Politica

di Gabriele Amadei

Fondi italiani per la Francia?

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Che cosa ha deciso il Comint (Comitato interministeriale per le politiche relative allo spazio) sui fondi del Pnrr?. L’Agenzia spaziale europea (Esa) gestirà 1,3 miliardi di euro di fondi del Pnrr per lo spazio destinati all’Italia.

È quanto ha deciso all’unanimità il Comitato interministeriale per le politiche relative allo spazio e alla ricerca aerospaziale (Comint) durante la riunione di ieri, presieduta dal ministro per l’Innovazione tecnologica, Vittorio Colao, titolare della delega per lo spazio. “Si tratta di fondi del Pnrr e in parte del fondo complementare, per le progettualità del Pnrr, che in totale ammonta a 2,4 miliardi. Dunque metà della torta complessiva” sottolinea il Sole 24 Ore. Dunque delle scelte industriali e della contrattualistica di competenza dell’Agenzia spaziale italiana (Asi) presieduta da Giorgio Saccoccia se ne occuperà l’Agenzia con sede a Parigi. “Va ricordato che i soldi del Pnrr sono un prestito che va speso in tempi precisi e con modalità trasparenti; con l’affidamento ad Esa i vincoli imposti dall’Europa saranno rispettati perché questo è il costume storico dell’amministrazione di questo ente da sempre abituato a lavorare presto e ben data la strategicità di contratti che riguardano le attività spaziali” commentava l’analista Francis Walsingham su Startmag.

Questa decisione da parte del governo di affidare la gestione delle risorse all’Esa anziché all’Asi segnala “una incapacità di spendere questi soldi” ha fatto notare Carlo Pelanda su Startmag. Ora la proposta dovrà ricevere l’approvazione dal consiglio dei capi delegazione, massimo organo di governo dell’Esa.

Tutti i dettagli.

COSA HA DECISO IL COMINT RIGUARDO I FONDI DEL PNRR PER LO SPAZIO

Come si legge nella nota diffusa, “Il Comitato ha espresso una valutazione favorevole rispetto al quadro programmatico relativo alle progettualità spaziali previste dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr), e all’opportunità di dare attuazione a parte dei progetti Pnrr avvalendosi del supporto tecnico-ammnistrativo dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa), per quanto riguarda i programmi relativi al settore dell’osservazione della terra e dell’accesso allo spazio, per un importo complessivo di circa 1,3 mld”.

LE RISORSE COMPLESSIVE

“L’iniziativa congiunta con Esa va ad integrare il significativo sforzo di Asi, relativo al programma di lavoro derivante dallo sviluppo dei programmi a finanziamento nazionale (circa 2 miliardi) e il restante pacchetto di iniziative in ambito Pnrr (circa 1,2 miliardi)” specifica il comunicato.

PERCHÉ IL COMINT PREFERISCE CHE A GESTIRE I FONDI DELLO SPAZIO SIA L’ESA

“La finalità di farli gestire non da un’entità italiana ma sovranazionale è favorire progetti di collaborazione europea ed evitare l’ingolfamento dell’Asi (Agenzia spaziale italiana). Tra i progetti potrebbe rientrare la messa in orbita di una costellazione di satelliti per il monitoraggio delle coste, della qualità dell’aria, per la sorveglianza di infrastrutture critiche” rileva il Sole 24 Ore. “I fondi andrebbero comunque a imprese italiane, anche se coordinati dall’Esa, dove hanno il peso maggiore Francia e Germania. L’Esa tratterrebbe per sé una commissione del 6% (circa 72 milioni)” aggiunge il quotidiano confindustriale.

FAVORIRÀ PARIGI?

Sulla gestione delle risorse del Pnrr all’Esa c’è anche la questione dei rapporti con gli altri paesi, in particolare Francia e Germania, le due principali nazioni del settore spaziale in Europa. Oltre al Trattato del Quirinale franco-italiano, firmato il 26 novembre a Roma dal presidente francese Emmanuel Macron e dal presidente del Consiglio italiano Mario Draghi, che include un intero articolo sullo spazio, c’è anche un’intesa a margine specifico sul settore spaziale.

E “Sicuramente la parte dello spazio è molto delicata” commentava su Start l’analista, saggista e professore Carlo Pelanda. “Molto preoccupante è che a lato del Trattato l’Agenzia Spaziale italiana ha fatto una bozza di accordo con l’Esa, l’Agenzia Spaziale Europea, per trasferire sia soldi del Pnrr sia risorse umane all’Esa segnalando una incapacità di spendere questi soldi. Se questo poi viene confermato possiamo anche chiudere l’Agenzia Spaziale Italiana”.

LE CONSEGUENZE

Una mossa che potrebbe favorire quindi la Francia o la Germania. “Effettivamente l’Asi come stazione appaltante ha delle difficoltà burocratiche italiane, per cui è chiaro che i francesi proveranno a prendere i soldi del Pnrr italiano per usarlo nell’Esa. L’Italia ha provato a difendersi ma è debole. Facciamo fatica a impiegare i nostri soldi, per via della burocrazia. La Francia ha fiutato questa vulnerabilità e la stanno sfruttando, il rischio è che sfondino come un coltello caldo nel burro” ha aggiunto Pelanda.

Sempre su Start Francis Walsingham ricordava che “I non pochi critici “del giorno dopo” stanno anche sollevando dubbi sul controllo dei dati che verranno prodotti dalle attività finanziate dal programma, sulla riservatezza degli stessi e sul fatto che, gestendo Esa i contratti industriali, le nostre aziende saranno sotto le forche caudine di un controllo francese e tedesco che lederebbe i nostri diritti e la privacy delle nostre proposte”.

L’INTESA FRANCO-ITALIANA SUI LANCIATORI EUROPEI

Infine, nel corso della seduta il Ministro Colao ha “condiviso i lineamenti generali della recente dichiarazione congiunta italo-francese sul futuro dei lanciatori europei che getta le basi per una collaborazione maggiormente strutturata e paritetica a salvaguardia dell’autonomia strategica e della competitività dell’industria nazionale”.

Il 26 novembre Colao e Bruno Le Maire, ministro francese dell’Economia, Finanza e Ripresa, hanno firmato infatti un accordo sui lanciatori al termine, si legge in una nota congiunta, “di tre mesi di intensi negoziati”.

Questo nuovo accordo tra Francia e Italia “consolida la cooperazione franco-italiana sui lanciatori, costruita sui futuri lanciatori Ariane 6 e Vega C”, precisa la nota. Ma c’è chi intravede una bilancia a favore di Parigi rispetto a Roma su questa intesa. “La partita è aperta però qui è l’Italia che deve rafforzare la propria capacità negoziale. È chiaro che i francesi hanno sempre un atteggiamento predatorio che viene attutito solo nei modi” ha commentato a StartMag Carlo Pelanda.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

03/12/2021
2901/2023
San Valerio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La pretesa di conquista dell’Islam

Il sondaggio di IPR Marketing sui musulmani d’Italia porta finalmente un po’ di sostanza al dibattito sull’integrazione che si protrae ormai nel solito stanco (e stancante) derby tra rossi e neri.
Un vasto sondaggio corredato da diciotto tabelle, per affrontare le questioni dell’apprendimento della lingua, la questione della donna, le aspettative politiche e le proiezioni per la media scadenza

Leggi tutto

Società

L’export italiano e la rinascita post covid

In un contesto di incertezza ancora elevata, seppure in calo, l’Ufficio Studi di SACE ha elaborato due scenari di previsione alternativi rispetto allo scenario base: il primo ipotizza uno shock positivo sulla fiducia mondiale, favorendo una ripresa più robusta; e l’altro peggiorativo in relazione all’efficacia dei vaccini e alla comparsa di nuove varianti del Covid-19 con maggiore capacità di trasmissione.
Il primo, definito come confidence boost, ipotizza la crescita economica globale più intensa sia nel 2021 che nel 2022, ma l’accelerazione proseguirebbe nel biennio successivo a ritmi minori e in linea con le previsioni dello scenario base. Il valore delle esportazioni italiane di beni nel 2021 segnerebbe +14,7%, pari a 3,4 punti percentuali in più rispetto allo scenario base. Dinamica più accentuata nel 2022 (+3,7 punti percentuali) e al termine dell’orizzonte di previsione il nostro export potrebbe arrivare a superare i 577 miliardi di euro contro i 550 previsti dalla baseline.
Nel secondo scenario, “nuove varianti”, seppur con una minore probabilità di accadimento, la ripresa dell’economia globale rallenterebbe inevitabilmente con un ritorno alle misure restrittive di contenimento del contagio e un deterioramento della fiducia di imprese e famiglie. Questo scenario prevede una crescita iniziale più ridotta seguita da un calo marcato rispetto al modello base. Le ripercussioni sul valore delle esportazioni italiane di beni sarebbero significative e concentrate prevalentemente nel prossimo anno. In questo scenario la crescita delle nostre esportazioni sarebbe più limitata quest’anno (+7,2%) e pressoché nulla nel 2022. Il pieno recupero delle vendite Made in Italy nei mercati esteri sarebbe quindi rimandato al 2023.

Leggi tutto

Politica

Comete natalizie

Il coronografo Metis a bordo della sonda Solar Orbiter nella notte tra il 15 e il 16 dicembre ha acquisito delle immagini ravvicinate della cometa Leonard e della sua coda. Della Leonard si è parlato molto di recente ed è anche stata soprannominata la “cometa di Natale” vista la sua maggior luminosità, e quindi visibilità, nei nostri cieli proprio nel mese di dicembre.

Leggi tutto

Storie

Piacenza - Le suore Scalabriniane lasciano la casa ai profughi dell’Ucraina

Leggi tutto

Politica

La Francia di Macron frena

Alle legislative d’Oltralpe battuta d’arresto per la coalizione di centro del presidente che al ballottaggio di domenica prossima potrebbe non ottenere la maggioranza assoluta dei seggi in Parlamento.

Leggi tutto

Storie

ENEA, il nuovo piano nazionale di informazione per efficienza e risparmio

Al via il nuovo Programma nazionale di Informazione e Formazione (PIF) “Italia in Classe A” per promuovere la cultura dell’efficienza energetica, attuato da ENEA, finanziato nell’ambito del PNRR dal Ministero della Transizione Ecologica (MiTE).

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano