Politica

di la redazione

Saimir Zmali e la gratitudine

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Finita l’assemblea nazionale del Popolo della Famiglia torno a casa con un enorme senso di gratitudine.

In primis gratitudine verso il gruppo umbro di cui sono il coordinatore , dove passo dopo passo si sta estendendo la rete dei pallini blu.

Gratitudine verso tutti i coordinatori regionali del popolo della famiglia che con tenacia portano avanti la costruzione di un progetto importante come quello del pdf.

Gratitudine verso tutti coloro che in qualche modo operano direttamente ed indirettamente

In questa grande famiglia in continua crescita.

Gratitudine verso la dirigenza nazionale che non fa mai mancare il proprio sostegno alle nostre richieste e ci dirige con obbiettivi chiari ,precisi e lungimiranti in questo marasma in cui viviamo.

Ed ovviamente Gratitudine verso la santa Chiesa Cattolica che dal battesimo ci ha trasmesso la fede in Cristo e quei valori cristiani che come faro ci guidano a mettere avanti il bene e le storie delle persone e non i tornaconti personali .

E questa gratitudine la esprimo sempre chiacchierando, raccontando e ridendo.

E come dice Benigni :

“Innamoratevi.

Se non vi innamorate è tutto morto. Vi dovete innamorare e diventa tutto vivo, si muove tutto.”

Ed io aggiungo:

Innamoratevi della Vita

Innamoratevi del bene

Innamoratevi del paradiso

E soprattutto innamoratevi di Cristo.

Li c’è la bellezza vera della vita .

Li, in Cristo, c’è il valore aggiunto ( anche in politica).

Se lo si fa con lui , si vince sempre …

… anche nella piccola grande famiglia del #PopolodellaFamiglia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/12/2021
2402/2024
San Sergio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

PdF unica alternativa praticabile

Il Pd renziano prova a silurare il governo stesso con la speranza di veder tornare il proprio Napoleone dall’isola d’Elba. Direttamente da Sant’Elena fa capolino la voce di Berlusconi, al contempo
Napoleone del centrodestra disfatto e convitato di pietra che ripropone nei salotti italiani discorsi e slogan da 1992. La vera novità sostanziale si dà solo nel movimento che sorge dai Family Day

Leggi tutto

Politica

Da Parigi un’Europa vera grida all’impostura della falsa

E sulla “Dichiarazione di Parigi”, firmata da immortali e altri accademici di fama, cala il silenzio

Leggi tutto

Politica

CODICE DI CAMALDOLI: STATO E FAMIGLIA

La Costituzione repubblicana deve moltissimo al Codice di Camaldoli e la sua riscoperta serve a tornare alle radici e alle ragioni di un tempo in cui un soggetto politico autonomo di ispirazione cristiana riusciva a essere sostanzialmente egemone, perché partiva da uno studio analitico delle esigenze del Paese, fornendo risposte chiarissime anche quando queste risposte dovevano essere necessariamente complesse.

Leggi tutto

Società

La distrazione di fondo che ci porta all’eutanasia

Gli istituti demoscopici presano un servizio spesso utilissimo, ma non di rado influenzano scientemente i propri risultati (anche semplicemente col modo di formulare le domande). Sul fine-vita – ormai ci martellano da anni e anni per inculcarci l’idea che sia meglio per tutti liberarsi dei malati e dei disabili (fanno passare Eluana Englaro per “una ragazza in coma”…) – i responsi sono tutti accesi ma decisamente contraddittori: il 60% degli italiani si dice contrario al suicidio assistito, ma sono anche di più quelli che si dicono favorevoli a una legge che regolamenti l’eutanasia. Com’è possibile?

Leggi tutto

Società

Mario Adinolfi a Marco Cappato sull’eutanasia attiva

Spero che queste parole ti interroghino e interroghino i congressisti di Bari, che noi verremo a contestare con le nostre bandiere del Popolo della Famiglia e con i nostri militanti disabili che vogliono vivere e non morire, non vogliono sentirsi dire che diventano “dignitosi” solo se scelgono di suicidarsi. Continuiamo a credere che quello sconosciuto depresso che sale su un parapetto per buttarsi giù vada convinto a non farlo, non vada spinto di sotto per aiutare la sua “libera autodeterminazione”. E continuiamo a pensare che una società che organizza la sua libertà attorno all’idea di liberamente sballarsi, drogarsi, uccidersi sia una società malata che necessita di una cura.

Leggi tutto

Politica

Parlamento Europeo: risoluzione sui diritti delle persone LGBTIQ nell’UE

L’Unione Europea dovrebbe rimuovere tutti gli ostacoli che le persone LGBTIQ affrontano nell’esercitare i loro diritti fondamentali. È quanto sostiene il Parlamento Europeo in una risoluzione sui diritti delle persone LGBTIQ nell’UE, approvata questa mattina con 387 voti favorevoli, 161 contrari e 123 astensioni. Nella risoluzione, il Parlamento europeo sottolinea come questi cittadini dovrebbero poter esercitare pienamente i loro diritti, compreso il diritto alla libera circolazione, ovunque nell’Unione Europea.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano