Società

di Giuseppe Udinov

Cinesi perseguitati per la fede

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Cittadini cinesi perseguitati perché cristiani, hanno diritto alla protezione internazionale. La Corte di Cassazione ha accolto il ricorso di una coppia di cinesi, fuggiti dal paese asiatico e rifugiatisi in Italia, a Perugia, ma che si erano visti respingere la domanda di asilo e protezione.

La Corte Suprema di Cassazione, in data 18 novembre 2021, ha accolto il ricorso presentato dall’avvocato Francesco Di Pietro, contro il rigetto delle istanza dei due cittadini cinesi.

La coppia era finita nel mirino della polizia dopo che nel 2012, il marito di una donna membro del Church of Almighty God (CAG) aveva cercato di parlare della sua fede ai clienti di un ristorante. Uno dei clienti aveva iniziato a ricattarlo, minacciando di denunciarlo alla polizia, visto che il gruppo religioso è vietato dalle leggi cinesi.

L’uomo ha pagato il suo ricattatore fino a quando ha finito i soldi. A quel punto ha preso la moglie e il figlio di pochi mesi ed è scappato prima in un’altra città, poi quando la polizia ha catturato quasi tutti gli adepti della CAG, tra cui il suocero dell’uomo e padre della donna, la coppia ha ottenuto un passaporto, un visto turistico ed è fuggita in Italia.

La commissione amministrativa nel 2016 ha negato l’asilo, decisione confermata poi dal Tribunale di Perugia nel 2017. Il ricorso in Cassazione è stato presentato dalla moglie, rappresentata dall’avvocato Francesco Di Pietro. I giudici di Perugia avevano ritenuto non credibile il suo racconto sulla base di un unico argomento: che la donna aveva detto alla commissione amministrativa che il suocero era stato arrestato mentre evangelizzava per strada, mentre il marito aveva dichiarato che l’uomo era stato arrestato nella sua abitazione.

La Cassazione ha osservato che bisogna concedere ai richiedenti asilo il “beneficio del dubbio”, considerando che provengono da una cultura diversa e si trovano in una situazione particolarmente difficile. I giudici hanno trovato la donna credibile nel suo racconto molto dettagliato. Non c’erano contraddizioni interne, e l’unica contraddizione era con le dichiarazioni del marito in un procedimento separato.
Per i giudici è normale che nei racconti dei rifugiati se presi nelle singole dichiarazioni si trovino contraddizioni, ma che proprio per questo è necessario guardare il quadro generale che racconta di soprusi e abusi per via della fede. Così è stato deciso di rimandare il caso di nuovo all’analisi del Tribunale di Perugia chiedendo loro di applicare i principi della decisione della Corte Suprema di Cassazione.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

31/12/2021
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Confutazione e risposta a 10 obiezioni sul risultato elettorale del PdF

I nemici del Popolo della Famiglia si affrettano a dileggiarne gli ancora esigui ritorni elettorali: i fatti, però, non si fermano alle sole cifre

Leggi tutto

Politica

GLI IMPEGNI POLITICI DEL PDF ALLA RIPRESA

A ottobre si comincerà con le elezioni ad Ostia, municipio romano che con i suoi 231.723 abitanti sarebbe la tredicesima città d’Italia per popolazione, subito dopo Verona, territorio della periferia capitolina dominato dal M5S e dalle infiltrazioni mafiose, dove il governo municipale è stata sciolto due anni fa con decreto dell’esecutivo nazionale proprio per tali infiltrazioni. A novembre sarà la volta delle elezioni regionali in Sicilia e con questo si spiega il lavoro agostano del nostro coordinatore nazionale Nicola Di Matteo nell’Isola. Nei prossimi mesi si voterà poi per le regionali in Lombardia, dove il ruolo da protagonista è ovviamente svolto dal nostro segretario nazionale Gianfranco Amato, e probabilmente anche nel Lazio e in Friuli Venezia Giulia dove l’esperienza di governo a Cordenons con Lanfranco Lincetto vicesindaco ci fa ben sperare anche grazie al radicamento con Alessandro Cocco a Trieste e con i risultati ottenuti a Fontanafredda alle ultime amministrative.

Leggi tutto

Politica

Una strada per liberi e forti

Nei giorni in cui c’è stato e c’è chi insistentemente afferma che il Popolo della Famiglia non serve più a niente non avendolo condotto immediatamente al seggio parlamentare, dunque meglio acconciarsi a sostenere i nuovi potenti e il governo del Trentennio, io resto sempre più convinto del progetto pidieffino e provo a delinearlo per quello che è, per quello per cui l’abbiamo fondato nel marzo 2016, per quello per cui credo che abbia ancora lo stesso inalterato senso ventotto mesi dopo e nel futuro a venire.

Leggi tutto

Politica

Ursula, non sei il mio presidente

Leggi tutto

Politica

ORA OCCORRE SOPRATTUTTO STARE UNITI

Il ddl Zan è esattamente questo, una legge che calpesta la libertà d’espressione. Non è una legge che tutela gli omosessuali dalle violenze, perché gli omosessuali sono persone e tutte le persone sono tutelati dalla legge se subiscono violenze. Se poi si intende aggredire un gay o una lesbica proprio per l’orientamento sessuale compresi le aggravati dall’articolo 61 del codice penale, che aumenta la pena per i “motivi abietti e futili” del gesto violento. Dunque, l’impostazione intenzionale dei proponenti è impedire il dissenso e la proposta alternativa a quella dello stravolgimento dell’istituto matrimoniale, della modifica del concetto stesso di famiglia come costituzionalmente definito all’articolo 29 della Carta repubblicana, dell ’ imposizione della cultura genere e omogeneità della pratica anche attraverso la pratica criminale dell’utero in affitto. Vorrei che chi si oppone a questo programma politico sia impossibilitato a esprimere le sue idee e tacciato come omofobo, se alzato la voce finirà immediatamente catalogato come istigatore all’odio e la pena arrivare arrivare fino ai sei anni di carcere.

Leggi tutto

Società

Il confine da non valicare

Ci troviamo oggi come si trovarono i popolari di Sturzo e De Gasperi negli anni venti del Novecento: o con le squadracce che portarono buona parte del ceto medio a devastare l’Italia liberale da loro ritenuta inadeguata a governare la crisi economica e sociale o con le forze democratiche (diverse per sensibilità ma unite per affezione ai luoghi della partecipazione popolare). Io, noi scegliamo ancora oggi l’opzione popolare con la speranza che questa mamma abbandoni la strada del terrorismo e torni a fare la mamma con uno Stato che finalmente le riconosca il valore pubblico del suo impegno con il reddito di maternità. Il Popolo della Famiglia è nato ed è in campo per questo, ora più che mai.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano