Chiesa

di Giampaolo Centofanti

Sparizione o riapparizione di persone e comunità

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sembra di andare sempre più drammaticamente verso la fine di un’epoca.

Identità e scambio tra di esse sono aspetti distinti e complementari. Quando si dà spazio ad uno solo di essi o li si mescola senza distinguere i due momenti si finisce in vario modo, talora inconsapevolmente, per spegnere, manipolare, la crescita autentica. La persona viene svuotata, omologata, isolata, massificata…

Quando invece si sviluppano a tutto campo questi due poli le persone sono tendenzialmente aiutate a cercare la vita autentica, superando ideologie, schemi, distorsioni varie. Si può venire orientati a formare comunità serene e aperte all’incontro con le altre. Rinasce dunque anche una più autentica democrazia.

Ciò si può sperimentare anche nella Chiesa. Se la fede diventa ideologia, vario mero fare, le comunità possono vivere forti tensioni. Se si cresce in una fede serena, a misura, si scopre la grazia di Dio. Gesù dice “Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli, se avrete amore gli uni per gli altri” (Gv 13, 35). Dove tale parola viene intesa come un concetto da comprendere col cervello e mettere in pratica con le proprie forze si può finire come al tempo della torre di Babele. Dove ci si lascia portare nella fede dallo Spirito sereno di Gesù è allora davvero lui che aiuta le persone ad accogliersi e ad amarsi.

Pensiamo ad una coppia che litiga sull’educazione dei figli. Come è diverso, pur con tutti i limiti, se le diversità vengono vissute nella fede in Dio. Pensiamo anche all’arte. Non emerge talora plasticamente il vuoto tecnicismo di certe chiese create nella giustapposizione di tecniche specialistiche, liturgia, architettura, ingegneria? E invece certe chiese romaniche o gotiche non trasmettono la fede viva di quella storia?

Lo svuotamento dell’ideologia, del mero fare, del tecnicismo, ha toccato un’apice in un recente documento interno della Commissione Europea. È tutta la vita che può rinascere se, nei modi e nei tempi adeguati, si cerca di favorire l’autentica maturazione delle persone.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

03/12/2021
0202/2023
Presentazione del Signore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Politica

Mai più un soldo pubblico a questi blasfemi (e fuori dalle scuole)

Decine di migliaia di euro in meno di tre mesi quest’anno al circolo gay Cassero di Bologna. Che svolge iniziative volgari e blasfeme. Ora basta

Leggi tutto

Storie

Un trans non può fare la tata

Non si può affidare la crescita di un bambino di pochi mesi a un trans. Dalla email si capisce che la transizione da un sesso all’altro non si è compiuta, l’Inps ha ancora tutti i documenti al maschile, quindi Alessandro è a tutti gli effetti Alessandro anche se “si sente” Alessandra. Siamo davanti dunque ad una persona che non si accetta per come è, che in questo percorso di transizione deve affrontare prove psicologiche e fisiche molto pesanti con l’assunzione continua di farmaci, che dal punto di vista fisico sostiene un iter di trasformazione molto doloroso e che fa tendere all’instabilità emotiva. Un bambino di pochi mesi può essere affidato a chiunque tranne che a persone con queste caratteristiche di instabilità. L’approdo alla diversa sessualità riconosciuta, quello che porterebbe il soggetto in questione ad avere i documenti in regola con il nome Alessandra, passa poi attraverso fasi di demolizione dei genitali maschili e di costruzione di forme genitali all’apparenza femminili che sono mediamente faticosissime da molti punti di vista, sia fisici che psicologici. Il ricorso al consumo di forti quantità di alcool e di droghe per ovviare all’inevitabile disturbo di personalità che accompagna ogni evoluzione dalla disforia di genere accertata all’approdo ad una diversa conformazione dei propri genitali, è comprovato in tutti i testi scientifici, così come la più alta propensione al suicidio dei transessuali rispetto alle altre persone.

Leggi tutto

Chiesa

Il santo dell’apologetica francese dell’800

Uomo di pensiero e di azione, Federico Ozanam è per gli universitari del nostro tempo, professori e studenti, un modello di impegno coraggioso capace di far udire una parola libera ed esigente nella ricerca della verità e nella difesa della dignità di ogni persona umana». Così Giovanni Paolo II, beatificandolo a Notre Dame, nel 1997, definiva il santo cui è stato assegnato uno dei posti più in ombra del calendario cattolico, la casella odierna, riempita dalla Vergine.

Leggi tutto

Chiesa

Il Colosseo ed il ricordo dei martiri dei nostri giorni

Aiuto alla Chiesa che Soffre chiede che l’Occidente si ricordi dei cristiani perseguitati. Per questo il 24 febbraio il Colosseo sarà illuminato di rosso. Ricordi anche ad Aleppo e a Mosul

Leggi tutto

Chiesa

Tornando alla questione degli abusi….

Suor Anna Deodato ha correttamente spiegato che: «l’abuso sessuale accade come ultimo, tragico atto di una serie di abusi di potere e di coscienza».

Leggi tutto

Storie

A tu per tu con Rosaria Radaelli

L’ostetrica Rosaria Radaelli ci parla della sua professione.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano