Politica

di Roberto Signori

No all’ufficio per i diritti Lgbtqi nel comune di Roma

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il Sindaco di Roma Roberto Gualtieri ha deciso di istituire un ufficio per i diritti delle persone Lgbtqi+. Si tratterà di un ufficio di scopo collegato direttamente al primo cittadino che, riprendendo il solito ritornello della lotta alle discriminazioni, dovrebbe rendere la Capitale “più giusta, moderna e inclusiva”. Sappiamo però che il vero scopo di questo ufficio sarà quello di foraggiare associazioni Lgbt, aumentare la propaganda nell’amministrazione e nelle strutture scolastiche ecc. ecc.

In pole position per ricoprire tale funzione parrebbe esserci Marilena Grassadonia, già presidente delle Famiglie Arcobaleno. Nonché colei che aveva pubblicamente ammesso che i veri obiettivi del ddl Zan erano l’utero in affitto, la liberalizzazione della fecondazione artificiale, la colonizzazione delle scuole con l’ideologia gender e la rieducazione arcobaleno. Un personaggio, cioè, controverso almeno quanto il ruolo che le potrebbe essere affidato.

Creare una carica in difesa di una sola categoria suona (paradossalmente) come discriminatorio nei confronti di tutte le altre. Inoltre, l’iniziativa viene presentata come rimedio a un’emergenza, che però è del tutto inesistente: sia perché le tutele esistono già (nel Codice Penale), sia perché l’Osservatorio per la Sicurezza Contro gli Atti Discriminatori del Viminale (OSCAD) ha registrato, in 8 anni, solo una ventina di casi l’anno legati a orientamento sessuale e identità di genere - su base nazionale.

Appare dunque risibile considerare il riconoscimento dei cosiddetti “diritti Lgbtqi+” come un’emergenza: e ancor più in una città come Roma, tormentata da emergenze autentiche quali le buche nelle strade, l’immondizia che straborda dai cassonetti o l’inadeguata manutenzione dei tombini che è causa di allagamenti pressoché a ogni temporale.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

16/12/2021
0302/2023
Santi Biagio e Angsario (Oscar)

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La solita lobby all’attacco dei libri di religione

Leggi tutto

Politica

Torino - Appello del PDF al sindaco Lo Russo

Torino, Il sindaco Lo Russo si impegni ad amministrare la città ed eviti di imporre le proprie convinzioni

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco consacrerà Russia e Ucraina al Cuore Immacolato di Maria

L’atto avverrà il prossimo 25 Marzo durante la Celebrazione della Penitenza che Papa Francesco presiederà alle 17 nella Basilica di San Pietro.

Leggi tutto

Politica

PDF: Sandro Belli candidato a Monza

Nella lista dei candidati alla poltrona di primo cittadino di Monza scende in campo anche Il Popolo della Famiglia che, dopo l’esperienza del 2017 con la candidata Manuela Ponti, adesso scende in campo con Sandro Belli.

Leggi tutto

Storie

Il misterioso attentato a Darya Dugina a Mosca

L’uccisione alla periferia di Mosca con una bomba posta sulla sua auto di Darya Dugina, figlia dell’intellettuale Alexander Dugin, presenta ancora molte zone d’ombra soprattutto nei suoi possibili risvolti e conseguenze. Dugin, ritenuto inizialmente il vero bersaglio degli attentatori, non ha mai avuto un ruolo politico o ideologico al Cremlino a dispetto dei nomignoli che gli sono stati affibbiati in Occidente quali “Rasputin di Putin” o “il cervello di Putin”.

Leggi tutto

Società

Esiste il gender? A Bologna sì

Istituto comprensivo Salvo d’Acquisto, Gaggio Montano, provincia di Bologna: ecco cosa succede da giugno a proposito di un “progetto didattico” che sembra voler erotizzare fortemente i ragazzi in età prepuberale. In un clima surreale in cui da un lato si nega che esista un nugolo di “gender studies” assimilabili sotto l’etichetta di “pensiero gender” e dall’altra si cerca ossessivamente di farli entrare in ogni interstizio della società, partiamo dai fatti per capire come stanno le cose

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano