Società

di Giuseppe Udinov

L’Austria legalizza il suicidio assistito

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Grazie al voto favorevole di tutti i partiti di governo (Popolari e Verdi) e di opposizione (Socialdemocratici e Liberali) e il solo no della destra nazionalista del Fpö, il Parlamento austriaco ha legalizzato il suicidio assistito per i pazienti maggiorenni affetti da malattia terminale oppure cronica e fortemente debilitante senza prospettiva di guarigione. La volontà di farsi aiutare medicalmente a darsi la morte dev’essere esplicitamente dichiarata e poi confermata dopo 12 settimane prima di procedere alla pratica di morte volontaria, previo parere favorevole di due medici, uno dei quali specialista in cure palliative. Si esclude l’eutanasia così come l’accesso ai minorenni. La decisione del Parlamento segue di un anno la sentenza con la quale la Corte costituzionale austriaca aveva dichiarato illegittima la parte del Codice penale che punisce con la reclusione da sei mesi a cinque anni chiunque aiuta un’altra persona che glielo chieda a uccidersi perché una simile disposizione violerebbe l’autodeterminazione dei cittadini. I giudici avevano fissato la fine del 2021 come termine perché il Parlamento recepisse la sentenza prima che la parte di legge cassata decadesse. La legge sul suicidio assistito entra in vigore il 1° gennaio.

Durante il dibattito parlamentare i vescovi austriaci avevano fatto sentire la loro voce, preoccupati da «carenze inaccettabili» nelle garanzie della legge per prevenire abusi, denunciando che la deriva austriaca stava ricalcando quella di tutti i Paesi nei quali la procedura di morte volontaria è stata legalizzata: «In brevissimo tempo – aveva dichiarato il presidente monsignor Franz Lackner, arcivescovo di Salisburgo – il caso eccezionale diventa una normalità socialmente accettata e l’esenzione dalla pena un diritto esigibile». La Conferenza episcopale austriaca aveva contribuito al confronto politico chiarendo che la Chiesa «si impegna con tutte le sue forze per la protezione globale della vita». Tra le lacune rimproverate alla legge, la mancata previsione nel collegio medico della figura di uno psichiatra. Al centro delle critiche della Chiesa austriaca il fatto che la legge rende praticabile e non perseguibile praticamente qualunque suicidio. La legge asseconderebbe «l’illusione che l’unica forma di vita che valga la pena di essere vissuta sia una vita piena e attiva, una vita “del fare” e di conseguenza ogni forma di mancanza o malattia è vista come un fallimento che non può essere tollerato».

Un giudizio confermato nella nota diffusa subito dopo il varo della legge, nella quale Lackner, pur riconoscendo «gli sforzi del legislatore per proteggere le persone dalla fretta e dall’errore» e per la «prevenzione del suicidio», ha espresso l’auspicio che a morire non siano i cittadini ma la legge «se noi come comunità di solidale riusciamo a impedire a chiunque in Austria di farne uso».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/12/2021
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Hadjadj: non scegliete il male minore

L’Italia è chiamata al referendum su una riforma costituzionale molto pervasiva; la Francia
vede prepararsi le elezioni con i cattolici che propendono (come avviene anche nel Belpaese) per il
centrodestra, diviso oggi tra liberalconservatori e nazionalisti duri e puri. Il filosofo Fabrice Hadjadj,
intervistato da Famille Chrétienne, invita a «tracciare un sentiero nel mezzo di Mordor»

Leggi tutto

Politica

Le nuove parole d’ordine della Francia

Onestà, rettitudine e coraggio sembrano essere le nuove direttrici della Repubblica francese. Questo almeno stando al discorso di inizio legislatura tenuto dal presidente del consiglio Édouard Philippe: un Paese fondato sulla classicità romana, molto più che sul giacobinismo. Copertine che non cambiano la sostanza, a ben vedere: o la fondazione di una res publica si regge sullo scavo di un’etica condivisa oppure chi è più forte vince. E basta

Leggi tutto

Società

Ciascuno deve scegliere per se

In realtà l’#alleanza terapeutica esiste già, in Italia, e funziona. Ecco perché il biotestamento non ha altro scopo che quello di alleggerire i parenti e lo Stato.

Leggi tutto

Chiesa

Un sito ed una scuola alla sequela di San Benedetto

Lo scopo dell’insegnamento di San Benedetto è di dar vita ad una comunità che incarni il Vangelo nella azioni di tutti i giorni: «Venite, figli, ascoltatemi; vi insegnerò il timore del Signore» [Sal 33,12] (Regola, Prologo). La sua, perciò, non è una teologia teorica, bensì una sapienza rivolta a governare santamente la vita umana. E poiché gli uomini vivono sempre insieme, San Benedetto, al seguito degli apostoli, intende plasmare secondo una forma divina la vita quotidiana di una comunità.

Leggi tutto

Politica

Lettera al signor ministro

Lei è Ministro delle Pari Opportunità e poi dopo della Famiglia. Quindi per Lei le Pari Opportunità sono più importanti. Perfetto, allora, iniziamo con queste. Uomini e donne vivono la famiglia e il lavoro diversamente: spiace iniziare con la biologia, ma le mamme mettono ancora al mondo bambini e ne hanno bisogno (si pensi a quante donne, passati i trentacinque anni, chiedono di avere accesso alle tecniche di fecondazione assistita: circa 78 mila coppie nel 2017, ma ahinoi solo 13 mila bambini, nascono), i bambini poppano ancora da mamma e/o comunque hanno necessità di stare con questa più a lungo possibile. Inoltre i bambini maturano la loro parziale autonomia nei primi tre anni di vita, e durante questi tre anni (dalla nascita ai 36 mesi), si forma tutto il loro bagaglio psicologico che la Teoria dell’Attaccamento (cfr. 100.000 baci

Leggi tutto

Chiesa

La Quaresima e le Chiese Stazionali

Nel nostro secolo intendiamo con stazione un luogo di sosta lungo un percorso. Nel mondo romano la terminologia relativa alla viabilità era specializzata con termini specifici come mansio, mutatio e, appunto, statio che è perdurato fino a noi. Per statio si intendeva per lo più un posto di guardia militare, dislocato lungo le vie e i confini dell’Impero, ma nelle fonti il suo uso si riscontra flessibile e riguarda anche funzioni amministrative o di semplice sosta e ristoro.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano