Storie

di Giuseppe Udinov

Haiti: fuggiti i missionari rapiti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Una fuga rocambolesca, di notte, dopo 2 mesi di prigionia nelle mani di una violenta banda che li aveva sequestrati durante un attacco armato all’orfanotrofio nel quale lavoravano. L’epilogo a lieto fine degli ultimi 12 missionari nordamericani di un gruppo di 17, rapiti a metà ottobre, si conosceva già da giovedì scorso ma non invece la dinamica degli eventi raccontata durante la conferenza stampa on line dal portavoce di Christian Aid Ministries, l’organizzazione protestante statunitense a cui appartengono.

Approfittando dell’oscurità, i missionari - con loro anche tre bambini: uno di 10 mesi, e due di tre e sei anni - sono riusciti a fuggire attraversando per almeno 16 chilometri una fitta foresta di rovi. Commoventi i ringraziamenti del direttore generale dell’organizzazione protestante, David Troyer, a tutti coloro che hanno pregato e in particolare alla popolazione haitiana per la quale, ha dichiarato, continueranno a lavorare.

Il Paese vive una situazione di grave insicurezza a causa della crisi sociale, economica e politica che sta attraversando ormai da tempo. In un comunicato firmato dall’arcivescovo della capitale, monsignor Max Leroy Mésidor, la Chiesa sottolinea che “da tempo assistiamo ad una discesa agli Inferi della società haitiana”, dato che “la violenza delle bande armate” ha assunto “una proporzione senza precedenti”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/12/2021
3011/2022
Sant'Andrea

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Una risposta a Melloni, inquisitore dei laicisti

In un disinvolto corsivo comparso ieri sulle colonne di Repubblica, lo storico bolognese del cristianesimo ha raccolto sotto i suoi consueti strali l’ormai crivellato padre Cavalcoli, Antonio Socci, Radio Maria e noi del Family Day. A questo punto è opportuno mettere in chiaro alcuni concetti

Leggi tutto

Società

Nell’universo del sadismo non c’è amore

La degradazione dell’altro a oggetto di piacere spiega la predilezione degli antieroi sadiani per la sodomia. Scrive Lombardi Vallauri: «Il privilegiamento assoluto e sistematico della sodomia, nel rapporto sia omo- che eterosessuale, esprime nel modo più plastico la generale riduzione dell’altro a puro succube, a sub-giacente, privato del volto e dello sguardo, ossia degli organi della reciprocità, egli è passività pura, materiale per alimentare il fuoco della passione. La posizione fisica nel rapporto esprime il rifiuto dell’incontro, la sterilità del rapporto il rifiuto dell’impegno».

Leggi tutto

Storie

San Paolo ed il gender

Durante un convegno di Gianfranco Amato e Silvana De Mari a Bagheria il professor Luciano Sesta, docente cattolico di antropologia filosofica e
bioetica all’Università di Palermo, ha voluto prendere la parola, dichiarando a sorpresa che a suo avviso il primo manifesto “gender” si troverebbe
nella lettera ai Galati di san Paolo. Si trattò di una provocazione, che però merita di essere sviscerata adeguatamente e in modo esaustivo

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e l’Angelus dell’Immacolata

8 Dicembre - da Piazza San Pietro l’Angelus di Papa Francesco in occasione di questa festività così importante. Eccomi è la parola-chiave della vita. Segna il passaggio da una vita orizzontale, centrata su di sé e sui propri bisogni, a una vita verticale, slanciata verso Dio. Eccomi è essere disponibili al Signore, è la cura per l’egoismo, è l’antidoto a una vita insoddisfatta, a cui manca sempre qualcosa. Eccomi è il rimedio contro l’invecchiamento del peccato, è la terapia per restare giovani dentro. Eccomi è credere che Dio conta più del mio io. È scegliere di scommettere sul Signore, docili alle sue sorprese. Perciò dirgli eccomi è la lode più grande che possiamo offrirgli. Perché non iniziare così le giornate, con un “eccomi, Signore”? Sarebbe bello dire ogni mattina: “Eccomi, Signore, oggi si compia in me la tua volontà”. Lo diremo nella preghiera dell’Angelus, ma possiamo ripeterlo già ora, insieme: Eccomi, Signore, oggi si compia in me la tua volontà!

Leggi tutto

Storie

A tu per tu con Rosaria Radaelli

L’ostetrica Rosaria Radaelli ci parla della sua professione.

Leggi tutto

Chiesa

Limiti e criterî di discernimento dell’“aggiornamento”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano