Storie

di Nathan Algren

PAKISTAN - Ragazza cristiana rapita si riunisce alla sua famiglia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Arzoo Raja, 14enne ragazza cristiana rapita, convertita all’Islam e sposata forzatamente con il 44enne musulmano Azhar Ali, il suo rapitore, si riunisce con la sua famiglia . Lo ha stabilito l’Alta Corte della provincia del Sindh con una ordinanza ieri 22 dicembre 2021. La famiglia l’ha ricondotta a casa dopo aver ottenuto l’ordinanza del tribunale, assicurando che si prenderà cura della figlia con amore. Il caso scoppiò nell’ottobre 2020 ed ebbe vasta risonanza mediatica, sociale e politica.

Nell’udienza il ricorso presentato dalla famiglia chiedeva che Arzoo Raja potesse lasciare l’istituto governativo di Panah Gah, dove viveva, affidata ai servizi sociali, tornando a vivere con i suoi genitori, dopo un anno di riflessione sulle sue scelte di vita (vedi Fides 23/11/2020).
Durante l’udienza il giudice ha parlato alla ragazza e ai genitori. Arzoo Raja, che al momento del matrimonio e della controversia aveva 13 anni, ha mostrato la sua disponibilità a tornare con i suoi genitori. Alla domanda sulla sua conversione all’Islam ha risposto che si era convertita “di sua spontanea volontà”.
Il giudice ha chiesto ai genitori di Arzoo di riportarla a casa e i genitori hanno affermato che accolgono con gioia la ragazza, si impegnano a prendersene cura, a non farle pressioni sul tema della conversione religiosa.

Dilawar Bhatti, presidente della “Christian Peoples Alliance”, presente all’udienza, ha accolto con favore la decisione della Corte. Parlando all’Agenzia Fides ha detto: “E’ una buona notizia che Arzoo vivrà di nuovo con la sua famiglia e trascorrerà il Natale in serenità. Tante persone, avocati, assistenti sociali, cittadini hanno alzato la voce, si sono impegnate e hanno pregato per questo caso. Ringraziamo Dio tutti costoro”.

Dilawer Bhatti ha poi aggiunto: “In tribunale i genitori si sono impegnati a non fare alcuna violenza sulla ragazza e a riferire ogni tre mesi alla polizia, anche versando una cauzione come pegno del rispetto di tali impegni. La Corte ha disposto che Arzoo non debba incontrare il suo presunto marito che sta affrontando un processo ai sensi del Child Marriage Restraint Act 2013, per violazione della legge dei matrimoni precoci”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/12/2021
3009/2022
S. Girolamo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Pakistan - La comunità cattolica non dimentica i disabili

Nelle ultime settimane, la Caritas ha fornito 37 sedie a rotelle a 26 cristiani e 11 musulmani con disabilità, distribuendo anche aiuti alimentari. Inoltre le persone con disabilità vengono istruite sulle azioni precauzionali da adottare in circostanze come disastri naturali e salvaguardare la loro vita in caso di qualsiasi situazione di emergenza.

Leggi tutto

Storie

PAKISTAN - Appello della Chiesa alla comunità internazionale

Leggi tutto

Storie

Pakistan - Cristiana sequestrata per matrimonio forzato

Aleeza Naeem manca da casa dal 13 marzo scorso. Figlia unica, sarebbe stata rapita da tre musulmani mentre andava a lezione. I familiari hanno presentato denuncia, invano. Come in molti casi di appartenenti alle minoranze è stata rapita per essere convertita a forza all’islam e data in sposa.

Leggi tutto

Chiesa

Ostia e la cultura cristiana

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato—-SEGRETERIA—- COMMISSIONE CULTURA PREFETTURA DI OSTIA DIOCESI DI ROMA
SALA RIARIO, EPISCOPIO OSTIENSE – BASILICA CATTEDRALE DI SANT’AUREA

Leggi tutto

Storie

Ragazza tedesca “si fidanza” con un aereo

Si tratta di quella che viene definita “oggettofilia”, ovvero l’attrazione fisica per gli oggetti inanimati. Secondo quanto riportato dal Mirror l’ultima passione di Sarah è per un aereo, un Boeing 737. La giovane racconta di viaggiare con regolarità solo su quel modello di aereo e di averne 50 esemplari in miniatura in casa. Per lei il Boeing 737 è il suo “fidanzato”.

Leggi tutto

Società

Legge sulla blasfemia in Pakistan

Solo nel 2021 ci sono state 84 accuse. Le principali vittime sono i musulmani. La stragrande maggioranza dei casi si registrano nel Punjab. Un rapporto appena pubblicato dal Centre for Social Justice evidenzia come l’intolleranza parta dal sistema educativo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano