Chiesa

di Nathan Algren

Vescovi spagnoli: accompagnare i sofferenti, non ucciderli

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Una “pratica molto lontana dal compito più essenziale della medicina, che è sempre quello di curare e, quando questo non è possibile, curare e alleviare il dolore”. Così viene definita l’eutanasia nel testo per la formazione degli operatori della Pastorale della Salute, in formato domanda e risposta, elaborato dall’arcidiocesi spagnola di Siviglia, e ritenuto “necessario” da Manuel Sánchez de Heredia, delegato diocesano per la Pastorale della Salute, per fornire alcune conoscenze di base in merito. L’organismo cattolico denuncia innanzitutto come, in questo momento storico, in cui “la medicina offre alternative, come mai prima, per curare e assistere i malati nell’ultima fase della loro vita”, sia “particolarmente contraddittorio difendere l’eutanasia”.

Il documento, dunque, che si basa sul testo “Seminatori di speranza”, pubblicato dalla Conferenza episcopale spagnola nel 2019, spiega quello di cui ha veramente bisogno “chi soffre e affronta la fine di questa vita”, e cioè “di essere accompagnato, protetto e aiutato a rispondere alle domande fondamentali dell’esistenza, ad affrontare la sua situazione con speranza, a ricevere cure con competenza tecnica e qualità umana”, nonchè “essere accompagnato dalla sua famiglia e dai suoi cari e ricevere consolazione spirituale”. Quindi, alla luce di tutto questo, “il suicidio assistito e l’eutanasia non forniscono soluzioni per la persona sofferente”. Entrambe le pratiche, infatti – continua il documento - “includono la possibilità di scartare il malato” e mostrano “una falsa compassione di fronte alla richiesta di aiuto per anticipare la morte”. La Pastorale della Salute sottolinea come non esista nella società un vero dibattito sociale sull’eutanasia e il suicidio assistito, ma esistano invece diverse campagne di propaganda a loro favore, e ci si trovi di fronte ad “un concetto di libertà concepito come volontà assoluta svincolata dalla verità sul bene”.

Dinanzi a coloro che sostengono che l’eutanasia allevi “l’insopportabile sofferenza” dei malati, il delegato diocesano per la Pastorale della Salute risponde che “l’esperienza clinica dimostra a sufficienza che la soluzione non è l’eutanasia, ma un’assistenza adeguata, umana e professionale”, che poi è l’obiettivo delle cure palliative. A chi sostiene, invece, che essa sia una pratica compassionevole, dal momento che molti malati sentono di essere un peso per gli altri e che la loro vita sia priva di dignità in quanto non autonoma, egli obietta che “deve essere soppresso il dolore e non il paziente”, e che “la vera compassione è di un altro genere”

Facendo quindi riferimento al termine, spesso utilizzato, di “morte dignitosa” associata alla qualità della vita, Sánchez de Heredia sottolinea come in questo modo si potrebbe pensare che la qualità della vita valga più della vita stessa. Infine, in riferimento all’autonomia del paziente, Sánchez de Heredia osserva come nel caso di una malattia grave o terminale, la persona non sia sempre libera di fare una scelta, perché condizionata dalla sua situazione, dai farmaci, dal dolore e dalla sofferenza, nonché da altre circostanze che ne limitano la capacità di prendere delle decisioni.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

30/12/2021
2805/2022
Sant'Emilio martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

La confessione triste e postuma di George Michael

Una confessione totalmente inattesa giunge dalla memorie di George Michael che prima di morire, parlando della sua vita l’ha definita “ un’intera perdita di tempo”.

Leggi tutto

Società

10 figli e molte famiglie guardano a Raffaella

È un’appassionata sostenitrice del ruolo del Consulente Familiare, è stata per sei anni presidente dell’Associazione Nazionale Famiglie Numerose e sa di cosa parla, avendo messo al mondo dieci figli. «Tutte le famiglie numerose vivono una sorta di riprovazione sociale – dice – e mancano sia riforme fiscali che incentivino la prolificità sia un giusto riconoscimento della maternità»

Leggi tutto

Media

“La tragedia della Talidomide: aspetti medici, scientifici e giuridici”

Il 25 settembre prossimo verrà presentato un libro inerente gli Atti del Convegno che si è svolto a Montecatini Terme il 22 Febbraio del 2020; il libro sarà intitolato: “La tragedia della Talidomide: aspetti medici, scientifici e giuridici”» e sarà edito dalla Casa editrice Art Florence. Il tragico farmaco, somministrato negli anni “50\60” alle donne in gravidanza (per alleviare nausee e vomito), ha provocato migliaia e migliaia di aborti insieme ad un gran numero di bambini focomelici.

Leggi tutto

Media

Editoria - Il Vangelo secondo Jack Kerouac

Il Vangelo secondo Jack Kerouac di Luca Miele è un’attenta lettura dell’opera del celebre padre della beat generation. Lo scrittore Luca Miele si sofferma sulle tracce della presenza di Dio nei suoi scritti. Dalla parola scritta risulta un Kerouac alla ricerca di una profonda relazione con un Dio che, tuttavia, risulta sempre in continua definizione, in una febbrile e tenace dinamica fatta di lotte, di contrasti, di domande che non possiedono mai una risposta definitiva

Leggi tutto

Società

No al trans al Festival di San Remo

Pro-Vita e de Bertoldi, dunque, chiedono che ‘‘l’esibizione di “Drusilla Foer” si mantenga nei limiti della performance artistica e non si trasformi in un ‘Cavallo di Troia’ Gender e LGBT per influenzare milioni di famiglie e i loro figli’‘.

Leggi tutto

Politica

Eutanasia: esame pdl in aula Camera

Il prossimo 8 febbraio l’aula della Camera esaminerà la proposta di legge sull’eutanasia. Lo ha stabilito la conferenza dei capigruppo di Montecitorio.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano