Storie

di Ilaria Sorrentino

A Ravanusa “tutto è compiuto”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Fratelli, se Dio è per noi, chi può essere contro di noi? Egli che non ha risparmiato il proprio Figlio, ma lo ha dato per tutti noi, come non ci donerà ogni cosa insieme a lui?” le parole della seconda lettura dei funerali di Stato a Ravanusa sono consolazione. Consolazione come momento per ripartire da Dio. Ed è questo il momento di puntare all’eternità. Sperare contro ogni speranza è il segreto per poter trovare un senso dove un senso non c’è.

Un funerale amaro. Un funerale difficile. Un funerale partecipato. Un funerale per chi spera nonostante tutto perché la morte improvvisa di dieci persone colpisce tutta la comunità: ognuno viene toccato nell’affetto, nel senso di impotenza, nel dolore in quanto umani in grado di entrare in sintonia con il dolore altrui, e ci spinge a riflettere, a interrogarci, a ricercare un senso nella perdita. Ogni parola del vescovo Alessandro Damiano sono un momento di riflessione perché la “morte” in questi casi non riuscirà mai ad essere naturale, mai. È vero con lei, prima o poi, tutti dobbiamo fare i conti. Ma quando entra così prepotente da distruggere il nostro sereno, il nostro quotidiano, la nostra storia, tutto appare incomprensibile. Tutto porta alla disperazione. Le parole del vescovo arrivano dritte e tuonano nel silenzio di Ravanusa, sono parole forti, una denuncia chiara che abbraccia una comunità ferita: “L’esplosione non ha dato scampo. Si è fatto buio nella vita di Samuele, che pur non avendo fatto in tempo a nascere era già uno di noi. Un grembo è diventato tomba. Si è fatto buio nelle famiglie che hanno sperato fino all’ultimo nel miracolo e si è fatto buio nella comunità di Ravanusa che ha perso un pezzo di sé e ha perso anche la possibilità di sentirsi al sicuro, con un sottosuolo che si è rivelato pericoloso, con strutture precarie. Si è fatto buio nell’intero paese che ha seguito le fasi di una tragedia che una maggiore responsabilità e un controllo più attento avrebbero forse potuto evitare”. La conclusione è un invito a metterci in cammino, un invito a ricominciare: “Ci chiediamo, che senso ha tutto questo. Come voi non ho una risposta ma voglio cercarla nella fede”.

A Ravanusa in una frazione di secondo, di quel terribile sabato, abbiamo imparato che non sempre le cose vanno come vorremmo ma quello che appare come la fine, spesso è solo un nuovo inizio per ripartire puntando al cambiamento. È necessario cambiare rotta. È necessario puntare lo sguardo a “chi tutto può”. È necessario che la politica punti il suo “fare” al bene, operando con realismo e prudenza, senza fare promesse che non si possono mantenere. Occorre un cambio di passo molto più radicale rimettendo a tema il significato dell’azione pubblica avendo a cuore l’umanità di una comunità che vuole chiarezza e SICUREZZA. È necessario che la politica diventi terreno del possibile, non del frastuono e dell’irrazionale.

È necessario che non cali il sipario su Ravanusa perché quelle macerie, quei volti non devono essere dimenticati. La vera testimonianza è quella di Eliana, moglie di Giuseppe Carmina. Le sue parole sono entrate come una spada nel cuore di tutti. Parole semplici che tolgono il fiato: “Guardiamo alle cose che durano per sempre. In un attimo tutto è andato via. Giuseppe era il mio tutto. Ma è arrivata una forza sovrumana, una serenità interiore che solo Dio può dare. La casa è vuota, le nostre bambine chiedono e piangono, il letto è diventato grande. La croce è pesante. I miei suoceri per me erano altri genitori. Ma non maledico Dio, continuo a ringraziarlo. Ho la certezza che Giuseppe e i miei suoceri sono in un posto migliore. Siamo nati e non moriremo mai. Per tutti noi questa sia una certezza”. Il suo è un invito all’amore, all’amore eterno, all’amore cristiano, quello che non delude. Un invito a spostare la nostra bussola, il nostro sguardo al vero bene. In questo tempo di angoscia, di disperazione, di lutto, di lacrime, la fede è quella consolazione che ti fa ripartire e ti mette in cammino.

Un invito che mi riporta alle parole di Papa Francesco: “si tratta di non scappare dalla Croce, ma di rimanere lì, come fece la Vergine Madre, che soffrendo insieme a Gesù ricevette la grazia di sperare contro ogni speranza”. Grazie Eliana. Grazie perché ci ricordi che la fede è dialogo, è riprendere quel cammino che può sembrare amaro ma che profuma di speranza.

Oggi Ravanusa è un cuore che batte all’unisono, un abbraccio pieno d’amore per Selene, Giuseppe e il loro bimbo, per Angelo ed Enza, per Liliana e Calogero, per Giuseppe, per il professore Carmina e per la moglie Carmela ma soprattutto per le loro famiglie. “Non è qui, è Risorto”, un invito a riprendere la nostra vita puntando alla speranza. Un invito ad uscire dai sepolcri del dolore avendo e portando nel cuore il vero amore.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/12/2021
0410/2022
S. Francesco d'Assisi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

L’Argentina e l’aborto

Sembra provvidenziale questa retiterata volontà del Presidente argentino Macri di impedire la legalizzazione dell’aborto nel Paese sudamericano. Infatti, negli stessi giorni in cui il Capo di Gabinetto del Presidente della Repubblica Marcos Peña dichiara ufficialmente che, la depenalizzazione dell’omicidio del concepito nel grembo materno, «non è nei programmi» del Governo (cfr. Marcos Peña: “No está en agenda avanzar” con la legalización del aborto, “La Nación”, 22 de noviembre de 2016), il Nobel per la Letteratura Daniel Mantovani (“El ciudadano ilustre”), descrive un Paese alla ricerca delle proprie «radici europee» e «di una forte e coesiva identità nazionale» (cit. in L’Argentina, un Nobel in ritardo e la ricerca dell’identità nazionale, “Il Corriere della Sera”, 23 novembre 2016, p. 41). E quali possono essere queste “radici europee” se non quelle dell’umanesimo cristiano? Nella vigente Costituzione argentina del resto il Parlamento è chiamato fra l’altro a «dettare un regime di sicurezza sociale speciale» per il bambino anche «durante la gravidanza» (art. 75, co. 23). Per l’ordinamento nazionale appunto l’aborto è ammesso solo in caso di pericolo di vita, stupro o grave pregiudizio per la salute fisica della donna.

Leggi tutto

Chiesa

La mattinata americana e l’udienza di Papa Francesco

Dopo l’incontro con la famiglia presidenziale Usa, il Santo Padre ha incontrato il popolo in Piazza.

Leggi tutto

Società

Francia, quadro instabile: la bioetica slitta a giugno

Dopo i rituali “stati generali”, previsti dalla stessa “Legge bioetica” con cadenza decennale in vista dell’aggiornamento della stessa, il governo Macron aveva dichiarato di poter procedere alla rivisitazione del testo legale entro la fine dell’anno solare. In realtà l’ospite dell’Eliseo sta attraversando una crisi politica cui fa da sfondo l’emorragia dei consensi. Così il Président prende tempo e spinge l’apertura del dibattito parlamentare alla fine della primavera.

Leggi tutto

Società

News sulla Violenza Ostetrica: parla la Relatrice Speciale delle Nazioni Unite (parte prima)

Il motivo principale presupposto dei maltrattamenti è la diseducazione dilagante generale. Se ognuno di noi si recasse in diversi reparti di diversi nosocomi pubblici - e anche privati - di modo tale da poter osservare, come potrebbe fare una mosca, il trattamento che viene riservato a ogni singolo paziente durante le ore del giorno e della notte e in diverse circostanze, non rimarrebbe stupito nel constatare che in ogni turno, composto da diversi operatori sanitari (medici, infermieri, ostetriche, ausiliari) vi è chi possiede tatto - e quindi comunica in una certa maniera sia coi colleghi e i sottoposti, sia coi pazienti - e chi pare proprio mostri una condotta sbagliata - con colleghi, sottoposti e/o pazienti

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco all’Angelus: “Il cuore guarisce ascoltando”

All’appuntamento con l’Angelus della prima domenica di settembre il Papa si sofferma sulla guarigione del sordomuto narrata nel Vangelo di Marco. Al termine della preghiera mariana ricorda il popolo afgano, le popolazioni Usa colpite dall’Uragano e il viaggio in Ungheria e Slovacchia ormai in arrivo.

Leggi tutto

Chiesa

Vescovo invita Papa,lui scherza:nel 2025 verrà Giovanni XXIV

“Ho invitato il Papa a visitare la città di Ragusa in occasione del settantacinquesimo anniversario della fondazione della Diocesi nel 2025. Il Santo Padre ha fatto un sorriso e un cenno di assenso e con una battuta mi ha risposto dicendo che nel 2025 sarà Giovanni XXIV a fare quella visita”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano