Politica

di Mario Adinolfi

Il Popolo della Famiglia a Pomezia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Se devo scegliere un discorso, quello di Giovanni Marcotullio. Se devo scegliere il momento emotivamente più forte, quando Cristiana Di Stefano ha gridato per “un giorno di vita in più” a nome di tutti i malati, tetraplegici, disabili che cercano sostegno e rifiutano l’invito di Marco Cappato a suicidarsi. Se devo scegliere un ascolto intelligente, quello dei discorsi di tutti i massimi dirigenti locali da Massimiliano Esposito (Campania) a Andrea Cavenaghi (Lombardia), da Grazia Ruini (Emilia Romagna) a Eraldo Rizzuti (Calabria) fino a Fabio Sebastianelli (Marche). Se devo scegliere il momento simpatia, quando l’unico e inarrivabile Nicola Di Matteo (che ha Pomezia ha centrato il suo ennesimo capolavoro organizzativo) ha ciancicato comme d’habitude il cognome del coordinatore regionale umbro Saimir Zmali. Per il momento “sta crescendo sempre più”, Andrea Brenna, segretario nazionale. Il più caloroso benvenuto tra noi è toccato allo spoletino Rosario Murro. Poi, i discorsi politici che mi hanno più impressionato: Elisa Rossini, Lucianella Presta, Ilaria Giurlani, Clara Ferranti, Sara Reho, Cristina Zaccanti. Ehi, ma sono tutte donne? Solo da noi le donne sono così centrali protagoniste. Vabbè, dai, anche Mirko De Carli, Silvio Rossi, Marco Dall’Olio, Giuseppe Lojacono, Fabio Nalbone, Gianpaolo Furlan, Leonardo Bisori, Massimo Boschi, Mario Pennacchioni, Gabriele Cinti e lo splendido decano Marko Rus che ha aperto la selva di interventi, non sono stati da meno. E Antonio Brescia che non è di Brescia (da Brescia è salito sul palco Luca Poli) e Renzo Erman che arrivava dalla lontana Monfalcone con il suo drappello di mai assenti pidieffini del Friuli Venezia Giulia. Molti non sono riusciti a parlare e chissà cosa ci siamo persi. Ma all’assemblea nazionale di Pomezia sono state dette parole che resteranno. Un altro pezzetto di strada l’abbiamo compiuto, come piace a noi, insieme. Viva il Popolo della Famiglia.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/12/2021
0310/2022
S. Maria Giuseppa Rossello

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

PAKISTAN - Il governo riconosce i servizi delle scuole cattoliche

Rafiah Mallah, vicedirettore del ministero per l’ufficio che sovrintende delle scuole private nel Sindh, ha dichiarato: “Rendiamo omaggio alle scuole missionarie per aver impartito un’istruzione di eccellenza, contribuendo al futuro della nostra nazione con la massima sincerità e dedizione e per aver fornito pari opportunità opportunità di apprendimento per bambini di diversa estrazione etnica e religiosa con grande amore e cura”.

Leggi tutto

Politica

Lamorgese in aula: scontri a Roma, qualcosa non ha funzionato

«Nell’immediatezza dei fatti ho chiesto al capo della polizia una dettagliata ricostruzione delle evidenti delle criticità che, occorre riconoscerlo, hanno contrassegnato la gestione dell’ordine pubblico di quelle ore. E’ palese che non si sia riusciti a contenere tutti i propositi criminali da cui era mossa la parte violenta dei manifestanti, specie quella istigata da elementi più politicizzati» Sono le parole della Lamorgese

Leggi tutto

Politica

PERCHÉ DICIAMO NO A DRAGHI

Errori su errori e distrazioni continue che hanno fatto sì che Draghi passasse da leader di una maggioranza di “salute pubblica” a capo di un esecutivo che produce divisioni e odio sociale tra i cittadini. Questa escalation “verso il basso” ci ha portato ad una presa di posizione coerente rispetto a quello che abbiamo dichiarato da tempo: da sempre contrari all’obbligo vaccinale e portati a giudicare i governi non per le persone che li guidano ma per i provvedimenti che adottano. Per questo, come abbiamo guardato con favore all’inizio dell’esperienza Draghi, ora ci poniamo in ferie e robusta opposizione e riteniamo inopportuna una sua candidatura al Quirinale.

Leggi tutto

Politica

Suicidio assistito di un paraplegico: è come la pena di morte

“Non si ammazza un uomo senza una legge” Mario Adinolfi, presidente nazionale del Popolo della Famiglia, denuncia una forzatura dell’iter che porterebbe nelle Marche al suicidio assistito di un paraplegico: “I portatori della cultura della morte segnano un altro punto in questa surreale battaglia che vuole per forza uccidere Mario, tetraplegico marchigiano.

Leggi tutto

Società

Infortuni sul lavoro: denunce in aumento del 47%

Le denunce di infortunio sul lavoro presentate all’Inail nel mese di gennaio 2022 sono state 57.583, in aumento del 47% rispetto alle 39.183 del primo mese del 2021 e del 23,9% rispetto alle 46.483 del gennaio 2020.

Leggi tutto

Politica

PdF Marche: un Reddito di Maternità di 300 euro al mese

La nota del PDF Marche riguardante la richiesta di sostegno per famiglia e genitorialità presentata in Regione Marche.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano