Politica

di la redazione

Formati e motivati per essere forti e coesi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nell’ultima tornata di elezioni amministrative siamo stati pronti a presentarci in vari comuni, dimostrando una appassionata vitalità e un eccezionale dinamismo. Ora occorre confermare questa presenza e allargare la cerchia dei nostri contatti e simpatizzanti. E per raggiungere questo obiettivo sono necessari sia una azione costante nel tempo, sia modalità operative e stile delle proposte congruenti con i valori che rappresentiamo e appropriati rispetto alla finalità.

Tutti noi condividiamo quanto deciso nel 2016, cioè che “la nostra azione programmatica sarà ispirata dalla Dottrina Sociale della Chiesa, ma non per questo siamo definibili come partito confessionale. Siamo anzi aperti al contributo di tutti: cattolici, cristiani di altre confessioni, credenti in altre religioni, agnostici, non credenti. Il Popolo della Famiglia ha però chiara e determinata la sua identità di partito popolare di ispirazione cristiana, posto a presidio dei principi non negoziabili, erede dell’intuizione di don Luigi Sturzo che per primo rese protagonisti i cristiani italiani in politica con un soggetto politico autonomo, dunque
aderenti alla vasta vicenda del popolarismo italiano ed europeo.”
Era necessario declinare nel concreto questa scelta programmatica fondamentale. Infatti nella mozione approvata a settembre 2020 si è esplicitato un decalogo di impegni politici:

1. Il Reddito di maternità per battere denatalità e aborto;
2. Riforma fiscale del quoziente familiare con particolare attenzione alla famiglia monoreddito;
3. Legge elettorale proporzionale pura con premio di governabilità alla coalizione (e no al referendum 2020);
4. Abrogazione del reddito di cittadinanza per usare i 7 miliardi annui su reddito di maternità (mille euro al mese per otto anni) e sostegno alla disabilità;
5. Libertà scolastica e riforma basata sul costo standard, con erogazione alle famiglie del buono scuola;
6. Aumento del fondo del Servizio sanitario nazionale per migliorare l’assistenza agli anziani;
7. Guerra alle dipendenze in particolare giovanili (alcol, droga, ludopatia, pornografia).
8. Proclamazione del diritto universale a nascere e del sofferente ad essere curato: no ad aborto, suicidio assistito, eutanasia;
9. Abrogazione della legge Cirinnà e rafforzamento delle norme contro l’utero in affitto, no alla propaganda gender nelle scuole;
10. Sostegno ai giovani che intendono sposarsi e aprire imprese familiari, finanziamento a quelle esistenti entrate in crisi per il crollo dell’economia causata dal Covid, per prevenire anche il crollo dell’occupazione in particolare a tempo determinato degli under 35.” Tuttavia, consci della impossibilità di descrivere esaurientemente ogni attività necessaria, si è anche scritto che “Il decalogo degli impegni programmatici non è esaustivo di tutte le azioni che il PdF svolgerà nei prossimi quattro anni e molto sarà demandato alle sensibilità dei dirigenti locali. Se questa mozione prevarrà sarà cura dei dirigenti locali firmatari della
mozione stessa costruire una organizzazione capillare da misurare proprio sulle iniziative, con dirigenti provincia per provincia impegnati a far crescere il PdF comune per comune, proprio con mobilitazioni che partano dai bisogni concreti del territorio che andranno a infittire il programma di azione politica del Popolo della Famiglia.
Solo così diventeremo di più, molti di più.”
Nonostante si siano svolte varie attività in questi mesi, di formazione e di informazione, di impegno e condivisione con i gruppi locali, di definizione di documenti per le elezioni amministrative in una logica di condivisione, tanto rimane da fare, anche, ma non solo, per l’esiguo numero di volontari disponibili.
Occorre però evitare che a livello locale si prendano posizioni in contrasto tra loro: un partito può considerarsi tale quando sostiene proposte simili (non necessariamente identiche) in ogni situazione, dimostrando così che dietro alle proposte c’è una elaborazione culturale che coinvolge persone e gruppi di sensibilità e territorialità diverse, ma con un comune progetto politico.
A questo scopo va perseguito un dialogo continuo tra gli organi nazionali, quelli intermedi e i circoli locali. Il consiglio nazionale, sentite le sollecitazioni dei circoli attraverso gli organi intermedi, definisce i temi di riflessione, stimola il coinvolgimento di tutti i livelli del partito, ascolta e raccoglie le considerazioni e le risposte dei circoli stessi, facendone sintesi.
E questo rapportarsi tra aderenti e organi del partito funziona quando in ogni organo e in ogni aderente sono ben chiare la struttura organizzativa e le finalità dell’azione di ognuno. Questa conoscenza è un prerequisito imprescindibile per una dialettica focalizzata sui contenuti.
Inoltre è noto a tutti che la politica è l’arte del possibile e quindi ogni proposta deve avere la caratteristica della attuabilità nel momento e nei luoghi correnti.
Riteniamo anche che per arrivare a proposte ben strutturate siano necessarie due condizioni:
Creare spazi di incontro degli aderenti a livello locale che siano dei veri laboratori propositivi ed attuativi, collegati con l’agire del pdf a tutti i livelli.
Favorire il coinvolgimento di quanti, condividendo i nostri valori e ideali, hanno competenze nelle varie materie.
Al fine di perseguire gli obiettivi citati, i firmatari della presente mozione si rivolgono all’assemblea perché, approvandola, impegni il consiglio direttivo nazionale e ogni organo intermedio del partito a: attivare una informazione continua degli aderenti, attraverso una comunicazione almeno quindicinale sui temi di attualità, e in particolare su proposte e interventi degli organi di partito rispetto alla attività del governo e del parlamento; definire un piano di formazione a distanza su: temi di interesse locale comune (dalla scuola alla gestione rifiuti, dalla sanità all’urbanistica), anche attraverso lo scambio di esperienze e la condivisione di idee, politica generale; statuto del partito e sua organizzazione. far nascere tavoli tematici di approfondimento dei temi significativi nella gestione delle amministrazioni locali e nazionali. stimolare la nascita di circoli locali in ogni realtà possibile, dal piccolo comune alla grande città, progettando una modalità per mettere in rete questi circoli e collegandoli all’agire del pdf nazionale.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

16/12/2021
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Priorità è tornare a fare figli

L’Istat certifica inesorabilmente il lungo e strutturale declino demografico italiano. Nel 2015 sono stati iscritti all’anagrafe per nascita 485.780 bambini, quasi 17mila in meno rispetto al 2014, a conferma della tendenza alla diminuzione della natalità (-91mila nati sul 2008). E nei primi sei mesi del 2016 il trend continua inesorabile il volo in picchiata verso il basso: i nuovi nati sono diminuiti del 6%. Il triplo rispetto a un anno fa. Denatalità che ormai risulta sempre più trasversale: italiani e immigrati. I nati da coppie di genitori entrambi italiani scendono a 385.014 nel 2015 (oltre 95 mila in meno negli ultimi sette anni). Ma per il secondo anno consecutivo scende anche il numero di nati da coppie residenti in Italia con almeno un genitore straniero: sono quasi 101 mila nel 2015, pari al 20,7% del totale dei nati a livello medio nazionale (circa il 29% nel Nord e l’8% nel Mezzogiorno).

Leggi tutto

Politica

I risultati del PDF: raggiunto il 3% NAZIONALE

Queste amministrative 2017 vanno comprese come un secondo tempo del percorso avviato con le amministrative 2016. I candidati sindaco del Popolo della Famiglia hanno ottenuto oltre centomila voti nei 35 comuni in cui ci siamo presentati. Sono 35 esperienze pilota che, disseminate in tutte le regioni, rappresenteranno la base anche tecnico-organizzativa per la presenza alle prossime elezioni politiche. E’ tra coloro che hanno messo la faccia (e hanno imparato tecnicamente a presentare le liste) che troveremo i 945 candidati che ci rappresenteranno nella corsa alla Camera e al Senato al più tardi nel marzo 2018. Abbiamo formato una squadra che sul piano organizzativo sa cosa deve tecnicamente fare e sul piano politico ha imparato e persino gustato l’esperienza dell’autonomia, della libertà dai vincoli avaloriali che troppo spesso scattano come riflessi condizionati nella caccia ai consensi dei grandi partiti tradizionali, che per piacere a tutti finiscono per non dire niente di quel che viene considerato come “divisivo”, cioè ogni riferimenti a seri principi valoriali.
I “quattro gatti” del Popolo della Famiglia sono diventati centomila gatti, è un fatto incontrovertibile: un movimento inizialmente irriso e osteggiato, arriva in una grande città come Verona sopra Fratelli d’Italia, ha gli stessi voti di Forza Italia, batte anche la lista tosiana di Fare e si propone come forza politica nazionale in grado di essere base aggregativa per le sfide che verranno.

Leggi tutto

Società

I nodi dell’alternanza scuola-lavoro

L’Occupazione di ottobre è ormai un rito (in)civile a cui le istituzioni non si sentono di sottrarsi, pena l’apparire “fasciste”. Quest’anno la scusa è data da “La buona scuola”, che ha trasformato
nominalmente tutte le scuole superiori in licei e fattivamente tutti i licei in scuole professionali.
Salvo che – per forza di cose – oltre a non insegnare più il sapere non insegnano neppure il fare.

Leggi tutto

Politica

Per arrivare con metodo al 5 Marzo

Fino a pochi giorni fa Massimo Gandolfini si limitava a ignorare inelegantemente le attività e la stessa esistenza del Popolo della Famiglia. Arrivati all’ultimo giro, la sua preoccupazione sembra
essere anzitutto legata alla delegittimazione attiva dell’opzione di autonomia del PdF. Eppure il 4 marzo arriverà e trascorrerà: allora sarà il caso di non essere diventati autenticamente nemici.

Leggi tutto

Politica

Alcuni passaggi importanti

#PdF verso una svolta di qualità Per la storia del Popolo della Famiglia si apre una nuova fase, che non è più fatta solo di aspri contrasti col fuoco amico o con le lobby ideologizzate, ma di conquista concreta di un nuovo mercato elettorale. Non più solo reattività indotta dagli avversari, ma proattività dei temi del Popolarismo nella costruzione di una realtà italiana ed europea fondata sulle radici cristiane della nostra cultura.

Leggi tutto

Società

Vecchie, nuove e nuovissime #dipendenze

L’Università Gregoriana ha ospitato un convegno organizzato dalla Fondazione Internazionale don Luigi Di Liegro e dedicato alle dipendenze che minano i percorsi battuti ogni giorno dai nostri ragazzi. Molti gli specialisti, nonché i testimoni (specialmente membri delle famiglie): queste ultime concordano nell’affermare che i percorsi di recupero sono efficaci quando i genitori del ragazzo agiscono insieme, di comune accordo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano