Storie

di Tommaso Ciccotti

SUDAN - “Il Paese è al sicuro solo se ogni singolo cittadino lo è”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

E’ delle ultime ore la notizia delle dimissioni del Primo Ministro sudanese Abdalla Hamdok, il quale ha dichiarato di non essere riuscito a ridare il potere ai civili dopo il colpo di stato compiuto dall’esercito lo scorso 25 ottobre. Erano migliaia le persone che domenica hanno protestato contro il governo militare, sia nella capitale Khartoum che nella vicina Omdurman. Ora il potere tornerà interamente ai militari ai danni della sicurezza dell’intera popolazione.

“Libertà, pace, giustizia e un Paese che accolga tutti e che guardi al cambiamento e alla costruzione di un nuovo Sudan in cui tutti siano uguali, come un popolo e una nazione” è lo slogan della rivoluzione popolare conclusa con il rovesciamento del settimo Capo di Stato, Omar al-Bashir, dopo tre decenni al potere, che il Vescovo della diocesi di El Obeid, Mons. Yunan Tombe Trille Kuku, ha evidenziato in occasione del suo messaggio di Natale e Capodanno 2022.
“La sicurezza di ogni fratello e sorella sudanese è la sicurezza del Sudan”, ha dichiarato il Vescovo, che è anche Presidente della Conferenza Episcopale cattolica del Sudan (SCBC).

Monsignor Trille ha sottolineato l’urgenza di sicurezza per tutti i cittadini del paese e il rinnovamento della fede attraverso la fiducia in Dio e la partecipazione alla promozione della pace. “A Natale cerchiamo il perdono per iniziare una nuova pagina della nostra vita con chi ci circonda, cerchiamo di amare Dio e gli altri perché chi non ama, non conosce Dio”. Il Vescovo ha aggiunto che Natale è “il momento in cui pensiamo agli altri, un momento di altruismo, in cui perdoniamo e valutiamo le nostre vite, il nostro comportamento e il nostro rapporto con Dio e le persone per cambiare e diventare migliori di quanto siamo ora”.
Secondo il Presule, il precedente regime ha utilizzato l’approccio di discriminazione, esclusione ed emarginazione per governare il paese sin dall’indipendenza, portando all’attuale Sudan. Il nuovo Sudan che tutti cercano è ‘migliore con la cooperazione di ogni sudanese orgoglioso di esserlo, militare o civile senza odio tribale o razzismo’. Mons. Trille ha invitato ogni credente cristiano a pregare per tutte le autorità “affinché possiamo condurre una vita tranquilla in tutta devozione e dignità”.

Negli ultimi mesi centinaia di sudanesi sono stati picchiati, feriti o arrestati. Il Sudan ha circa 44 milioni di abitanti e si trova in condizioni molto precarie da quando, due anni fa, il dittatore Omar Bashir fu costretto a dimettersi a seguito di enormi proteste popolari. Il Primo Ministro Hamdok avrebbe dovuto guidare un governo formato da tecnici civili e militari fino alle nuove elezioni, previste per il luglio 2023.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/01/2022
0712/2022
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Mai più un soldo pubblico a questi blasfemi (e fuori dalle scuole)

Decine di migliaia di euro in meno di tre mesi quest’anno al circolo gay Cassero di Bologna. Che svolge iniziative volgari e blasfeme. Ora basta

Leggi tutto

Chiesa

CROSBY E GLI ALTRI CANADESI PARLANO DI EUTANASIA

In molti attendevano la loro presa di posizione che è puntualmente giunta in queste ore.
Eutanasia e suicidio assistito sono totalmente inaccettabili”: è quanto scrive, in una nota, monsignor Douglas Crosby, presidente della Conferenza episcopale del Canada. La dichiarazione del presule arriva dopo che, il 25 febbraio, il “Comitato speciale del governo canadese sull’aiuto medico a morire” ha pubblicato un rapporto intitolato “L’aiuto medico a morire: un approccio incentrato sul paziente” e tutte le polemiche che ne sono seguite.

Leggi tutto

Media

L’ Europa contesa fra transumanisti e bioconservatori

Cosa è avvenuto alla seconda festa nazionale de La Croce: cosa resta dei diritti umani nel Vecchio Continente?

Leggi tutto

Chiesa

C’è un solo modo di riformare davvero la Chiesa

Quando si parla di “disputa felice” bisogna avere il coraggio e la forza di confrontarsi con persone come mons. Agostino Marchetto. Armato “solo” di enorme competenza e di altrettanta umiltà, il famoso storico del “Magno Sinodo” che fu il Vaticano II ha offerto un contributo importante a una miscellanea di grido, sì, ma dalle numerose aporie. L’opera segna la strada per quanto ancora resta da fare in ordine all’assimilazione del Concilio. Ne parliamo con lui.

Leggi tutto

Chiesa

INFLUENZE CRISTIANE NELLA MUSICA POPOLARE

Abbiamo cercato Cristo nelle canzoni e l’abbiamo trovato in un sacco di posti, anche dove non avremmo immaginato. Ecco una piccola guida all’ascolto per scoprire autori, generi e canzoni del mondo anglosassone che hanno messo Gesù e il suo messaggio al centro della loro ispirazione.

Leggi tutto

Politica

Alabama “dolce casa” di tutti noi

Quello della vita è un tema che forse è anche riduttivo considerare tale: la gratuità dell’amore da una parte, l’economicismo dello scarto dall’altra. Un tema che accende gli animi, i “rumori di fondo” dei casi-limite e delle proiezioni egoistiche, spesso pilotati da lobbies potentissime. La nuova legge, assai restrittiva in fatto di aborto, segna in realtà un passo avanti per i diritti di tutti

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano