Politica

di Giuseppe Udinov

Il Portogallo tra eutanasia e maternità surrogata

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nella stessa notte in cui ha rimandato alle Camere la legge sull’eutanasia, il presidente portoghese, Marcelo Rebelo de Sousa, ha promulgato la legge sulla maternità surrogata, approvata la scorsa settimana dal Parlamento con diverse modifiche alla precedente versione per superare i veti sollevati dalla Corte costituzionale.

La decisione di Rebelo de Sousa è emersa mediante una nota pubblicata sul sito ufficiale della Presidenza, a soli tre giorni dall’approvazione del regolamento in Parlamento con i voti a favore di sinistra – ad eccezione dei comunisti – e Iniziativa liberale.
La norma consente l’accesso alle cosiddette “pance surrogate” alle donne senza utero o con una lesione o una situazione clinica che “assolutamente e definitivamente” impedisce loro di rimanere incinta.

In Portogallo, una legge di questo tipo era entrata in vigore nell’agosto 2017, ma era stata successivamente posta al veto dalla Corte Costituzionale, ritenendo che violasse principi e diritti, compreso il ripensamento da parte della donna incinta. Nel luglio 2019 è stato nuovamente approvato un disegno di legge sulla maternità surrogata, ma non c’è stato consenso tra i deputati per includere il periodo di ripensamento, quindi la Corte costituzionale ha nuovamente posto il veto.
Con la nuova legislatura, con una diversa composizione parlamentare, la Camera ha approvato venerdì un’altra versione della legge, che prevede che la donna incinta abbia tempo fino a 20 giorni dopo il parto – fino alla registrazione del bambino – per ripensarci e decidere di non dare via il bambino.

Alla legge è stato inoltre aggiunto che la gestante è una donna che “preferibilmente” è già stata madre e che prima di iniziare il trattamento è richiesto un parere del Collegio degli Psicologi, oltre a quello del Collegio dei Medici, che era già incluso nelle versioni precedenti.

Contemporaneamente Rebelo de Sousa, ha posto il veto alla legge che depenalizza l’eutanasia e ha chiesto al Parlamento di chiarire i motivi per cui si può accedere alla morte medicalmente assistita. Quindi la questione dovrà essere ripresa nella prossima legislatura, poiché la Camera sarà sciolta alla fine questa settimana.

Il presidente aveva già bloccato una precedente versione della legge inviandola alla Corte costituzionale per il riesame e i giudici avevano finito per porvi il veto, ritenendo che alcuni concetti fossero “imprecisi”.

Il presidente fa notare che in una parte del testo si richiede che ci sia una “malattia mortale”, come già previsto nella prima versione della legge, ma in altre aggiunge, in questa nuova versione, che può anche essere applicato nei casi di “malattia incurabile”, anche non mortale, e di “malattia grave”.

“Il presidente chiede all’Assemblea della Repubblica di chiarire se è necessaria una ‘malattia mortale’, se solo ‘incurabile’ o solo ‘grave’”, si legge nel comunicato.

La nuova legge sull’eutanasia era stata approvata con i voti favorevoli di gran parte dei deputati del Partito Socialista (7 contrari), del Bloco de Esquerda, del PAN animalista, di Los Verdes (Pev) e dell’Iniziativa Liberale, nonché oltre a 13 parlamentari del Psd (centrodestra) e due deputati del gruppo misto.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/12/2021
0708/2022
San Gaetano da Thiene

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Peter Singer, il bioeticista che vuole uccidere i neonati

Cosa dice il docente di Princeton che teorizza l’eutanasia “non volontaria” sui disabili, soprattutto se appena nati, con l’obiettivo di “ridurre i costi sanitari”

Leggi tutto

Politica

Scuola, Appendino ideologica e autoritaria

L’assessore alla Scuola Federica Patti, per cercare di limitare il clamore suscitato dalla decisione della giunta – quella di spezzare le reni agli istituti paritari – ha rilasciato un’intervista a Paola Pintus che appare la classica toppa peggiore dello strappo. Patti si esibisce allora in una serie di omissioni e di manipolazioni della legge Berlinguer 62/2000 che solo alla disonestà o all’impreparazione può attribuirsi

Leggi tutto

Società

Ciascuno deve scegliere per se

In realtà l’#alleanza terapeutica esiste già, in Italia, e funziona. Ecco perché il biotestamento non ha altro scopo che quello di alleggerire i parenti e lo Stato.

Leggi tutto

Politica

DEF: provare a leggere i numeri

Nel 2050 l’Italia avrà perduto il 17% della popolazione. In un trentennio accadrà quanto non è accaduto nel trentennio che andò dal 1915 al 1945, quando l’Italia fu squassata da due violentissime guerre mondiali e perse meno del 10% della sua popolazione. L’emergenza demografica, che si annuncia sicurissima all’orizzonte, non è un tema di nicchia: è la questione centrale italiana oggi.

Leggi tutto

Politica

Berlusconi “eutanasizza” Forza Italia

Leggi tutto

Società

PAKISTAN - Il governo riconosce i servizi delle scuole cattoliche

Rafiah Mallah, vicedirettore del ministero per l’ufficio che sovrintende delle scuole private nel Sindh, ha dichiarato: “Rendiamo omaggio alle scuole missionarie per aver impartito un’istruzione di eccellenza, contribuendo al futuro della nostra nazione con la massima sincerità e dedizione e per aver fornito pari opportunità opportunità di apprendimento per bambini di diversa estrazione etnica e religiosa con grande amore e cura”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano