Politica

di la redazione

Il PDF sull’intervento del Consiglio pastorale sulla rete Re.a.dy

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dopo la pubblicazione dell’intervento del Consiglio pastorale diocesano e del Consiglio diocesano delle aggregazioni laicali, stanno arrivando diversi interventi sull’adesione del Comune alla rete Re.a.dy e la presa di posizione degli organismi diocesani.

Importante quello del Circolo di Cesena del Popolo della famiglia. Ecco il testo.

Il Popolo della Famiglia di Cesena condivide pienamente le preoccupazioni contenute nella nota del Consiglio Pastorale Diocesano e del Consiglio delle aggregazioni laicali in merito all’adesione del Comune di Cesena alla Rete Re.a.dy. A chiunque non si limiti alla semplice lettura delle dichiarazioni di principio della rete, infatti, è evidente che lo scopo precipuo, neanche tanto nascosto, è quello della promozione della cultura Lgbt, così come correttamente evidenziato nella nota. Il Popolo della Famiglia è da sempre impegnato nell’affermare la verità antropologica sull’uomo e la centralità della famiglia composta da uomo e donna, dunque si trova perfettamente in linea con il forte richiamo a “fare chiarezza su chi sia l’uomo” che la Diocesi ha voluto rivolgere ai politici che si dicono cattolici. Non possiamo però non sottolineare con amarezza che troppe volte il mondo cattolico si è presentato diviso nella difesa dei valori antropologici fondamentali, incapace di considerare i prevedibili sviluppi di un’eccessiva apertura di credito alla sinistra, che ha ormai sostituito i diritti sociali con i nuovi diritti arcobaleno.

Il vero grande disagio dovrebbe essere quello di chi siede in consiglio comunale intestandosi la rappresentanza del mondo cattolico, ma contribuendo con il suo voto a questa biasimevole delibera. Né valgono le giustificazioni di Italia Viva, che anzi aggiungono solo imbarazzo quando negano l’esistenza di un collegamento tra la rete Re.a.dy e il ddl Zan apertamente dichiarato, invece, nei comunicati stampa dello scorso mese di agosto da Articolo 1 Mdp.

Ricordiamo che la nota della Diocesi cita anche l’eutanasia come tema nevralgico di interesse per il mondo cattolico. Anche su questo fronte il Popolo della Famiglia è pronto e auspica finalmente una vera unione di intenti e di forze non più procrastinabile.

Circolo Popolo della Famiglia Cesena

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

10/12/2021
3011/2022
Sant'Andrea

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Come funziona la propaganda all’eutanasia

Tutte le tecniche dei teorici della “dolce morte”, tra manipolazione dei dati e ricorso sistematico al cavallo di troia del caso limite

Leggi tutto

Storie

Io, un’ostetrica nell’inferno degli aborti

Il corso di ostetricia che ho frequentato prevedeva diverse ore di insegnamento dei contraccettivi farmacologici, ritenuti i più sicuri ed efficaci per evitare gravidanze, innocui per la salute delle donne il cui diritto alla cosiddetta pianificazione familiare era considerato fondamentale a prescindere dalle esigenze del partner e di conseguenza senza nessuna considerazione dei metodi naturali per la conoscenza della fertilità che implicano una partecipazione attiva del partner e, a mio avviso, una più gratificante e serena vita di coppia perché la fertilità non è vista come un problema da mettere a “tacere” ma è valutata come aspetto determinante al valore di una persona. I metodi naturali ci sono stati presentati come “poco sicuri” rispetto alla pillola anticoncezionale. Ho però notizia da alcune mie colleghe che in altre scuole vengono presentati e valutati correttamente. Anche perché gli studi dimostrano che hanno un’efficacia sovrapponibile a quella dei contraccettivi ormonali, non hanno effetti collaterali e sono a costo zero. La pillola peraltro non viene mai definita una farmaco e per le giovani studenti sembra la cosa più naturale del mondo che una donna debba assumerla per stare bene con se stessa, anche indipendentemente dalla sua vita sessuale. È presentata come un aiuto che diminuendo l’attività delle ovaie ne conserva più a lungo la salute. In realtà il vero toccasana per l’apparato genitale femminile è proprio la gravidanza!

Leggi tutto

Politica

I risultati del PDF: raggiunto il 3% NAZIONALE

Queste amministrative 2017 vanno comprese come un secondo tempo del percorso avviato con le amministrative 2016. I candidati sindaco del Popolo della Famiglia hanno ottenuto oltre centomila voti nei 35 comuni in cui ci siamo presentati. Sono 35 esperienze pilota che, disseminate in tutte le regioni, rappresenteranno la base anche tecnico-organizzativa per la presenza alle prossime elezioni politiche. E’ tra coloro che hanno messo la faccia (e hanno imparato tecnicamente a presentare le liste) che troveremo i 945 candidati che ci rappresenteranno nella corsa alla Camera e al Senato al più tardi nel marzo 2018. Abbiamo formato una squadra che sul piano organizzativo sa cosa deve tecnicamente fare e sul piano politico ha imparato e persino gustato l’esperienza dell’autonomia, della libertà dai vincoli avaloriali che troppo spesso scattano come riflessi condizionati nella caccia ai consensi dei grandi partiti tradizionali, che per piacere a tutti finiscono per non dire niente di quel che viene considerato come “divisivo”, cioè ogni riferimenti a seri principi valoriali.
I “quattro gatti” del Popolo della Famiglia sono diventati centomila gatti, è un fatto incontrovertibile: un movimento inizialmente irriso e osteggiato, arriva in una grande città come Verona sopra Fratelli d’Italia, ha gli stessi voti di Forza Italia, batte anche la lista tosiana di Fare e si propone come forza politica nazionale in grado di essere base aggregativa per le sfide che verranno.

Leggi tutto

Politica

La bimba down che tolse le parole alla Merkel

Una diciottenne come tante altre, ma che a differenza di tante altre ha un cromosoma “maggiorato”, ha inchiodato la cancelliera tedesca all’ineludibile confronto con la realtà: la legge permette l’aborto dei bambini down anche in stadio avanzato della gestazione, e balzando oltre tutte le ipocrisie e i convenevoli Natalie ha chiesto alla politica: «Perché? Io voglio vivere!»

Leggi tutto

Società

Per far crescere l’homunculus occidentalis

Avanza e si impone, a ogni livello della società, la tipica pretesa del fanciullo viziato: ereditare senza impegno gli agi, le sicurezze e i vantaggi della civiltà, considerati come diritti acquisiti una volta per tutte e senza sforzo. Vellicare un tale impulso è una spinta ad incoraggiare i comportamenti antisociali, equivale ad assecondare le tendenze incivili che ogni sana educazione si propone, all’opposto, di arginare e di disciplinare.

Leggi tutto

Politica

Il ruolo del PDF tra Chiesa e politica, tra rivoluzione antropologica e restaurazione

4 MARZO, AMMINISTRATIVE E NUOVO GOVERNO. IL RUOLO DEL POPOLO DELLA FAMIGLIA TRA CHIESA E POLITICA, RIVOLUZIONE ANTROPOLOGICA E RESTAURAZIONE DELLE CASTE
Relazione Incontro con monsignor D’Ercole.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano