Politica

di Mirko De Carli

DDL ZAN: I PRIMI A NON CREDERCI SONO LORO

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ogni tre per due Enrico Letta rilancia la bandiera (ormai decisamente scolorita) del ddl zan: quando ci sono trame tra il centrodestra di governo e parti del fu centrosinistra il segretario dem agita lo spettro dell’omofobia per alzare la temperatura parlamentare e deviare dalle questioni che contano. Ci sono partite che scottano: elezione del nuovo Presidente della Repubblica, voto sulla manovra finanziaria e organizzazione degli accordi elettorali in vista delle elezioni politiche sempre più prossime. Il Partito Democratico, stante gli attuali numeri parlamentari, non ha alcuna golden share e ha un’unica strada: gonfiarsi il petto per apparire più “consistente” di quello che effettivamente è. Per questo “usare” strategicamente il mondo lgbt come scudo per nascondere le proprie debolezze appare, ad un ex democristiano come Letta, un diversivo valido e appetibile.

Il testo del ddl zan è stato bocciato in aula al Senato e quindi non ha più alcun ragion d’essere una sua riproposizione: un testo diverso richiederebbe tempo per essere presentato e l’opzione di rispolverare dalla naftalina il ddl Scalfarotto appare come una scelta decisamente in salita in quanto iniziativa dal sapore “renziano” che non alletta per niente i democratici (che hanno il dente avvelenato con il loro ex segretario). Per questo motivo dico: i primi a non crederci sono loro. Non hanno i numeri, non hanno un nuovo testo pronto da sottoporre alle critiche puntuali degli altri partiti della maggioranza parlamentare che sostiene Draghi e che ha bocciato il ddl Zan e non ci sono spazi per inserire questo dibattito nuovamente nel calendario dei lavori d’aula “ingolfati” da altre urgenze non rinviabili.

Le prospettive di arrivare ad una nuova legislatura senza più pericoli di un’accelerata improvvisa rispetto alla follia del reato di omofobia sono reali e concrete. Un dettaglio, fondamentale, va comunque sottolineato e non sminuito: qualsiasi accenno di trattativa che tentasse di intavolare il Partito Democratico su questo fronte il centrodestra, soprattutto quello governativo, lo respinga con forza. Quando si parla di questioni ideologiche che vogliono limitare la libertà di pensiero imponendo reati di opinione che odorano da leggi fasciatissime nessun accordo è praticabile. Il Popolo della Famiglia parla chiaro ribadendo che nessuna alleanza è possibile con coloro che cedono su questo fronte, per noi decisivo.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/12/2021
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Germania, PD ed il caso Lucano

Curiosi commenti arrivano dal PD tedesco sul caso Lucano e sul modello Riace. Ecco la nota sulla quale poter riflettere.

Leggi tutto

Società

Caso Signorini, Adinolfi dalla parte del conduttore

Continua a tenere banco il caso sulle parole di Alfonso Signorini riguardanti l’aborto al GF Vip: Mario Adinolfi si schiera dalla parte del conduttore

Leggi tutto

Media

Associazione Stampa Romana - Intelligonews chiude: a casa e senza tutele tutti i lavoratori

Librandi alla fine di ottobre ha comunicato alla redazione la fine dei giochi. Gli accessi si sarebbero ridotti, ma non al punto tale da giustificare una repentina chiusura. Nonostante l’editore negli anni avesse sfruttato il lavoro dei colleghi, avendo fatto poco e nulla per regolarizzare le posizioni contrattuali e previdenziali.
La lettura dei bilanci ci racconta invece tuttora una storia di assoluta sostenibilità dell’impresa editoriale. Forse ha inciso di più la collocazione di Librandi all’interno del partito democratico.

Leggi tutto

Politica

Regione Lazio la priorità dei giovani è l’agenda Lgbt

Quattro film con quattro tematiche diverse, per tutto il mese di aprile. Fin qui nulla di strano, se non fosse che scopriamo come il primo di questi appuntamenti è stato dedicato al mondo Lgbt

Leggi tutto

Politica

MANCANO LE PAROLE D’ORDINE E IL CENTRO-DESTRA SI SCHIANTA

Dopo questi ballottaggi si palesano tutti i limiti dell’offerta politica del centrodestra italiano: non facciamoci ingannare dalla bassa affluenza elettorale, il popolo moderato se ci fossero state proposte politiche all’altezza delle aspettative si sarebbe certamente mobilitato. Il reale problema è strettamente connesso con l’incapacità di Meloni e Salvini (e, a seguire, dei loro rispettivi candidati a sindaco) di presentare al paese una serie di “cose da fare” saldamente ancorate a pochi ma ben definiti valori di fondo condivisi.

Leggi tutto

Politica

“Fede, onore e disciplina” innominabili per il PD

Per il PD i valori restano innominabili e soprattutto fascisti. L’ennesimo esempio di questa ottusità giunge dalle martoriate Marche che di problemi veri e seri ne hanno ed in abbondanza,,,,

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano