Storie

di Roberto Signori

Norvegia, uomo condannato per aver insultato un trans

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un uomo in Norvegia è stato riconosciuto colpevole di incitamento all’odio nei confronti di un individuo che si identifica come transgender. Il cinquantaduenne è stato processato ai sensi dell’articolo 185 del Codice penale, e questo è stato il primo verdetto che è stato emesso sulla base di un emendamento del dicembre 2020 che persegue “dichiarazioni discriminatorie o di odio sulla base dell’identità di genere o dell’espressione di genere”.

La storia: un individuo, descritto dai giornali come una “donna trans nata in un corpo maschile” che in precedenza aveva cambiato sesso a livello legale, si è unito a una discussione riguardo al consiglio comunale di Oslo, che si stava svolgendo sul profilo Facebook di un amico. L’individuo è finito in un acceso scambio con un altro uomo che, mentre la lite si è intensificata, ha scritto una serie di insulti, riferendosi a lui con pronomi maschili e affermando che era ancora un uomo.

L’individuo offeso ha denunciato la lite su Facebook alla polizia, affermando che essere stato chiamato con un ex nome maschile e con pronomi maschili lo aveva ferito profondamente, al punto che non avrebbe mai più usato i social media.

La corte distrettuale di Bergen ha stabilito che la giustizia deve reagire con forza alle affermazioni che “violano i diritti di gruppi protetti di persone e che in pratica limitano la loro partecipazione ai dibattiti pubblici”. Il tribunale ha condannato l’uomo a 21 giorni di carcere sotto condizione e a una multa di 15.000 corone. Deve inoltre pagare 3.000 corone per le spese processuali

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

03/01/2022
2805/2022
Sant'Emilio martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Quello strano silenzio dei media sulle parole del Papa

Se Francesco parla di gender e famiglia, se chiede agli intellettuali di “non disertare”, giornali e telegiornali lo zittiscono. Con qualche manovra sospetta

Leggi tutto

Chiesa

Francesco & Kirill: una nuova geopolitica ecumenica

Storico incontro con la firma di un importante documento condiviso: Europa e mondo, famiglia e matrimonio, vita umana dal concepimento alla morte naturale sono solo alcuni dei temi di un testo decisivo. E poi tra il Patriarca e il Papa c’è stato un fitto colloquio privato, di due ore. Trump e l’America (wasp e liberal) osservavano preoccupati da sopra l’isola caraibica. Forse facevano bene

Leggi tutto

Società

Spiegare a Vauro ciò che non gli è chiaro

Il guaio grosso è che i genitori sostengono che l’ospedale menta sulle reali condizioni del bambino, quindi dalle cartelle cliniche non c’è da aspettarsi grandi novità: non ci vuole molto a ritoccare la misura della circonferenza cranica, ad esempio, per dimostrare che Charlie non è cresciuto negli ultimi mesi. *Marwa** *Bouchenafa tre mesi fa si è trovata in una situazione del tutto analoga a quella di Charlie: i dottori francesi volevano sospenderle la ventilazione e i genitori invece volevano mantenerla e, per il momento, è ancora viva grazie ad una decisione (sempre in bilico) dei giudici francesi. La sua famiglia, quando ha visto che aria tirava in ospedale, ha cominciato a presidiare la stanza e a filmare ogni giorno la piccola, a misurarla per conto proprio, cioè a radunare evidenze scientifiche sul suo stato di salute indipendenti dall’ospedale. E grazie a questo lavoro meticoloso sono riusciti a strappare ai giudici la sentenza favorevole.

Leggi tutto

Politica

Il Governo che verrà.....

Ma il Governo tra Lega e Movimento 5 Stelle dove porterà l’Italia. Eccovi un’analisi accurata di quello che dovrebbe accadere nei prossimi mesi….

Leggi tutto

Politica

Perchè tanti non vanno a Verona

Lo schiacciamento delle istanze pro-life e pro-family operato dagli organizzatori del WCF2019 – quell’insieme di “modalità” cui diplomaticamente alludeva Parolin, prendendone le distanze –ha reso le stesse impresentabili in un dibattito civile. Non andare alla manifestazione significa per molti semplicemente tenere aperte le strade di un dialogo possibile sui temi di vita e famiglia.

Leggi tutto

Politica

Ministro Bonetti: 30 milioni per i campi estivi

Non si coglie come sia possibile immaginare l’apertura di centri estivi – e chi dovrebbe educare i bambini ai giusti comportamenti all’interno dei medesimi? – se non si riconoscono le condizioni adeguate per riaprire le scuole. Si tratterebbe comunque di luoghi di “assembramento sociale”, in che spazi? Gestiti da chi? Insomma, le risposte del ministro contengono sempre una parte di giudizio interessante, a tratti anche condivisibile («i nostri figli hanno diritto di giocare», «la priorità è sostenere le famiglie e investire nel valore sociale che continuano a mettere in campo»), purtroppo innestate – quasi innaturalmente – in una concezione talmente ideologica e statalista per cui gli “aiuti” vanno promessi – si spera prima o poi anche erogati – al fine di un «cambio di paradigma» della società, che deve diventare come il ministro desidera.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano