Politica

di Mario Adinolfi

Il governo e la vaccinazione

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Mi chiedono cosa farò ora che Draghi ha posto uno strambo “obbligo vaccinale” a tempo che finirà il 15 giugno solo per gli over 50. L’ho già detto, opporrò resistenza perché il mio corpo non è dello Stato e lo difenderò come difendo il bambino nascituro dall’intervento dello Stato quando vuole sopprimerlo, come difendo il corpo del disabile grave che lo Stato con l’eutanasia vorrebbe uccidere. Venissero a prendermi con le manette perché, se obbligo c’è, io annuncio fin d’ora che disobbedisco civilmente all’obbligo. Ma assai più grave del mio caso personale è la lesione del diritto al lavoro di milioni di lavoratori e delle loro famiglie, che prosegue con la complicità di partiti che da oggi sono regime. Ricorderemo tutto.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/01/2022
0102/2023
San Severo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Criminalità: Milano la città meno sicura

Al primo posto della classifica la provincia di Milano, con 159,613,0 denunce (4.866,3 ogni 100 mila abitanti), ultima, al 106° posto Oristano con 2.582,0 (1.654,3)

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il Natale in pandemia

Ricevendo in Vaticano i partecipanti e gli organizzatori del “Christmas Contest”, concorso canoro rivolto ai giovani,  Papa Francesco ricorda che la nascita di Cristo è “la festa della compassione” e della “tenerezza” e che sono i piccoli gesti a generare “dinamiche culturali, sociali ed educative”.

Leggi tutto

Società

Unicef: più di 635 milioni di studenti colpiti dalla chiusura delle scuole

Nella Giornata Internazionale dell’Istruzione e mentre la pandemia da COVID-19 si avvicina alla soglia dei due anni, l’UNICEF condivide gli ultimi dati disponibili sull’impatto della pandemia sull’apprendimento dei bambini.

Leggi tutto

Storie

19 Luglio 1992: Grazie a Paolo Borsellino

Ci sono giornate che non si possono dimenticare, vi sono personaggi che magari non hai mai avuto la fortuna di incontrare ma che ti restano in fondo al cuore. Te ne raccontano i nonni, i genitori e tu racconterai di personaggi come loro ai tuoi figli e magari anche ai tuoi nipoti. Uno di quei giorni è il 19 Luglio, uno di quei pochi personaggi che non bisogna mai dimenticare si chiamava (anzi si chiama), Paolo, Paolo Borsellino.

Leggi tutto

Storie

Cina in piazza contro le chiusure Covid

Pressioni dalle proteste popolari e dall’andamento preoccupante dell’economia hanno portato al parziale cambio di direzione

Leggi tutto

Storie

I corto circuiti dell’intelligenza oggi. E domani?

Dove ci porteranno i cortocircuiti dell’intelligenza. Che essi esistano e siano sempre più evidenti e invadenti appare indubitabile.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano