Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Papa Francesco: utilizziamo la pandemia per avvicinarci

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Papa Francesco ci dona una riflessione, quella del Papa, su alcune parole chiave legate alla salute, alla vecchiaia, alla malattia: ambiti nei quali si muove la Cooperativa OSA, Operatori Sanitari Associati da almeno 35 anni, dedicandosi all’assistenza e alla cura di pazienti, la cui vita spesso viene raccontata dal Magazine “50mila volti”. Tra le pagine c’è l’intervista a Francesco che indica nella “tenerezza”, uno dei termini per dare ancora più valore alla cura. “Il modo attraverso cui Dio si è fatto presente nella vita di ogni uomo, soprattutto attraverso Gesù”.

La tenerezza indica vicinanza non solo, però, attraverso la competenza ma soprattutto mediante la partecipazione alla vita concreta delle persone. È una vicinanza intesa come condivisione, prossimità, cura e amore. La grande prova che abbiamo vissuto nella pandemia spero che ci abbia fatto tornare la nostalgia di una vicinanza nuova tra di noi. Una tenerezza nuova.

Il Papa si sofferma poi sui bambini e gli anziani, “principali cittadini di periferie esistenziali” di una società che si concentra sulla produttività. “La loro vita - afferma - viene percepita come inutile. Io credo, invece, che l’incontro generazionale tra i bambini e i vecchi debba essere colmato da una cultura che sappia fare incontrare e integrare questo tipo di fragilità”. Si tratta, spiega, Francesco, di “una questione umana”. Solo quando torneremo a occuparci soprattutto di chi è ai margini daremo segno di un cambiamento vero. Quando lavoriamo perché non ci sia più un conflitto generazionale, ma troveremo il coraggio di rimettere insieme i piccoli e i grandi, i bambini e i vecchi, solo allora sperimenteremo una qualità nuova di vivere nella società.

Per il Papa la casa (dove la coperativa OSA assiste i bisognosi) “non è semplicemente un luogo, è soprattutto relazione” che porta una forza nuova per affrontare la prova. “Questo non significa - spiega Francesco - che le strutture sanitarie sono inutili, ma devono diventare l’extrema ratio nell’esperienza della malattia e della sofferenza”. Il Papa elogia il lavoro svolto “perché rende possibile l’esperienza del dolore e della malattia in un ambiente certamente più accogliente, più umano e più capace di umanizzare anche una parte della vita che, proprio perché è difficile, ci fa sentire più soli, più incompresi e più vulnerabili”. Alla luce della recente esperienza in ospedale, Francesco suggerisce delle regole semplici agli operatori sanitari ma che, in sostanza, riguardano coloro che vivono in maniera umana il loro servizio e il loro lavoro. “Guardare negli occhi le persone, considerarle nella loro sofferenza senza mai banalizzarle”, e poi l’ascolto perché “queste persone possano affidare la sofferenza che vivono, le difficoltà che hanno a qualcuno”. Infine la cura “che si dovrebbe tradurre attraverso un modo mai violento, mai scontato e mai meccanico di offrire un aiuto, un sostegno e una prestazione professionale”..

L’ultima domanda dell’intervista rivolta al Papa riguarda il dolore e la morte. Papa Francesco sottolinea che pur senza nominare Cristo, di lui e della sua esperienza non si può fare a meno. Ricorda che spesso “i discorsi, più che essere di aiuto o di consolazione, procurano ancora più sofferenza”, serve “non scappare, rimanere accanto” nei momenti della prova, “davanti allo scandalo del dolore innocente, allo scandalo del dolore di un bambino”. Allontanare poi la tentazione di isolarsi perché “più soffriamo, più sentiamo di avere bisogno anche noi di un Cireneo che ci aiuti a portare la nostra Croce”.

Dio trova sempre un modo di farsi presente dentro la nostra vita, anche quando lo sentiamo lontano o ci sentiamo abbandonati. È questa la nostra forza. E anche se non lo sappiamo, in quel buio sta già operando la Pasqua. Solo col tempo ci accorgiamo che è nascosta una luce anche nel buio più profondo. In attesa di accorgercene possiamo solo andare avanti aiutandoci a vicenda.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/12/2021
2801/2023
San Tommaso d'Aquino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Una enciclica “francescana” da non leggere su Repubblica

“Laudato si” di Papa Francesco è un testo complesso, davvero superficiale la lettura che ne offre Vito Mancuso sulle pagine del quotidiano fondato da Eugenio Scalfari

Leggi tutto

Società

Aumentano le conversioni a Gesù dall’islamismo

A margine delle immani ondate migratorie della nostra epoca si registra una sensibile crescita delle conversioni al cristianesimo. Quasi sempre si tratta di islamici e molto spesso a viverle sono quanti hanno da poco affrontato il grande viaggio dei migranti africani verso l’Europa. Frattanto l’Occidente secolarizzato cerca di mandare in soffitta le sue radici cristiane.

Leggi tutto

Chiesa

Giornata in memoria dei missionari martiri

Una giornata dunque per chi offre il proprio aiuto gratuitamente agli altri ed in alcuni casi viene ripagato con disprezzo e violenza tanto da arrivare a mettere a repentaglio la propria vita.

Leggi tutto

Storie

KAROL WOJTYLA, I 100 ANNI SPIEGATI AI RAGAZZI

Un piccolo e agile volume che ripercorre il Pontificato del Papa polacco attraverso una raccolta di scritti e frasi celebri che vanno dal giorno della
sua elezione, il 16 ottobre 1978, a quello nel quale è tornato alla casa del Padre, il 2 aprile 2005. È disponibile anche in inglese, in coedizione con l’editrice americana “Paulist Press”, e in polacco, in coedizione con l’editrice “Wydawnictwo Sw. Stanislawa BM”. Una lettura adatta proprio a tutti

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco in Slovacchia: l’importanza dell’integrazione

Papa Francesco è tornato a parlare di uno degli argomenti che gli stanno più a cuore con un richiamo all’integrazione, alla coesione e all’ospitalità. Tutto questo è avvenuto durante l’incontro, a Bratislava, con le Autorità, la Società Civile e il Corpo diplomatico

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ai giudici argentini: non c’è democrazia con la fame

In un videomessaggio, inviato a magistrati del Capitolo argentino , il Pontefice ricorda che la ricchezza nel mondo è sempre di più a vantaggio di pochi

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano