Politica

di Giuseppe Udinov

Putin: il gender è come il coronavirus

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Lo scorso giovedì, durante la conferenza stampa annuale trasmessa in televisione, durata circa quattro ore, il presidente russo Vladimir Putin ha paragonato la teoria gender e la spinta per i diritti dei trans a «nuovi ceppi» di una «pandemia» molto simile al coronavirus.

In risposta a una domanda di un giornalista della testata statale RT sulle sue opinioni riguardo ai «problemi nella società occidentale», alla «cancel culture» e alle opinioni dell’autrice di Harry Potter JK Rowling sul gender, Putin ha espresso le sue opinioni sulla correttezza delle concezioni tradizionali di genere e sulla sua opposizione ai diritti e all’inclusione per le persone transgender.

«Se qualcuno pensa che donne e uomini siano la stessa cosa, allora va bene. Ma c’è il buon senso», ha detto. «Mi attengo all’approccio tradizionale secondo cui una donna è una donna, un uomo è un uomo, una mamma è una mamma e un papà è un papà».

«Mi attengo all’approccio tradizionale secondo cui una donna è una donna, un uomo è un uomo, una mamma è una mamma e un papà è un papà»

«Spero che la nostra società abbia la protezione morale interna dettata dalle tradizionali confessioni religiose della Federazione Russa», ha affermato Putin, che si è augurato che la società russa «disponga di sufficienti sistemi immunitari interni profondi di protezione contro questo oscurantismo». «Ed è necessario combatterlo non con ordini diretti, grida e accuse, ma con il sostegno ai nostri valori tradizionali», ha affermato il capo di Stato russo.

Putin ha dichiarato che nel caso degli atleti, se un uomo «si dichiara donna e decide di competere nel sollevamento pesi o in qualche altro sport, gli sport femminili cesserebbero di esistere del tutto».

Il presidente russo ha citato l’esempio di un incidente negli Stati Uniti dove un criminale che scontava una pena per stupro ha dichiarato di essere una donna e dopo il trasferimento in una prigione femminile ha commesso lo stesso crimine nella sua cella.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/12/2021
2402/2024
San Sergio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Le quattro leggi a cui dobbiamo opporci

Quattro disegni di legge potrebbero essere approvati dal Parlamento, dobbiamo rendere evidente una opinione pubblica che si oppone e la Chiesa si sta muovendo

Leggi tutto

Società

Ecco la Balena Blu

Nel miserabile tentativo di azzardare un’analisi del fenomeno è ovvio che, in primo luogo, venga da puntare il dito sul gioco della Balena blu, ed è giustissimo farlo. Allo stesso tempo, però, è opportuno non dimenticare che quel gioco è un parto dei giorni nostri, un prodotto dell’odierna comunità umana globale. Il mondo non è mai stato un luogo perfetto ed ogni epoca ha conosciuto le sue nefandezze ma oggi la stupidità e la malvagità di pochi possono espandersi e amplificarsi come mai prima era stato possibile. Prendendo spunto dalla famosa e profonda riflessione di Hannah Arendt “La banalità del male” potremmo concludere che ciò che è banale nasce da menti banali e, contemporaneamente, attrae menti altrettanto banali.

Leggi tutto

Società

Il professore ai suoi studenti: «Sono una donna».

Il professore (la professoressa) fa coming out e si presenta in classe dai suoi studenti: «Sono una donna». Accade a Ivrea, allo storico liceo Botta, dove Andrea Perinetti, il primo giorno di scuola, si è presentato in classe come la professoressa Perinetti, dopo oltre vent’anni di insegnamento: 61 anni, ex allieva del liceo, ha deciso così di rendere pubblica la sua “nuova” identità di genere.

Leggi tutto

Società

La terza dose di vaccini anti Covid non convince gli italiani

Guendalina Graffigna, psicologa dell’Università Cattolica di Cremona ha parlato della sfiducia degli italiani verso la terza dose di vaccino, ritenuta ora necessaria dagli esperti: “Troppe volte siamo stati disillusi”

Leggi tutto

Società

Scuola, 9 prof su 10 contrari all’asterisco “gender free”

Non solo i docenti, ma anche genitori e studenti hanno espresso la loro contrarietà all’uso dello schwa nel sondaggio realizzato da La Tecnica della Scuola

Leggi tutto

Politica

Il Senato ammette e documenta: i vaccini sono sieri sperimentali rischiosi

Dunque il governo con l’atto di sindacato ispettivo n 1-00388 della legislatura 18, afferma che i “vaccini Anticovid” che sono stati messi in commercio sono SPERIMENTALI, con dati molto limitati sulla sicurezza a breve termine o non disponibili.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano