Società

di Giuseppe Udinov

Scuola, per la didattica a distanza restano le regole vigenti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ci hanno ripensato rapidamente ed il regolamento scolastico inerente il covid cambia di nuovo. Dopo che con una circolare congiunta dei ministeri della Salute e dell’Istruzione, tenuto conto dell’aumento dei contagi e delle conseguenti difficoltà nel tracciamento, riteneva opportuno sospendere il programma di “sorveglianza con testing” vigente da tre settimane e considerare “la quarantena per tutti i soggetti contatto stretto di una classe/gruppo dove si è verificato anche un singolo caso tra gli studenti e/o personale scolastico”, torna alla regola precedente. Cioè la quarantena della classe scatta solo se ci sono tre positivi. “Non ci sarà alcun ritorno in Dad in caso di presenza di un solo alunno contagiato”, hanno precisato fonti di governo.

Nella circolare congiunta si prendeva atto del peggioramento del quadro dell’epidemia, registrando una incidenza settimanale in crescita e pari a 125 casi per 100mia abitanti, “valore ben lontano dal quello ottimale di 50 per 100mia, utile per un corretto tracciamento dei casi”. I due ministeri hanno quindi ritenuto “opportuno sospendere, provvisoriamente, il programma di “sorveglianza con testing” e di considerare la quarantena per tutti i soggetti contatto stretto di una classe/gruppo dove si è verificato anche un singolo caso tra gli studenti e/o personale scolastico”. Superando in tal modo il protocollo in vigore dal 3 novembre scorso, di cui i presidi avevano denunciato la difficile applicazione. “Siamo stati facili cassandre“, ha detto il presidente dell’Associazione nazionale presidi Antonello Giannelli.

Dopodiché è intervenuto Palazzo Chigi, che ha avocato a sé l’operazione dopo un approfondimento con il Comitato tecnico scientifico e con il commissario all’emergenza Francesco Figliuolo, il quale ha garantito supporto per l’attività di tracciamento. “Non ci sarà alcun ritorno in Dad in caso di presenza di un solo alunno contagiato”, hanno precisato fonti di governo, e parallelamente la struttura del commissario straordinario “intensificherà le attività di testing nelle scuole, al fine di potenziare il tracciamento”, perché priorità del governo è “garantire la partecipazione in presenza e lo svolgimento delle lezioni a scuola in assoluta sicurezza”.

Ricapitolando l’ennesima situazione caotica: La didattica a distanza scatta con un solo positivo in classe per i bambini fino a sei anni, per la scuola dell’infanzia, dunque, dove è più difficile mantenere il distanziamento e le mascherine per i bimbi non sono obbligatorie. Con due positivi per gli alunni dai 6 ai 12 anni (per i quali non è ancora prevista la vaccinazione) e anche per i più grandi se non sono vaccinati. Dai 12 in poi si andrà in Dad se i casi positivi sono almeno tre.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/12/2021
0302/2023
Santi Biagio e Angsario (Oscar)

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Genitori, “disoccupate” le scuole e occupatevi dei figli

Segna una rimarchevole novità l’ormai tristemente consolidata tradizione delle “occupazioni dell’Immacolata”: quest’anno sono state molto
più “deboli” e “brevi” degli anni precedenti. Non solo: in alcuni licei romani (anche della Roma bene pariolina) i genitori hanno letteralmente fatto
irruzione negli stabili scolastici “okkupati” dai figli, senza mezzi termini li hanno trascinati fuori e riportati a casa – e pare che sia volato anche qualche
schiaffone. Pur nel suo tratto pittoresco, il dato appare positivo e foriero di speranza per un auspicato ritrovamento dell’autorità del ruolo genitoriale

Leggi tutto

Società

L’onda del “femminismo prolife”

Se la questione dell’identità sessuata sarà una delle direttrici culturali del XXI secolo, è urgente un ripensamento dell’impegno femminista nel tempo che ci aspetta: le proteste e le battaglie del secolo scorso sono state sulla liberazione della femminilità dal dominio patriarcale, mentre adesso è necessario rinsaldare l’alleanza tra uomo e donna a vantaggio dei grandi esclusi – i figli.

Leggi tutto

Politica

Vittorie e proposte

Temiamo fortemente che in una famiglia modesta con mamma e papà impiegati questo comporterà un peggioramento delle condizioni, vista la cancellazione di ogni bonus e detrazione. Servire altro. Con i tre miliardi stanziati dalla manovra 2021 per l’assegno per il figlio si può subito varare la storica proposta del Popolo della Famiglia: il reddito di maternità, mille euro al mese per le mamme che si dedicheranno in via esclusiva alla cura dei figli, riconoscendone dunque pienamente il ruolo effettivamente lavorativo ad alta valenza sociale.

Leggi tutto

Società

Vaccino contro il Covid: ecco come richiedere il risarcimento danni

Vaccino -  Il Codacons ha deciso di far partire la prima azione di risarcimento per danni permanenti da vaccinazione anti-Covid.

Leggi tutto

Politica

Murro, Popolo della Famiglia: la legge di bilancio necessita il confronto

Murro, Popolo della Famiglia: ” nuova legge di bilancio. Opportuno sarebbe un confronto con le parti sociali”. Formazione e posti di lavoro sono alla base di tutto. Così Rosario Murro Popolo della Famiglia in una breve intervista.

Leggi tutto

Storie

Omicron? E’ un virus endemico

John P.A. Ioannidis, epidemiologo e professore di Medicina all’Università di Stanford, con indice di affidabilità tra i più alti in assoluto (h-index 222) ritiene che la la variante rilevata per la prima volta in Botswana e Sudafrica abbia “tutte le caratteristiche di un’ondata endemica”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano