Società

di Roberto Signori

Norme anti-covid, le famiglie rinunciano al cinema

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il super green pass introdotto prima di Natale, che ha vietato l’accesso ai tamponati, ha influito sicuramente sul calo degli ingressi al cinema, ma, secondo i gestori delle sale, a incidere di più sono stati altri due fattori: primo, il terrorismo esercitato dalle tivù, e, secondo, il divieto di consumazione all’interno delle stesse sale. La paura di contrarre la nuova variante Omicron e il non poter sgranocchiare pop corn o bere una bibita mentre si guarda il film insieme a tutta la famiglia avrebbe convinto gli appassionati del grande schermo a restare a casa, davanti alla tivù, magari guardando le ultime novità sulle piattaforme televisive. A confermarcelo è stato Maurizio Paganelli, gestore di cinque sale cinematografiche: l’Aladdin di Cesena, il Cineflash di Forlimpopoli, l’Astoria, il Saffi di Forlì e una sala a Ferrara.

“Il calo che abbiamo registrato oscilla tra il 65 e il 75% rispetto allo stesso periodo del 2020 - spiega Paganelli -. E’ un disastro annunciato. Annunciato perché ormai è chiaro a tutti che ai nostri politici interessa poco o nulla della cultura. Altrimenti non sarebbe spiegabile un trattamento così differente tra la nostra attività e quella dei ristoranti. Perché in un ristorante, dove si trovano decine e decine di persone nel giro di pochi metri quadrati e i soffitti sono sicuramente più bassi (quindi circola meno aria) si può mangiare mentre in una sala cinematografica, dove attualmente c’è una persona ad almeno 2 metri dall’altra e c’è un ricambio di aria continuo, non si può nemmeno bere una coca cola? Questo me lo devono spiegare altrimenti non lo capisco”.

“Invece, grazie anche a questi nuovi decreti e al terrorismo dei media, il messaggio che passa è che i ristoranti sono sicuri, i cinema no - attacca -. Vi assicuro che non è così negli altri Paesi. In Russia e in Inghilterra, dove sono stato per presentare il mio film “Est” nelle ultime settimane, le notizie sul covid, nonostante i numeri di contagi fossero più alti che in Italia, sono notizie sempre secondarie. Non ci aprono tutti i giorni il telegiornale come, invece, facciamo noi in Italia. La paura che inoculano ai cittadini più le prescrizioni incomprensibili scritte da persone che non vanno al cinema e non amano la cultura, diventano un connubio esplosivo”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

31/12/2021
0410/2022
S. Francesco d'Assisi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Libero Stato in libera Chiesa

Pare che il tema sia questo: i giorni che ci separano dal 30 e dalla manifestazione di uno smisurato orgoglio popolare, forte e tenero come mamma e papà per i loro bambini, saranno minati da una capillare campagna di delegittimazione (di chi di quel popolo si è ritrovato ad essere voce e parola) e da un parallelo tentativo di addomesticare il cuore indomito di quella piazza. Soltanto tra una settimana si potrà sapere chi avrà vinto, o se avranno perso tutti.

Leggi tutto

Storie

La storia di Joan bimbo da tutelare

Era stato brandito come la “mascotte” dell’Umbria Pride, il bambino a cui Chiara e Laura hanno deliberatamente negato la possibilità di avere una vita normale a contatto con l’uomo da cui discende, e in più gli hanno scientemente parcellizzato la figura materna, poiché una ha dato l’utero, l’altra l’ovulo con cui il bambino è stato fabbricato. Ora la trascrizione dell’atto di nascita.

Leggi tutto

Politica

Conte e la transizione infinita

Governare è compito pesante, più che mai governare l’Italia. Nell’ultimo quarto di secolo abbiamo avuto leadership tutte selezionate attraverso il contesto della comunicazione e alla fine tutte fallimentari. Il Berlusconi del 38% è un pallido ricordo eppure lo prese appena dieci anni fa, oggi è al 12%. Ci hanno costretto a subire anche la stagione dei tecnici, tenuti in piedi da una stampa osannante, anche lì fu tutta comunicazione e Mario Monti poté permettersi di formare persino un proprio partito che prese un decisivo 10% alle elezioni politiche del 2013. Oggi quel partito vale zero voti e il senatore a vita Monti nel dibattito per la fiducia a Conte al Senato è stato costretto a subire l’onta del presidente Casellati che gli ha staccato il microfono perché era stato prolisso. Un altro capace dominatore dei sistemi di comunicazione, Matteo Renzi, regalando 80 euro ai dipendenti italiani è arrivato a toccare il 41% dei voti alle elezioni del 2014, oggi si arrabatta al 18% e fa il membro di quel Senato che voleva abolire

Leggi tutto

Politica

L’ALTERNATIVA POPOLARE CHIAMATA PDF

Un’articolata spiegazione sulla posizione del Popolo della Famiglia sul congresso di Verona, che anzi partendo dalla questione del WCF cerchi di dipanare le ragioni dell’ostilità ormai stagionata di quanti vorrebbero veder scomparire il PdF per appaltare con tutt’agio il mondo cattolico alla Lega.

Leggi tutto

Storie

Ragusa: in 30 gratuitamente ricostruiscono la casa di una famiglia bisognosa

Questa bella storia di solidarietà arriva dalla Sicilia. Quello che vi raccontiamo concerne una giovane educatrice e un gruppo di una trentina di persone che non potendo più sopportare le condizioni di grave difficoltà in cui viveva una famiglia, in una casa senza nemmeno gli infissi, ha investito tempo e denaro per aiutare chi aveva bisogno.

Leggi tutto

Società

Harry Potter: J.K. Rowling, accusata di transfobia

La notizia del ritorno in sala del primo capitolo di Harry Potter ha riempito di entusiasmo i milioni di fan del maghetto occhialuto. Tuttavia la notizia è stata accolta anche con una ventata di odio nei confronti dell’autrice J.K. Rowling, accusata di transfobia e da tempo ormai al centro di molte proteste che puntano ora al boicottaggio del film.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano