Storie

di Roberto Signori

PAKISTAN - I cristiani ed il miglioramento delle relazioni interreligiose

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Il dialogo interreligioso è di grande importanza in Pakistan: gli incontri tra persone di diverse religioni sono indispensabili per superare le tensioni e le divisioni, per eliminare la violenza, l’odio e la discriminazione di casta, credo e religione nella nostra società. Il dialogo interreligioso contribuirà a creare una società civile tollerante e pacifica. È molto importante che il nostro governo promuova tale approccio nelle scuole e a tutti i livelli sociali”. Lo dice all’Agenzia Fides p. James Channan OP, sacerdote domenicano e direttore del “Peace Center” a Lahore. “Il nostro attuale governo - nota padre Channan - ha già compiuto passi avanti in tal senso e deve fare molto di più per rendere il nostro Paese molto pacifico e armonioso”.

Nei giorni scorsi padre Channan è intervenuto ad una conferenza nazionale sul futuro delle relazioni interreligiose in Pakistan, organizzata a Lahore dal “Centro per la giustizia sociale”, con la partecipazione di organizzazioni della società civile, promotori dei diritti umani, avvocati, giornalisti, rappresentanti politici e leader delle minoranze religiose.
Il cattolico Peter Jacob, direttore del “Centro per la giustizia sociale”, ha dichiarato che ” per rafforzare l’armonia interreligiosa in Pakistan, bisogna affrontare e rimuovere fenomeni come l’intolleranza sociale, l’accaparramento di terre, l’incitamento all’odio, la conversione forzata delle ragazze non musulmane; tali sfide vanno affrontate attraverso provvedimenti legislativi, amministrativi ed educativi”.
Jacob ha ricordato la sentenza della Corte Suprema dl Pakistan, del 19 giugno 2014, che invitava le istituzioni a tutelare le minoranze religiose, notando la necessita di darle attuazione. I cristiani continuano a chiedere un apposito disegno di legge sul divieto di conversione forzata delle donne delle minoranze religiose e sulla protezione dei luoghi di culto.
Syeda Mehnaz Hassan, pedagogista e scienziata sociale, notando che “il Pakistan è molto ricco di cultura e di storia e religioni diverse”, ha invitato a “rafforzare la pace e l’armonia tramite un approccio multiculturale e multireligioso nel processo educativo”.

Secondo l’avvocato Saroop Ijaz, “l’uguaglianza dei cittadini è una precondizione per qualsiasi democrazia moderna funzionante. Il futuro delle relazioni interreligiose dipende dal riconoscimento e dal rispetto del principio di uguaglianza”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

16/12/2021
0312/2022
San Francesco Saverio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Quella integralista religiosa di Flannery O’ Connor

Flannery O’Connor è stata una cocciuta paladina della realtà contro ogni intellettualismo, colei che più di ogni altra ha saputo portare alla luce le teofanie imprevedibili che la realtà racchiude nei suoi aspetti più banali. Molta polvere si deposita sulle cose ordinarie, facendole apparire insane. Quella polvere va tolta, preservando le cose. Molte iniquità vanno combattute in questa realtà imperfetta per non essere annoverati tra gli iniqui, ma non il reale stesso. Poiché nessun progressismo libresco, la O’Connor asserisce da ogni pagina, ha mai potuto cambiare un atomo del reale o uno iota della legge. Solo ciò che è accidentale cambia, ma l’essenza delle cose non muta. Chi non comprende o non ama questo non comprende la realtà perché, evidentemente, ha molto elucubrato e poco vissuto: “ci vuole vita per amare la Vita”, avrebbe detto un altro grande americano, l’Edgar Lee Masters dell’Antologia di Spoon River.

Leggi tutto

Chiesa

PERCHÉ TUTTO IL MONDO VA DIETRO A CHIARA CORBELLA

La diocesi di Roma ha pubblicato l’Editto in cui si annuncia l’apertura della causa della giovane morta nel 2012 dopo aver rimandato le cure di un tumore per portare avanti una gravidanza.

Leggi tutto

Società

L’Alta Corte di Londra ha giudicato in favore della vita di Tafida Raqeeb

L’Alta Corte di Londra ha giudicato in favore della vita (prima che della famiglia) di Tafida Raqeeb. Per la prima volta in Regno Unito un giudice ha disposto il mantenimento del sostegno vitale di un paziente pediatrico in un caso di conflitto tra l’ospedale e la famiglia. La decisione è arrivata con una sentenza di non facile lettura - e per come vi è espresso il bilanciamento dei punti di vertenza e per l’estensione del testo (70 pagine, le prime 30 di sintesi delle posizioni delle parti) – e tuttavia estremamente netta a concludersi:

Leggi tutto

Società

LA VESTE DEI FANTASMI DEL PASSATO CADENDO HA LASCIATO IL QUADRO IMMACOLATO?

Dobbiamo essere il sale del mondo, che sulle ferite brucia, non lo zucchero filato, non dei pappamolli per paura di ritorsioni. Mi spaventa terribilmente vedere che la raccolta firme di Cappato viaggi verso il milione di aderenti e quella sul reddito di maternità abbia superato di poco le 50.000 unità. Inutile negare che ci hanno stracciato alla grande. Morte batte vita venti a zero per ora, palla al centro.

Leggi tutto

Società

Ritorniamo ad una sana ecologia umana lontana dalle mode del momento

Avanza in questi ultimi anni una psicosi generalizzata scatenata da ecoterroristi che spaventano la gente in maniera voluta ed esasperante. Iniettano nelle vene delle persone il tremendo virus della paura del domani, come se fossero loro i padroni del mondo e del futuro. Le soluzioni che propongono poi, tra l’altro, sono più dannose dei problemi stessi. Occorre ritornare alla svelta ad una vera e sana ecologia umana per dare speranza alle nuove generazioni.

Leggi tutto

Storie

Le motivazioni per cui dovremmo tutti vaccinarci

Gabriele Alfredo Amadei ci offre la sua personale esternazione sul perché dovremmo essere tutti convinti di iniettarci il potente “siero”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano