Società

di Nathan Algren

Piemonte: è allarme nascite

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nel 2020 il Piemonte ha perso 36.272 abitanti. Il numero dei morti è stato più che doppio rispetto al numero dei nuovi nati: un dato drammatico, aggravato dal Covid, che neanche i flussi migratori riescono a bilanciare. Un dato che disegna per il futuro una regione di vecchi, dove si nasce sempre meno.

Le culle vuote non sono un fenomeno solo piemontese, sono una piaga nazionale, ma in Piemonte l’invecchiamento della popolazione risulta particolarmente accentuato, se è vero che ogni sei persone anziane (oltre i 65 anni) si conta ormai appena un ragazzo sotto i 15 anni (la media nazionale è di un ragazzo ogni cinque anziani).

La deriva della popolazione si trascina da anni, è oggetto di sporadiche iniziative legislative per il sostegno alle nascite, animata però dall’azione politica del Popolo della Famiglia, ma complessivamente viene subìta passivamente dal sistema Paese, senza vere controffensive che arrestino e invertano il trand negativo. In un Piemonte abitato prevalentemente da persone anziane, con pochi giovani e pochi adulti in età da lavoro, il sistema delle pensioni diventerà insostenibile, così come risulterà temeraria la gestione della rete sanitaria e assistenziale.

Nel suo rapporto annuale sui dati demografici del Piemonte l’Istat parla di «dinamica demografica recessiva»: se nel 2019 la popolazione piemontese contava 4.311.217 individui, nel 2020 siamo scesi a 4.274.945 (-0,84%). Si tratta di dati più o meno in linea con quelli nazionali: l’Italia, in un anno, ha perso 405.275 individui (-0,7%) e resta ormai ben al di sotto dei 60 milioni di abitanti, a 59.236.213.

Secondo dati Ires, nel 2020 in Piemonte sono nati solo 27 mila bambini, mai così pochi. Per la prima volta i nati sono risultati meno della metà del numero dei decessi. Rispetto al 2019 il calo è stato del 3%: 900 bambini in meno. Rispetto al 2011 la flessione appare del 28% (10.700 nascite in meno nell’arco di un anno). Per cogliere le dimensioni dell’emergenza basta pensare che negli anni Cinquanta del Novecento nascevano in Piemonte 40 mila bambini all’anno e negli anni Sessanta, quelli del baby boom, si giunse a 65 mila nascite. Ora siamo a 27 mila (6,3 ogni mille abitanti, erano 8,7 dieci anni fa).

Il calo della popolazione piemontese è una tendenza che neanche i flussi migratori riescono a contrastare. Nel 2020 gli stranieri residenti nella regione subalpina sono aumentati di appena 5.343 unità rispetto all’anno precedente (417 mila le presenza complessive): sono numeri bassi a confronto della Lombardia (+ 41 mila stranieri), del Veneto (+ 23 mila), dell’Emilia-Romagna (+ 25 mila) o della Toscana (+ 28 mila). Gli immigrati preferiscono vivere in altre regioni d’Italia, segnalando un altro fattore negativo del Piemonte: il declino industriale, che ha chiuso aziende, cancellato posti di lavoro, rallentato il mercato occupazionale. Anche il declino economico contribuisce al calo demografico.

Fra le cause del calo di nascite c’è il progressivo assottiliamento della popolazione femminile in età fertile, solitamente calcolata nella fascia d’età 15-49 anni. Se nel 2010 le donne piemontesi potenzialmente fertili erano 971 mila, nel 2019 sono scese a 832 mila (-14%). Per un regolare ricambio delle generazioni occorrerebbe la nascita di 2,1 figli per ogni donna, ma ne 2019 il numero medio dei figli si è attestato a 1,27. Quasi una donna su quattro (23,3%) è senza figli.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/12/2021
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Perchè entrare nel PDF è come aiutarne la diffusione

L’idea di incentrare la battaglia a partire dalla difesa della famiglia, prima struttura organizzativa e società naturale, è rivoluzionaria ma, al tempo stesso, è sempre stata considerata importantissima dalla dottrina cattolica, basti ricordare San Giovanni Paolo II per il quale la famiglia rappresenta il prisma da cui interpretare e articolare tutti gli interventi nella società umana.

Leggi tutto

Politica

Gli sfregi di Laura Boldrini alla Conferenza sulla famiglia

A metà tra la spaesatezza e la provocazione, il surreale intervento della “Presidenta”

Leggi tutto

Politica

Il fascismo non ebbe meriti? Parliamone!

Il discorso di Mattarella si volle enfatico per l’occasione, ma la sua assolutezza non può essere presa tout court come giudizio storico.

Leggi tutto

Politica

CON UN ATTO DI ARROGANTE IMPERIO

Ora sta ai cristiani, in Italia in particolare ai cattolici, decidere come reagire davanti a questa furibonda offensiva che nega il diritto stesso di agire come cristiani in ambito politico proclamando alcune banalissime idee che sono alla base della nostra fede. Per ognuno di noi la vita umana va difesa fin dal suo concepimento, Papa Francesco è arrivato ad affermare che “abortire è come affittare un sicario” ed è una frase che se fosse stata pronunciata da un candidato del principale partito di governo ne avrebbe comportato l’immediata espulsione con la relativa cancellazione del diritto all’elettorato passivo.

Leggi tutto

Media

Un videogame educativo sulla cybersecurity

Presentato al RomeVideoGameLab, “Nabbovaldo e il ricatto dal cyberspazio”, videogioco per imparare la Cybersecurity. Il gaming in classe ora diventa didattica.

Leggi tutto

Società

Federconsumatori: un figlio fino a 18 anni costa più di 175mila euro

L’aumento dell’1,2% che si è registrato rispetto al 2018 è in parte determinato dalla pandemia

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano