Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Vescovi italiani ed insegnamento della religione

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dialogo, confronto e libertà: l’insegnamento della religione cattolica nelle scuole significa apprendere e sviluppare questi aspetti. Lo rimarca la Conferenza episcopale italiana in un messaggio agli studenti che si apprestano, nelle prossime settimane, a esprimere la propria scelta di avvalersi o meno dell’Insegnamento della religione cattolica (IRC).

“Crediamo - scrivono i vescovi italiani nel contesto dell’attuale situazione mondiale - che il valore del dialogo sereno e autentico con tutti debba essere un traguardo importante da raggiungere insieme. Avvalersi, nel proprio percorso scolastico, di uno spazio formativo che faccia leva su questo aspetto è quanto mai prezioso e qualifica in senso educativo la stessa istituzione scolastica”. I presuli mettono in evidenza a tal proposito quali sono le indicazioni didattiche dell’IRC per ogni livello scolastico dalla Scuola dell’infanzia ai licei, citando lo sviluppo di un “positivo senso di sé”, la sperimentazione di “relazioni serene con gli altri” appartenenti a diverse tradizioni, la “partecipazione al dialogo autentico” e l’”esercizio della libertà in una prospettiva di giustizia e pace”. Le religioni - ricordano ancora i vescovi citando il pensiero di Papa Francesco - sono da sempre in rapporto con l’educazione che “ci impegna a non usare mai il nome di Dio per giustificare la violenza e l’odio verso altre tradizioni religiose, a condannare ogni forma di fanatismo e di fondamentalismo e a difendere il diritto di ciascuno a scegliere e agire secondo la propria coscienza”. Anche per questo, rimarcano ancora i vescovi italiani, è importante aderire alla proposta dell’insegnamento della religione per crescere nella conoscenza e nel dialogo e anche per incontrare docenti qualificati nella loro professione e credibili nel testimoniare un impegno educativo autentico. In conclusione “ci auguriamo - concludono - che possiate accogliere con generosità questa occasione di crescita, così da poter iniziare o continuare tra voi e con i vostri docenti un proficuo dialogo educativo”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

05/01/2022
2902/2024
Sant'Augusto Chapdelaine martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Gugerotti: il cardinalato responsabilità gravosa

Il prefetto del dicastero per le Chiese orientali commenta la nomina di cui è stato insignito dal Papa e insiste sul riferimento al martirio che essa porta con sé. Riflette sulla missione di pace voluta da Francesco per la guerra in Ucraina, Paese dove è stato nunzio, avvertendo sulle complessità della storia di queste regioni.

Leggi tutto

Società

SE DODICI MILIONI VI SEMBRANO POCHI

Scrive Il Messaggero, citando i nuovi dati Istat: “Solo 1 italiano su 5 va a messa”. Solo 1 italiano su 5? A me un italiano su cinque sembra un’enormità, sarebbero dodici milioni di italiani. Tornassero a votare un solo partito, salveremmo l’Italia

Leggi tutto

Storie

Violenza in aumento ad Haiti

L’UNICEF lancia l’allarme: 200.000 sfollati per la violenza estrema che dilaga nel paese. Il richiamo di Monsignor Mésidor, arcivescovo di Port au Prince, alla comunità internazionale: «Non possiamo restare a braccia conserte»

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco racconta il presepe in un libro

Un volume della Piemme in coedizione con la Libreria Editrice Vaticana raccoglie una serie di testi, riflessioni, discorsi e omelie che il Papa ha dedicato alla rappresentazione della Natività. Di seguito il testo integrale dell’introduzione firmata dal Pontefice

Leggi tutto

Chiesa

Inaugurati a Piazza San Pietro il presepe e l’albero di Natale

Forte il richiamo alla pace in un tempo drammaticamente segnato dalla guerra proprio nella terra di Gesù

Leggi tutto

Chiesa

ZUPPI E LA CONTAMINAZIONE TRA VERITÀ E VITA

Ho letto la lunga intervista di Cazzullo a Zuppi. Interessante, a tratti bella. Mi chiedo solo perché, almeno a Natale, non si provi a dire una schietta verità: viviamo in una condizione opulenta ma sempre più triste e rabbiosa, cupa e sostanzialmente impazzita. Fatichiamo a trovare un senso, perché questa storia “un senso non ce l’ha”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano