Politica

di Roberto Signori

Jhenaidah: prima transgender alla guida di un governo locale

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Per la prima volta in Bangladesh una persona trasgender guiderà un governo locale (Union Parishad, amministrazioni locali che includono diversi villaggi). Il 28 novembre la candidata indipendente Nazrul Islam Ritu ha vinto la presidenza del Consiglio sindacale di Trilochonpur con 9.557 voti. Nazrul Islam Sana, il candidato sostenuto dalla Lega Awami, ha invece ottenuto 4.529 voti.

“La gente della mia zona mi ha eletta come leader con amore e fiducia, sono loro grata”, ha dichiarato Ritu dopo la vittoria. “Ho vinto le elezioni come persona transgender, ora mi sacrificherò per il bene della mia comunità”.

Terza di sette fratelli, Ritu è stata cresciuta dalla comunità transgender di Dhaka, anche se racconta di aver mantenuto ottimi rapporti con la famiglia. Ora 43enne, da circa 15 anni è tornata alla comunità di origine. “Ho affrontato molti ostacoli a causa dei miei avversari - ha spiegato la neo amministratrice - Ma per il resto della mia vita voglio lavorare per la mia Union Parishad”. “Voglio che Trilochonpur diventi un modello - ha proseguito Ritu -. Soffro quando sento che qualcuno non viene curato o non può organizzare il matrimonio della figlia per mancanza di soldi. Voglio aiutare le persone senza speranze”.

Ritu è diventata popolare per le sue attività filantropiche. Si è spesa per la costruzione di moschee e ha fatto donazioni ai templi indù. “Abbiamo notato la sua dedizione e il suo desiderio di lavorare per la gente”, hanno detto i suoi sostenitori.

La Commissione elettorale ha incluso il genere transgender nella lista degli elettori nel 2019. In Bangladesh un milione e mezzo di persone sono transgender. Nelle scuole e nelle università non sono ammesse.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/12/2021
2105/2022
Santa Caterina da Genova

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Fillon nuovo idolo del centro-destra

È andata proprio come vi avevamo preannunciato nei giorni scorsi. Francois Fillon è il candidato dei repubblicani nella corsa all’Eliseo della primavera del 2017.
Dopo aver eliminato Nicolas Sarkozy al primo turno (anche se in realtà l’ex presidente si era già giocato la fiducia dei francesi dalla guerra in Libia), è stata una vittoria schiacciante quella riportata contro Juppè. Fillon ha infatti stravinto il ballottaggio con il 67% contro il 33% di Juppè, e tutta la destra appare compattarsi dietro François Fillon, l’uomo che i Républicains hanno deciso di lanciare nella corsa all’Eliseo dopo primarie vinte a valanga.

Leggi tutto

Politica

L’Italia del Gattopardo

....io non avrei bocciato Savona, li avrei mandati a governare. Ma ci sono ragioni di altri che dicono che il presidente della Repubblica ha fatto bene. Altri ancora gridano all’alto tradimento e sono pronti a mettere in stato di accusa il Capo dello Stato “asservito ai poteri forti stranieri”. Lo hanno detto dai palchi della campagna elettorale per le amministrative Luigi Di Maio, Alessandro Di Battista e sorprendentemente Giorgia Meloni. Matteo Salvini più intelligentemente si è tenuto alla larga da questa inutile benzina lanciata intempestivamente sul fuoco e utilizzerà l’arma del possibile voto favorevole della Lega a una procedura di impeachment per ottenere dal Quirinale una data certa per le elezioni.

Leggi tutto

Società

Italia che strano Paese

Che strano Paese che siamo. L’Italia meravigliosa e gloriosa di una storia che affonda le sue radici in migliaia di anni fa, che inventato il diritto e le forme più belle dell’arte, che racchiude come in uno scrigno tesori anche naturali senza pari, oggi proprio da un virus scatenatosi in natura viene deturpata. Paghiamo anche l’incompetenza degli uomini che ci governano, i loro ritardi, le loro vanità, i loro pasticci. Non siamo per niente un modello, siamo il Paese con più morti al mondo a causa loro, sarebbe davvero il tempo che Conte la smettesse di rendersi ridicolo autoelogiandosi in ogni conferenza stampa.

Leggi tutto

Politica

Eutanasia: la legge divide i parlamentari e slitta ancora

È slittato di un’altra settimana l’approdo in Aula del disegno di legge sull’Eutanasia. Il testo, dopo il rinvio dal 25 ottobre, era calendarizzato per lunedì prossimo, il 22 novembre, ma i presidenti delle commissioni che lo stanno esaminando, Mario Perantoni della Giustizia e Maria Lucia Lorefice degli Affari costituzionali, hanno dovuto chiedere al presidente Roberto Fico lo spostamento al 29, prendendo atto dell’impossibilità di arrivare a una quadra.

Leggi tutto

Storie

COSTA RICA - Appello dei Vescovi: stop a corruzione e criminalità

“Come Pastori del popolo di Dio, facciamo un appello veemente per arginare l’ondata di violenza e delinquenza che sta colpendo la nostra nazione”

Leggi tutto

Politica

UN PROGRAMMA PER RIDARE UN CUORE ALL’EUROPA

Natalità, democrazia, lavoro e famiglia, guerra alle dipendenze: così il Popolo della Famiglia si presenta alle urne a chiedere il consenso popolare per rinverdire l’anima europea del continente.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano