Chiesa

di Giuseppe Udinov

Monsignor Camisasca: “non disporre della vita a piacimento

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

In un’intervista i sacerdote e teologo ribadisce il richiamo netto della Chiesa di Cristo contro la “cultura della morte”: «Non possiamo disporre a piacimento della vita. Quello che possiamo fare, è curare i malati, nel senso di prendercene cura».

Monsignor Camisasca insiste sulla centralità e l’importanza delle cure palliative e della terapia del dolore come grande passo avanti della scienza per poter alleviare i dolori e le atroci sofferenze di alcuni individui: ciò che però teme il vescovo è che con il principio introdotto dalla possibile prossima legge sul fine vita «si apra la strada a una concezione per cui ogni uomo può disporre della vita di altri uomini. Daremmo in mano a chi è più forte la vita di chi è più debole». Discorso non dissimile sull’altro fronte di scontro tra “pro-life” e “pro-choice” (negli Stati Uniti questo volta), ovvero l’aborto: anche qui Camisasca punta a difendere i più indifesi e a rischio, in questo caso i nascituri, «è proprio di questo diritto che dovremmo preoccuparci, perché i nascituri sono i veri poveri, quelli che non possono difendersi». L’aborto in quanto tale non è un diritto per Camisasca, ma prima di tutto «un dramma».

Davanti al Natale che arriva e a Quell’Unico in grado di salvare l’umanità, non lesina critiche molto accese all’Unione Europea che intende “contrastare” il Natale ma anche alle varie considerazioni che elevano la scienza in tempi Covid al rango di “nuova religione perfetta”.

«Natale festa politicamente scorretta? Sì, stanno provando a cancellarlo, nel nome di una falsa incisività delle feste». Il riferimento è diretto a quel documento (per ora ritirato) della Commissione Europea con le “linee guida” per includere tutti, escludendo però di fatto i cristiani: «Il progetto è di cancellare ciò che contraddistingue il volto di un popolo. Ma noi possiamo essere veramente inclusivi solo se riconosciamo ciò che ci costituisce, e che ci apre alle altre storie delle nazioni. Questo equivoco, purtroppo, testimonia la grande povertà dell’Europa».

Il vescovo di Reggio Emilia consiglia l’intera Chiesa ad avere più coraggio nel “ritorno alla presenza”, al “contatto” per recuperare quanto perduto nei mesi più tremendi della pandemia: «molte persone hanno abbandonato la frequenza della messa domenicale, in questo periodo di pandemia; si celebra con capienze ridotte. Ma senza fisicità, non c’è comunità e senza comunità, si torna a un rapporto individualistico con Dio, che non è ciò che Cristo ha portato nel mondo, che non rende felice nessuno».

In questi termini, è sembrato ’ esagerato” sottolineare in più occasioni come ha fatto la Cei che “chi non si vaccina va contro il Vangelo”: secondo Mons. Camisasca, se è vero che esiste il dovere morale nei confronti di sé stessi e della comunità, d’altro canto il “messianismo” sanitario non è affatto visto di buon occhio dalla Chiesa, «Si è pensato che il vaccino fosse la salvezza. Esso è indubbiamente un aiuto, dopodiché il concetto di salvezza è più ampio. Altrimenti, dovremmo pensare che chi, pur vaccinandosi, ricade nelle conseguenze gravi del Covid e muore, come pure è accaduto, non sia “salvato”». Il problema, chiosa il prelato, è che invece di onorare l’impegno e la dedizione degli scienziati «si è elevata la scienza a religione e si sono trasformati i suoi proclami in dogmi».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/12/2021
0210/2022
Ss. Angeli Custodi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Gli italiani e le vacanze alla ricerca della serenità perduta

Come sono andate le vacanze degli italiani nella seconda estate di pandemia? L’indagine fa emergere le tendenze del turismo in questa estate alla ricerca di una nuova normalità nei comportamenti e nell’esperienza di viaggio. La quasi totalità dei rispondenti – circa il 94% (era il 90% nel 2020) – ha fatto almeno una vacanza tra giugno e oggi.

Leggi tutto

Politica

Perchè non servono le piazze piene

Lo andiamo dicendo da settimane senza essere purtroppo ascoltati: se non saremo capaci di evitare lo scontro violento su come potremo uscire dalla pandemia saremo complici di una deriva inarrestabile che porterà il paese a lacerarsi inesorabilmente. La vera questione in gioco non è il green pass e nemmeno i vaccini: in ballo c’è il modello di società e stato che siamo disposti a ricostruire dalle macerie umane ed economiche prodotte dalla pandemia

Leggi tutto

Politica

Covid: dalla Commissione le 10 cure più promettenti

Si concretizza in queste ore una delle azioni principali della strategia dell’Ue sugli strumenti terapeutici contro il Covid-19 con la definizione da parte della Commissione di un portafoglio di 10 potenziali strumenti terapeutici contro il coronavirus

Leggi tutto

Chiesa

Papa: le culture autoreferenziali si ammalano

Papa - Inaugurando una nuova sala espositiva della Biblioteca Apostolica Vaticana, Francesco sottolinea il valore della bellezza che non è l’illusione fugace di un’apparenza o di un ornamento.

Leggi tutto

Chiesa

Myanmar: un’altra chiesa cattolica bruciata e rasa al suolo

Ancora attacchi alla chiesa da parte dei militari. Nelle scorse ore infatti la chiesa cattolica di San Nicola nella città di Thantlang, nello Stato Chin del Myanmar, è stata bruciata dai militari. L’attacco alla chiesa di San Nicola è solo l’ultimo di una lunga serie.

Leggi tutto

Chiesa

SUDAN - “Tutti possiamo contribuire a portare pace sulla terra”

Secondo un recente rapporto, le condizioni di precarietà nello Stato sono in aumento. Mons. Hiiboro evidenzia che quasi la metà dei quartieri della contea sono più svantaggiati rispetto a cinque anni fa. “Celebrando la nascita di Gesù, ci viene data rinnovata fiducia nel potere della bontà e dell’amore, e ci incoraggia a mostrare e condividere quella bontà e quell’amore tutto l’anno. Tutti possiamo contribuire a portare pace sulla terra e buona volontà a tutti.”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano