Chiesa

di Nathan Algren

Vescovi spagnoli: accompagnare i sofferenti, non ucciderli

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Una “pratica molto lontana dal compito più essenziale della medicina, che è sempre quello di curare e, quando questo non è possibile, curare e alleviare il dolore”. Così viene definita l’eutanasia nel testo per la formazione degli operatori della Pastorale della Salute, in formato domanda e risposta, elaborato dall’arcidiocesi spagnola di Siviglia, e ritenuto “necessario” da Manuel Sánchez de Heredia, delegato diocesano per la Pastorale della Salute, per fornire alcune conoscenze di base in merito. L’organismo cattolico denuncia innanzitutto come, in questo momento storico, in cui “la medicina offre alternative, come mai prima, per curare e assistere i malati nell’ultima fase della loro vita”, sia “particolarmente contraddittorio difendere l’eutanasia”.

Il documento, dunque, che si basa sul testo “Seminatori di speranza”, pubblicato dalla Conferenza episcopale spagnola nel 2019, spiega quello di cui ha veramente bisogno “chi soffre e affronta la fine di questa vita”, e cioè “di essere accompagnato, protetto e aiutato a rispondere alle domande fondamentali dell’esistenza, ad affrontare la sua situazione con speranza, a ricevere cure con competenza tecnica e qualità umana”, nonchè “essere accompagnato dalla sua famiglia e dai suoi cari e ricevere consolazione spirituale”. Quindi, alla luce di tutto questo, “il suicidio assistito e l’eutanasia non forniscono soluzioni per la persona sofferente”. Entrambe le pratiche, infatti – continua il documento - “includono la possibilità di scartare il malato” e mostrano “una falsa compassione di fronte alla richiesta di aiuto per anticipare la morte”. La Pastorale della Salute sottolinea come non esista nella società un vero dibattito sociale sull’eutanasia e il suicidio assistito, ma esistano invece diverse campagne di propaganda a loro favore, e ci si trovi di fronte ad “un concetto di libertà concepito come volontà assoluta svincolata dalla verità sul bene”.

Dinanzi a coloro che sostengono che l’eutanasia allevi “l’insopportabile sofferenza” dei malati, il delegato diocesano per la Pastorale della Salute risponde che “l’esperienza clinica dimostra a sufficienza che la soluzione non è l’eutanasia, ma un’assistenza adeguata, umana e professionale”, che poi è l’obiettivo delle cure palliative. A chi sostiene, invece, che essa sia una pratica compassionevole, dal momento che molti malati sentono di essere un peso per gli altri e che la loro vita sia priva di dignità in quanto non autonoma, egli obietta che “deve essere soppresso il dolore e non il paziente”, e che “la vera compassione è di un altro genere”

Facendo quindi riferimento al termine, spesso utilizzato, di “morte dignitosa” associata alla qualità della vita, Sánchez de Heredia sottolinea come in questo modo si potrebbe pensare che la qualità della vita valga più della vita stessa. Infine, in riferimento all’autonomia del paziente, Sánchez de Heredia osserva come nel caso di una malattia grave o terminale, la persona non sia sempre libera di fare una scelta, perché condizionata dalla sua situazione, dai farmaci, dal dolore e dalla sofferenza, nonché da altre circostanze che ne limitano la capacità di prendere delle decisioni.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

30/12/2021
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

I vescovi contro l’utero in affitto

Le conferenze episcopali di tutta Europa diramano da Bruxelles una presa di posizione durissima contro la maternità surrogata

Leggi tutto

Politica

AGNESE E LO STERMINIO

Al Copenhagen Post non farà piacere sapere però che nella corsa nazista allo sterminio la Danimarca è stata surclassata dall’Islanda, dove l’aborto per i bambini con diagnosi prenatale che fa emergere la Trisomia 21 riguarda il 100% dei casi e “da cinque anni non nascono i Down”. Evviva. Inutile ricordare che la Danimarca è il primo paese europeo ad aver legalizzato le unioni civili gay (1989) e come in Islanda vengono consentite formazioni familiari derivanti da utero in affitto: il bambino, insomma, è per quegli ordinamenti giuridici una “cosa” acquistabile appartenente agli acquirenti. In una visione antropologica e giuridica di questo tipo ovviamente la “cosa” fallata va eliminata.

Leggi tutto

Storie

Ania e quella volta che si salvò dall’inferno

«La vita non mi ha risparmiata, fin da piccola», sono le parole di Ania Goledzinowska che si racconta. «La storia parte da una scena violenta, racconto della Polonia comunista, arrivo in Italia ingannando sulla mia vera età. Incontro polizia corrotta, aguzzini, finti amici… e se dapprima rubavo per mangiare sono arrivata ad avere un aereo privato. Ma la felicità era altro…»

Leggi tutto

Società

L’Associazione di Psicologi e Psicoterapeuti Nostra Signora di Guadalupe-

L’associazione sarda nata dal trauma di un figlio mai visto.  Si tratta dell’Associazione di Psicologi e Psicoterapeuti “Nostra Signora di Guadalupe”.

Leggi tutto

Politica

Senza fallimento non si può vincere

Vince il sì al referendum sulla legalizzazione dell’aborto a San Marino. Secondo la tv locale Rtv, con 35 seggi scrutinati su un totale di 37, i sì arrivano al 77.31%, contro il 22,69% che si è espresso contro.

Leggi tutto

Storie

Maschio e femmina li creò

Ciascun uomo, cerca un senso alla sua vita, cerca un faro che lo illumini. L’uomo cerca di conoscere e dominare il mondo intorno a sé e, sembra avere successo, ma… veramente lo conosce, lo domina?

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano