Politica

di Tommaso Ciccotti

PAKISTAN - Un treno speciale porta nel paese il messaggio di pace del Natale

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

È un momento di gioia essere qui con tutti voi, persone della comunità cristiana, alla stazione ferroviaria di Lahore, per inaugurare il ‘Christmas Peace Pray Train’ con lo slogan: ‘Pregate per il Pakistan’. È nostro compito proteggere i diritti di tutte le persone delle minoranze religiose che lavorano nelle ferrovie pakistane. Augurandovi ogni felicità in occasione del periodo natalizio, vi sono anche grato per la vostra presenza: non rappresentate solo i cristiani del Pakistan, ma rappresentate anche le ferrovie pakistane. Spero e prego che questo treno sia un simbolo di unità, pace e armonia durante tutto il suo viaggio verso Karachi e in tutto il Pakistan”: è quanto ha detto Azam Khan Swati, Ministro dei Trasporti e delle Ferrovie del Pakistan, inaugurando il “Christmas Peace Pray Train”, speciale convoglio che, nel periodo natalizio, percorrerà le principali stazioni del paese, portando un messaggio di pace, armonia e pacifica convivenza.

Il Ministro Azam Khan Swati ha inoltre affermato: “L’obiettivo di questa iniziativa è condividere la gioia del Natale con la nostra comunità cristiana in Pakistan e rafforzare l’armonia e la pace tra religioni diverse. Operiamo e preghiamo perché tutte le comunità religiose in Pakistan, sotto la guida del Primo Ministro Imran Khan, possano progredire verso lo sviluppo, la prosperità, la stabilità e la pace in Pakistan”. Il Ministro ha aggiunto: “Credo e auspico che presto verrà un momento in cui le comunità religiose minoritarie che vivono in Pakistan saranno più prospere e potranno godere del pieno diritto di vivere in pace e dignità”.
Il treno speciale ha preso il via 17 dicembre dalla stazione ferroviaria di Lahore e ha raggiunto Karachi. Trentasei Pastori e leader cristiani, appartenenti a varie confessioni, insieme con altri membri delle loro Chiese hanno viaggiato cantando canti natalizi, salmi e pregando continuamente per la prosperità, per la pace e l’armonia in Pakistan.

Il pastore Jamil Nasir, a capo della Chiesa Pentecostale in Pakistan, ha dichiarato a Fides: “È la prima volta che accade che i nostri fedeli preghino pubblicamente nelle stazioni ferroviarie, cantando inni per lodare Dio. E’ stato motivo di grande gioia vedere la presenza dei nostri fratelli musulmani, attivi nel sostenerci. La nostra comunità non ha pregato solo in treno, ma anche in tutte le stazioni in cui questo treno si è fermato”.
Parlando all’Agenzia Fides, il Pastore Suleman Manzoor, della organizzazione cristiana “Rapha International Mission”, principale organizzatore del treno speciale, ha dichiarato: “Era il nostro sogno poter organizzare un treno di Natale, per proclamare il messaggio di pace del Natale in tutto il territorio nazionale, pregando per il Pakistan e invocando le benedizioni di Dio per la nostra amata patria. Siamo grati a Dio per aver benedetto questa iniziativa: andiamo avanti con la convinzione che la preghiera porti benedizione alle nazioni, ai leader e al nostro paese e pace in Pakistan”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/12/2021
0708/2022
San Gaetano da Thiene

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Ogni vuoto viene riempito

O capiamo che dobbiamo tornare ad occupare tutti i nostri spazi valoriali, ritornando pienamente alla nostra identità prima di tutto cristiana e ricordando sempre il nostro status di paese ospitante, o moriremo travolti dalla loro inestinguibile volontà di potenza, nonché dai loro denari. Si sono presi con i petrodollari le nostre più iconiche squadre di calcio (Paris Saint Germain e Manchester City, ma anche il Trohir già presidente dell’Inter ringraziò Allah dopo la prima vittoria dei suoi nerazzurri), ora con la Qatar Charity Foundation finanziano le scuole coraniche e le moschee in Sicilia (2.5 milioni di euro) dopo che con un più ingente pacchetto di 25 milioni di euro hanno fatto costruire 43 moschee su tutto il territorio italiano, secondo quanto riferito dall’imam fiorentino Izzedin Elzir. Qualcuno si è posto un problema dopo aver letto che la Qatar Charity Foundation attraverso il suo già presidente Abdullah Mohammed Yussef finanziava Al Qaeda, secondo quanto riportato da un documento ufficiale del Dipartimento di Stato americano? No, nessuno se l’è posto, siamo andati bellamente felici da italiani a tagliare il nastro alle inaugurazioni delle moschee volute dai quatarini amici di Bin Laden in tutto il paese. Il governo kuwaitiano intanto si occupa di sovvenzionare i musulmani albanesi, mentre il Marocco sostiene le moschee indipendenti attraverso i danari della Missione culturale della sua Ambasciata a Roma. I Fratelli Musulmani invece girano soldi direttamente all’Ucoii, mentre ovviamente molto attiva è anche la monarchia wahabita dell’Arabia Saudita. New entry tra i finanziatori dell’islam in Europa occidentale e anche in Italia, il presidente turco Erdogan, quello che ha ordinato ai due milioni e mezzo di cittadini turchi residenti in Europa (ventimila in Italia) di “fare ognuno cinque figli, così il futuro sarà vostro”.

Leggi tutto

Chiesa

Monsignor Paolo Giulietti e la Fede ai tempi del Coronavirus

La tutela della salute, infatti, è senza dubbio un bene primario, per il quale è giusto fare delle rinunce. Mi domando però se una società possa considerare irrilevante o marginale ciò che alimenta il “capitale morale” della nazione (e i riti religiosi sono certamente un elemento importante da questo punto di vista). Il senso del dovere e del sacrificio non sono innati, ma sono il frutto di esperienze educative e spirituali alle quali debbono continuare ad alimentarsi, pena il dilagare di quegli atteggiamenti di irresponsabilità ed egoismo che hanno sicuramente aggravato la crisi.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco apre l’incontro dei rappresentanti delle fedi mondiali

Il Papa apre in Vaticano l’incontro dei rappresentanti delle fedi mondiali e rilancia l’appello per un Patto Educativo Globale: “Non possiamo tacere alle nuove generazioni le verità che danno senso alla vita”.

Leggi tutto

Chiesa

Le celebrazioni del Papa

Reso noto dalla Sala Stampa vaticana il calendario delle cerimonie presiedute da Francesco fino al 9 gennaio con i Battesimi in Cappella Sistina. L’8 dicembre, festa dell’immacolata, atto di devozione privato del Pontefice per evitare assembramenti

Leggi tutto

Storie

Iran libera 9 detenuti cristiani

Teheran libera 9 cristiani condannati per ‘attività contro lo Stato. Si tratta del pastore Matthias Abdulreza Ali Haghnejad e altri otto membri della Church of Iran

Leggi tutto

Società

Legge sulla blasfemia in Pakistan

Solo nel 2021 ci sono state 84 accuse. Le principali vittime sono i musulmani. La stragrande maggioranza dei casi si registrano nel Punjab. Un rapporto appena pubblicato dal Centre for Social Justice evidenzia come l’intolleranza parta dal sistema educativo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano