nostra civiltà, come la conosciamo da millenni a questa parte. Acconsentire alla procedura “alias” equivarrebbe non soltanto a destabilizzare ulteriormente la psiche della giovane, ma, se tramite l’Ospedale di Careggi, che pare coinvolto nella vicenda, si procedesse anche a trattamenti ormonali e/o chirurgici, si andrebbe a danneggiarne anche il corpo, che è ancora nella delicata fase evolutiva, e forse in modo irreversibile. In ultima analisi, si renderebbe la giovane ancora più infelice, come insegna l’amara esperienza di Keira Bell. “Non si torna indietro”, diceva la giovane britannica, che è rimasta “bloccata tra i due sessi” ad opera di altrettanto infelicissime iniziative di istituzioni e di figure adulte che si sono servite di lei per affermare la loro visione ideologica, costi quel che costi.

Riteniamo che sarebbe una responsabilità gravissima quella che, come scuola, vi andreste ad assumere. Sappiamo che quella in argomento è una posizione che gode notoriamente di sponsor e fiancheggiatori assai potenti. Ma, da parte nostra, non ci sottraiamo al dovere etico e civile di rappresentarne le insanabili criticità strutturali, anche al Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, che ci legge per conoscenza. Anzi, riteniamo che la c.d. “disforia di genere”, più che un vissuto personale, sia un disagio appositamente creato e indotto nei giovani in difficoltà psicologica, ad opera di certo mondo adulto, disposto a tutto, pur di portare avanti la propria visione prometeica dell’uomo. Quindi, nulla di nuovo sotto il sole. L’esito finale di questa manovra non può essere che quello della fine del mitologico titano, preteso amico dell’umanità e fautore del “progresso”.

Restiamo colpiti, se risponde a verità quanto riferito dai media, dall’approvazione dell’iniziativa da parte dei genitori della ragazza, nonché da parte di quella che speriamo sia solo una parte degli studenti e del corpo insegnante. Certo, il procedere nella direzione prospettata comporterebbe anche la violazione anagrafica dell’univocità dell’identità della persona, e anche la clamorosa umiliazione che verrebbe inferta a quella parte di professori e del personale scolastico dissenziente dall’operazione, la quale si vedrebbe costretta, in aperta sfida alla realtà, a rivolgersi alla giovane chiamandola non solo con un nome che non è il suo, ma perfino diverso dal suo proprio sesso biologico - mentre il sesso femminile o maschile resta un dato di fatto, e non un’opinione propria o altrui. Se vi sono dei giovani che hanno dei problemi di identità, non è certo questo il modo di aiutarli. In ultimo restiamo colpiti anche dal resoconto fatto dalla giornalista de “La Stampa”, che già si riferisce ripetutamente alla ragazza col pronome maschile, dando la transizione già come acquisita. Siamo già molto avanti in questo processo, evidentemente.

Da parte nostra, desideriamo mettere in guardia tutte le parti in causa da ambiguità nocivissime, salvaguardando l’unicità e l’univocità ontologica della persona, per il suo stesso bene.

E, poiché oggi non è più il tempo del “si fa così e basta”, ma è necessario confrontarsi con i giovani, dando le ragioni del “perché” delle cose, siamo senz’altro disponibili a un incontro pubblico con Lei, Gentile Preside, e con i Suoi studenti”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/11/2021
3009/2022
S. Girolamo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Senza precedenti

In Italia nell’era dell’informazione “somministrata” questo esercizio giornalistico non si fa mai, ma il Financial Times ha pubblicato le cifre del giro d’affari garantito nel 2021-22 a Pfizer e Moderna grazie al vaccino: 135 miliardi di $

Leggi tutto

Politica

10 stati USA propongono leggi contro i bloccanti della pubertà

I legislatori hanno presentato i progetti di legge in almeno dieci stati, tra cui Alabama, Alaska, Arizona, Georgia, Indiana, Kentucky, Missouri, New Hampshire, Oklahoma e South Dakota.

Leggi tutto

Storie

Si fa rimuovere organi sessuali ma poi se ne pente

Il Daily Mail ha recentemente riportato il caso di un giovane britannico, a cui sono stati rimossi i genitali durante un intervento chirurgico di riassegnazione di genere, che sì è pentito di averlo fatto e che ha citato in giudizio il sistema sanitario nazionale (SSN) per il fatto di non essere stato informato adeguatamente su tutte le conseguenze dell’operazione.

Leggi tutto

Storie

UK. Pedofilo seriale transgender sarà rinchiuso in un carcere femminile

In Inghilterra e negli altri paesi che hanno ormai pienamente accettato i principi dell’ideologia Gender, tra cui soprattutto quello dell’auto-identificazione di genere, le decisioni che finiscono per discriminare le donne sono ormai sempre più frequenti.

Leggi tutto

Chiesa

Bagnasco duro su gender e ddl Cirinnà

Nella sua prolusione all’assemblea della Cei il cardinale presidente stigmatizza l’azione del Parlamento su famiglia e scuola

Leggi tutto

Politica

Ops, l’odiato Trump vince ancora

Trump che fa? Il misogino Trump, il riccastro Trump come risponde? Candida una donna ma stanzia un budget di appena quattro milioni di dollari. Oddio, ho scritto appena, ma per una elezione distrettuale è comunque una montagna di danaro. Certo, paragonata ai cinquanta milioni in dote al candidato dei democrats sembra un topolino. Ma la donna è coriacea, sa di doversi battere, in quel distretto di Atlanta alle presidenziali Trump ha vinto sì, ma per pochissimi voti e ora tutti dicono che l’inquilino della Casa Bianca è odiatissimo, che ha vinto solo per il bizzarro sistema elettorale americano ma in realtà ha preso meno voti di Hillary Clinton e insomma il 29enne democratico è praticamente certo di diventare deputato, ha il sostegno di tutta la stampa e di tutte le star dello spettacolo e delle principali televisioni. Con quei cinquanta milioni di dollari si è potuto comprare undicimila spot televisivi che hanno bombardato i cittadini di Atlanta notte e dì, spiegando come fosse importante dal punto di vista simbolico quella elezioni, che di lì l’America sarebbe ripartita alla riscossa e menate del genere.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano