Storie

di Giuseppe Udinov

Vicenza. “Libere golosità” dal carcere

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ha aperto i battenti a Vicenza il primo negozio monomarca “Libere golosità”. Si trova poco prima della chiesa dei Carmini, dall’altra parte della strada. Un ponte tra il carcere e i vicentini attivo dall’8 dicembre (orari 9-12, 15-19), gestito dalla cooperativa M25. In vendita ci sono panettoni, pandori, biscotti, veneziane, crostate, grissini e cracker aritigianali, nati dalle mani di un gruppo di 13 detenuti dalla casa circondariale di Vicenza guidati dal maestro fornaio Enzo Smiderle. Dodici ore di lievitazione, nessun conservante, utilizzo di materie prime di qualità.

«La vera sfida è la rieducazione attraverso il lavoro – spiega Lorenzo Panozzo di M25, responsabile del progetto -. Dal 2019 la nostra cooperativa ha riattivato il forno all’interno del carcere che era spento da circa tre anni. Abbiamo deciso di creare opportunità di formazione e di lavoro in un settore che sa generare passioni e che può dare sbocco di lavoro al termine della detenzione». Durante le festività natalizie in negozio si alterneranno tre ragazzi assunti dalla cooperativa, ma «c’è la volontà – spiega Luca Sinigaglia, socio volontario di M25 – di coinvolgere i detenuti anche in attività fuori dal carcere, come la nostra cooperativa è impegnata a fare da tempo. Discuteremo delle modalità dopo l’Epifania».

All’interno del negozio sono in vendita anche prodotti artiginali che provengono da altri carceri e case circondariali d’Italia: la birra da Cuneo, il caffè da Napoli, il limoncello dalla Sicilia. Si trovano anche sacche e borse di stoffa realizzate con materiale di scarto da “Made in carcere”, un gruppo di donne del carcere femminile di Lecce. Tutto è vendibile separatamente o combinato in cesti-dono. Il negozio “Libere golosità”di Vicenza va a rafforzare la rete dei prodotti da forno del carcere già disponibili in una ventina di esercizi: dai punti vendita di Latterie Vicentine ad alcune enoteche del Vicentino. I detenuti lavorano nel forno sei ore al giorno. Hanno tra i 18 ai 50 anni, tra loro c’è anche il giovane Collins, presente alla conferenza stampa di presentazione grazie ad un permesso premio.

I panettoni, pandori e biscotti fanno parte anche della rete e-commerce “Economia carceraria”. «Non è ancora possibile acquistare on line i nostri prodotti, ma prendiamo ordinazioni e spediamo in tutta Italia» spiega Lorenzo. Il locale di corso Fogazzaro è di proprietà di Ibap Vicenza che l’ha dato in affitto alla cooperativa. La San Vicenzo, invece, ha messo a disposizione del progetto un Fiorino, indispensabile per la consegna dei prodotti nel Vicentino. «Ringraziamo tutte le persone che hanno reso possibile questa inaugurazione – conclude Lorenzo -. Dai direttori del carcere di Vicenza che hanno creduto nel progetto, al comandante della polizia penitenziaria Testa, ai soci della cooperativa impegnati su più fronti». «Abbiamo davvero tanti ordini e dobbiamo evaderli in tutti i sensi» scherza il responsabile.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

15/12/2021
0808/2022
San Domenico

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa Francesco: rafforzare la logica della solidarietà”

Nel messaggio inviato al direttore generale della Fao, Qu Dongyu, in occasione della Giornata mondiale dell’alimentazione di domani, Papa Francesco afferma che “sconfiggere la fame una volta per tutte” è “una delle sfide più grandi dell’umanità” ed è “una meta ambiziosa”

Leggi tutto

Storie

Athletica Vaticana e lo sport solidale

In vista della Maratona di Roma, che si svolge domenica nella capitale varie le iniziative solidali organizzate, tra gli altri, da Athletica Vaticana. Ci saranno quattro staffette solidali per raccogliere fondi destinate alle famiglie povere con bambini, assistite dal Dispensario Santa Marta

Leggi tutto

Media

Arte Sacra: ecco il salone internazionale “Koinè”

Dal 24 al 26 ottobre la città veneta di Vicenza ospita la Fiera dedicata alla filiera internazionale del settore religioso. Un appuntamento che coniuga vetrine espositive con spazi di riflessione, dibattiti e opportunità di formazione professionale.

Leggi tutto

Storie

Scherma solidale: “DIECI FIORI PER L’UCRAINA”

“Dieci fiori per l’Ucraina” è il titolo del progetto appena lanciato dallo schermidore della Nazionale italiana di spada, già medaglia d’argento a squadre ai Giochi Olimpici di Rio 2016 e quarto classificato nella gara individuale all’ultima Olimpiade di Tokyo 2020, con altri cinque promotori tra cui un ragazzo ucraino e un altro russo, e consiste in una raccolta fondi da destinare alla popolazione che sta soffrendo le pene di una guerra.

Leggi tutto

Storie

Ai domiciliari, va dai Cc e chiede di andare in carcere

Agli arresti domiciliari, é uscito da casa per andare dai carabinieri e chiedere di essere condotto in carcere. La vicenda vede protagonista un quarantenne di Mendicino, centro alle porte di Cosenza, ai domiciliari con l’accusa di atti persecutori ed estorsione

Leggi tutto

Società

Scozia: la follia gender in carcere

Eastwood ha iniziato a identificarsi come donna nel gennaio 2018 mentre stava scontando una pena nella prigione maschile di Shotts e da quel momento è stato detenuto in unità carcerarie per sole donne.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano