Chiesa

di Nathan Algren

Papua occidentale: leader cristiani chiedono la fine delle violenze

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

I leader cristiani della Papua Occidentale chiedono a gran voce la fine delle operazioni militari contro gli indigeni e la possibilità di tenere colloqui di pace. Il locale Consiglio delle Chiese ha stilato un documento in cui invita il governo indonesiano a porre fine alla violenza nelle località di Nduga, Intan Jaya, Puncak, Kiwirok and Maybrat. Un documento che si aggiunge a un altro pronunciamento analogo già diffuso da 194 sacerdoti cattolici locali.

“Fermate le incursioni militari. Rilasciate i civili che sono stati ingiustamente arrestati a Maybrat. A Kiwirok centinaia di case di residenti sono state bombardate dalle Forze di sicurezza. I razzi sono stati sparati dall’alto con gli elicotteri, ma molti non sono esplosi”, ha dichiarato in conferenza stampa il pastore Alberto John Bunai. “Si dice che centinaia di civili siano fuggiti in Papua Nuova Guinea. Non ci sono ancora stime sul numero di morti e di case distrutte. Molte persone sono malate e sono morte di fame nelle foreste. In questo momento la gente ha bisogno di aiuti umanitari”.

“Per risolvere il problema alla radice ciò che serve è il dialogo e la riconciliazione”, ha poi aggiunto Bunai, dopo che 58 anni di conflitti ideologici e politici hanno portato a scontri armati tra il governo e gli indigeni. “Il ruolo principale della Chiesa è quello di essere portatrice di pace e sostenitrice della giustizia, non può rimanere in silenzio di fronte a queste realtà, dobbiamo parlare per coloro che non hanno voce”, ha commentato il pastore.

Secondo i leader religiosi che hanno firmato il documento, “il governo indonesiano sta attuando sempre più una politica di razzismo sistematico, criminalizzazione, emarginazione e militarizzazione nel contesto dell’occupazione politica della Papua occidentale”. Il Consiglio elle Chiese chiede a Jakarta “di ascoltare le voci dei papuani che rifiutano l’autonomia speciale della provincia”, dopo che queste “sono state messe a tacere dai militari”. “Allo stesso tempo abbiamo anche chiesto un degno dialogo di pace tra il governo indonesiano e il Movimento unito di liberazione della Papua Occidentale”.

I capi cristiani in conferenza stampa hanno poi precisato di parlare per il bene e la sicurezza di tutti, non per interessi politici di singoli individui o gruppi in particolare: “Desideriamo un’atmosfera di sicurezza, in modo che in Papua ci sia pace, giustizia e armonia”.

Hanno poi proseguito sostenendo che a causa degli interessi di un gruppo di élite coinvolto nell’estrazione dell’oro, gli indigeni papuani hanno perso i loro diritti sulla terra: “I papuani sono diventati vittime a causa dello sfruttamento delle risorse naturali, perpetrato senza giustizia o trasparenza”, come emerso da varie ricerche condotte da diverse organizzazioni non governative.

Nel documento denunciano “i progetti di islamizzazione” del Paese e la repressione delle Chiese cristiane: “In varie parti dell’Indonesia è stata vietata la costruzione di chiese, che sono anche state distrutte, bruciate, bombardate”.

“La nostra speranza è che tutte le parti sociali, comprese quelle che che minano la sicurezza e la pace, cooperino tra di loro”, ha dichiarato il francescano Agustinus Yerwuan: “La polizia e l’esercito indonesiano e l’Esercito per la liberazione nazionale della Papua occidentale devono raggiungere un cessate il fuoco e porre fine alla guerra”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

30/11/2021
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Nigeria: liberato dopo due giorni padre Amodu

Lo ha annunciato la diocesi di Otukpo in un comunicato in cui si chiede maggiore sicurezza nel Paese

Leggi tutto

Storie

Chow: ‘Si definiscano confini chiari alla legge sulla sicurezza nazionale”

In un’intervista alla rivista del collegio dei gesuiti il vescovo di Hong Kong parla delle ferite lasciate dalle proteste del 2019 e dalla loro repressione

Leggi tutto

Storie

Belgio, arriva Kroiroupa

Kroiroupa, gioco in scatola su religioni e laicità è stato ideato dal Centro comunitario laico ebraico David Süsskind ed è nato come strumento educativo sviluppato nell’ambito del programma “Dico no all’odio” per studenti della quinta e sesta classe delle scuole primarie

Leggi tutto

Storie

MALAYSIA - Atti di vandalismo in una cattedrale cattolica in Borneo

Un uomo ha compiuto atti vandalici nella cattedrale cattolica di San Francesco Saverio, a Keningau, intorno alle 7:30 del 7 luglio, dopo la messa mattutina

Leggi tutto

Storie

ASIA - Sposi con fede diversa

Il matrimonio interreligioso è una realtà complessa ed è un fenomeno crescente in Asia

Leggi tutto

Chiesa

Müller: stanno sfruttando la pandemia per diffondere il pensiero totalitario

IL CARDINALE TEDESCO: “I VESCOVI NON POSSONO OFFRIRSI COME CORTIGIANI E PROPAGANDISTI DEI GOVERNANTI”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano