Politica

di Roberto Signori

Siria: dall’Ue 10 milioni di euro per le persone vulnerabili

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L’UE ha mobilitato ulteriori 10 milioni di euro per aiutare le persone in Siria. Questo finanziamento porta il sostegno umanitario totale stanziato dall’UE per la Siria nel 2021 a 141 milioni di euro. I finanziamenti annunciati oggi, 22 dicembre, aiuteranno le persone ad accedere all’acqua e a ripristinare le infrastrutture idriche critiche. Inoltre miglioreranno le condizioni igienico-sanitarie sia nelle aree governative che in quelle non controllate dal governo.

L’obiettivo è fornire rapidamente cibo e alimenti e contribuire a una maggiore copertura da parte dei servizi medici essenziali. Grazie ai finanziamenti UE le persone vulnerabili potranno usufruire, durante tutto l’inverno, di combustibile per riscaldamento, coperte, indumenti invernali e di una manutenzione delle tende.
“La siccità in Siria - ha detto Janez Lenarčič, commissario responsabile per la gestione delle crisi - rappresenta una difficile sfida per il popolo siriano, che si trova già in una grave situazione a causa della crisi in corso. Questo è un chiaro esempio di come i cambiamenti climatici colpiscano i più vulnerabili. Dobbiamo fare in modo che coloro che hanno bisogno di protezione e aiuto lo ricevano ora. L’Unione europea è impegnata a fornire assistenza umanitaria alle persone in Siria ovunque sia necessario e per tutto il tempo necessario, conformemente ai principi umanitari e al diritto umanitario internazionale. Ma in seguito dovremo studiare soluzioni più sostenibili.”
Dall’estate 2021 la Siria sta affrontando una grave crisi idrica causata dalla peggiore siccità degli ultimi 70 anni. Sono oltre 5 milioni le persone che in Siria non hanno più accesso all’acqua, al cibo e all’elettricità. Inoltre nel paese circa 4,5 milioni di persone hanno urgente bisogno di assistenza per prepararsi all’inverno.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/12/2021
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Gli italiani ed il Ministero della Pace

Questa curiosa scelta ( ma molto significativa) risulta da un sondaggio commissionato dalla Comunità Papa Giovanni XXIII e realizzato da Demetra.

Leggi tutto

Chiesa

Il prefetto della Congregazione per le Chiese orientali in Siria

Proseguirà fino al 3 novembre la visita del prefetto della Congregazione per le Chiese orientali alle comunità cattoliche provate dalla guerra. Il cardinale sarà a Damasco e poi farà tappa in diverse località per incontrare religiosi, esponenti di organizzazioni non governative e diplomatici accreditati presso la Santa Sede

Leggi tutto

Società

Ucraina, Gallagher: tutti sconfitti dalla guerra

A Roma, nella basilica di Santa Maria in Trastevere, il segretario vaticano per i Rapporti con gli Stati ha presieduto una speciale Preghiera per la pace nella nazione est europea, lanciando un forte appello ai responsabili politici: impegniamoci a rinnovare i cuori

Leggi tutto

Politica

PDF Sardegna-Barbara Figus: “Paese di ‘pacifinti’ “.

Adinolfi: Le azioni del Governo Draghi in riferimento alla guerra in Ucraina, si stanno caratterizzando per un elevato tasso di incostituzionalità: “Prima con il Consiglio dei ministri e poi con il discorso in Senato di Mario Draghi, poi con la risoluzione votata dall’Europarlamento, Italia ed Unione Europea hanno sostanzialmente dichiarato guerra alla Russia schierandosi con sanzioni, uomini e mezzi. Questa scelta bellicista è folle e incostituzionale”.

Leggi tutto

Politica

Esempi di informazione

L’informazione e le sue “curiose” notizie

Leggi tutto

Chiesa

Papa - In Ucraina si ascolti chi vuole la pace

Al termine del Regina Coeli, il Papa ha guardato ancora al conflitto in Ucraina, chiedendo di “arrestare l’attacco”, per venire incontro alle sofferenze delle popolazioni civili.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano