Politica

di Raffaele Dicembrino

Papa Francesco ha ricevuto Macron

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il presidente Francese Emmanuel Macron è rimasto per un’ora, a colloquio con Papa Francesco. Il capo dell’Eliseo, accolto da monsignor Leonardo Sapienza, reggente della Casa Pontificia, mentre uno dei gentiluomini di Sua Santità gli porgeva un ombrello dai colori bianchi e gialli della bandiera vaticana, è giunto nel Palazzo Apostolico dopo la firma al Quirinale del Trattato Italia-Francia per la cooperazione bilaterale rafforzata. Proprio nella conferenza stampa subito dopo la firma dell’accordo, Macron, anticipando i temi che avrebbe voluto presentare al Papa tra cui clima e pandemia, ha ricordato i precedenti contatti avuti con il Pontefice. “Ho già parlato di migranti con Papa Francesco, un uomo estremamente lucido e vigile sui problemi del mondo”, ha affermato il capo di Stato. “Parlarne col Papa di diversi temi internazionali, è molto importante: bisogna farlo in qualsiasi momento utile e questo lo è”.

In Vaticano, dopo l’udienza con il Papa, Macron ha incontrato poi il cardinale segretario di Stato, Pietro Parolin, e il segretario per i Rapporti con gli Stati, monsignor Paul Richard Gallagher. “Nel corso dei cordiali colloqui in Segreteria di Stato -specifica una nota della Sala Stampa vaticana - sono stati sottolineati i buoni rapporti bilaterali esistenti, di cui si è da poco celebrato il centenario dalla ripresa”. Il riferimento è alle celebrazioni dello scorso 19 ottobre a Villa Bonaparte tra Parolin e il primo ministro Jean Castex per i cent’anni del ristabilimento delle relazioni diplomatiche nel 1921.

Il comunicato vaticano sottolinea che “nel prosieguo dei colloqui ci si è intrattenuti su alcune questioni di carattere internazionale, tra cui la protezione dell’ambiente alla luce dei risultati della recente Cop26 di Glasgow. Si è avuto pure uno scambio di vedute sulle prospettive della prossima presidenza francese dell’Unione Europea, nonché sull’impegno della Francia in Libano, in Medio Oriente e in Africa”. Cordiale anche il momento del tradizionale scambio di doni con il Papa, al quale Macron ha offerto due biografie di Ignazio di Loyola: la prima è una versione molto rara del 1585 scritta da Giovanni Pietro Maffei, che è stata un riferimento per diversi secoli e che può essere confrontata e messa in prospettiva con una seconda opera, Inigo, di François Sureau, membro dell’Accademia Francese, che offre un breve ritratto del fondatore della Compagnia di Gesù. Una opera a metà tra un saggio e una biografia, che rende un nuovo e moderno omaggio al santo basco. Francesco ha ricambiato con una pittura dipinta su ceramica che rappresenta la Basilica di San Pietro vista dai Giardini vaticani, insieme ad alcuni documenti del pontificato, tra cui il Messaggio per la Giornata mondiale della Pace 2021, il Documento sulla Fratellanza umana siglato ad Abu Dhabi e il libro che raccoglie le più belle immagini della Statio Orbis, la preghiera del Pontefice in piazza San Pietro del 27 marzo 2020, nel picco della pandemia. Sono state diverse le telefonate tra il Papa e Macron dall’inizio del suo quinquennio presidenziale. Una di queste era datata 30 ottobre 2020, giorno dell’attacco alla cattedrale di Nizza dove morirono tre persone. Francesco aveva telefonato al capo di Stato per esprimere il suo dolore e le sue condoglianze. L’ultima conversazione telefonica risale invece al marzo 2021, durata una quarantina di minuti: il presidente aveva colto l’occasione per congratularsi con Francesco per il viaggio in Iraq, definito “una vera svolta” per il Medio Oriente. Entrambi avevano espresso la preoccupazione per le crisi che destabilizzano molte regioni del mondo, e nel corso della conversazione, - riportavano i media d’Oltralpe – si era discusso anche della possibilità di un viaggio papale in Francia, così come quella di una seconda visita di Emmanuel Macron in Vaticano, dopo quella del 26 giugno 2018 durata 57 minuti e quasi interamente incentrata sulla problematica di profughi e migranti.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

27/11/2021
2901/2023
San Valerio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La Francia in piazza per la vita

La mancanza di un progetto genitoriale espone il feto alla concreta possibilità dello scarto. Essendo stata negata la sua esistenza, l’essere soltanto «nella carne» è destinato ad essere patologizzato e assimilato a un tumore. Si scava così un abisso incolmabile tra il feto come accidente, considerato come qualcosa di contingente nel corpo della donna, e il feto «umanizzato» dalla parola della madre. Il problema è che, scrive Boltanski, «gli esseri nella carne non possono essere distinti dagli esseri per la parola». Se «ciò che costituisce un essere umano non è il feto, iscritto nel corpo, ma la sua adozione simbolica», «questa adozione suppone la possibilità di una discriminazione tra embrioni per nulla distinguibili».

Leggi tutto

Società

La pretesa di conquista dell’Islam

Il sondaggio di IPR Marketing sui musulmani d’Italia porta finalmente un po’ di sostanza al dibattito sull’integrazione che si protrae ormai nel solito stanco (e stancante) derby tra rossi e neri.
Un vasto sondaggio corredato da diciotto tabelle, per affrontare le questioni dell’apprendimento della lingua, la questione della donna, le aspettative politiche e le proiezioni per la media scadenza

Leggi tutto

Chiesa

Viaggio Apostolico in Slovacchia: Visita privata al “Centro Betlemme”

Papa Francesco ha poi visitato il Centro Betlemme delle Suore di Madre Teresa che accoglie famiglie e persone in difficoltà: possiamo vedere o non vedere Dio, ma Lui ci accompagna nel cammino della vita

Leggi tutto

Società

Comece è necessario cambiare la finanza

“Servire il bene comune in tempi di cambiamento sistemico” è il documento sull’etica nel settore finanziario pubblicato dalla Comece, la Commissione delle Conferenze Episcopali dell’Unione Europea

Leggi tutto

Chiesa

Giuseppe il santo che aiuta a vedere la luce di Cristo nei poveri

Domani si chiude l’anno speciale dedicato a San Giuseppe aperto da Papa Francesco con la Patris Corde, la Lettera Apostolica che celebra i 150 anni della dichiarazione con la quale Pio IX ha riconosciuto il padre putativo di Gesù Patrono della Chiesa universale. Oggi il Papa ha ricordato San Giuseppe in un tweet

Leggi tutto

Politica

Putin al Papa: “Proteggeremo insieme i cristiani”

Il servizio stampa del Cremlino ha sottolineato che «queste relazioni sono caratterizzate da un alto livello di comprensione reciproca e somiglianza di posizioni su molti problemi del nostro tempo».

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano