Storie

di Giuseppe Udinov

Putin inasprisce le pene contro i pedofili

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La Russia inasprisce le pene contro la pedofilia. Lo stupro di minori presto verrà punito con l’ergastolo e i lavori forzati nelle miniere siberiane. A spingere le autorità ad aumentare la pena è stato il caso recente di una bambina di cinque anni, violentata e uccisa. «Siamo pronti ad aumentare gli anni di galera e inviare i colpevoli nelle prigioni aritiche» ha detto il portavoce del parlmaento Vyacheslav Volodin, stretto collaboratore di Vladimir Putin.

La bambina violentata e uccisa a coltellate si chiamava Veronika Nikolayeva. Stava giocando nei pressi del posto di lavoro di sua madre, quando è stata rapita da un uomo e dalla sua compagna, che hanno poi abusato di lei. Una storia terribile, che ha scosso l’opinione pubblica e ha convinto il presidente Putin a intervenire aumentando la pena prevista. La bambina ha provato a reagire, ma non è riuscita a opporsi ai suoi aguzzini. Il suo cadavere è stato recuperato in un borsone.

Vyacheslav Volodin ha affermato che la «terribile tragedia» degli abusi e della morte di Veronika ha mostrato la necessità di un’urgenza di insprire le leggi. «Uno dei colpevoli si è rivelato essere un pedofilo precedentemente condannato», ha detto. «Faremo di tutto perché a gennaio venga adottata la legge sull’ergastolo per i pedofili. I condannati per tali crimini dovrebbero scontare l’ergastolo nelle condizioni più dure: nell’estremo nord (della Russia) o nelle miniere. Queste persone dovrebbero subire le pene più dure, così ricorderanno i crimini che hanno commesso ogni giorno e se ne possono pentire».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

08/01/2022
2909/2022
Ss. Michele, Gabriele e Raffaele arcangeli

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

India: aumentano gli attacchi contro i cristiani

Rapporto sulla violenza anticristiana: negli ultimi nove mesi oltre 300 attacchi. È quanto registra un rapporto intitolato “Cristiani sotto attacco in India”, presentato in conferenza stampa a Nuova Delhi

Leggi tutto

Società

Pakistan - I cristiani pregano per le minoranze

Esortando l’intera comunità cristiana in Pakistan ad essere unita nella preghiera per i defunti e per i presbiteri feriti, l’Arcivescovo Travas ha detto: “Faccio appello al governo del Pakistan affinché prenda provvedimenti immediati e seri contro questo incidente, arrestando gli aggressori e lavorando per la pace e la sicurezza di tutte le minoranze religiose che vivono in Pakistan”.

Leggi tutto

Storie

L’UNICA POSSIBILTA’ LOGICA : Francesco

La situazione mondiale diventa sempre più tragica mentre i nostri leader se la giocano come a Risiko

Leggi tutto

Storie

Haiti - Impotenti di fronte alla violenza

Monsignor Max Leroy Mesidor parla del Paese caraibico sprofondato nel dramma sanguinoso scatenato dalle gang criminali, che ha fatto centinaia di morti: non ci può essere pace quando gran parte della popolazione vive in condizioni disastrose.

Leggi tutto

Politica

Parlamento: Qualcosa si muove contro il “turismo riproduttivo”

In Parlamento qualcosa si muove per fermare la pratica dell’utero in affitto. Lo strumento scelto è un emendamento che punisca questa pratica nella legge di bilancio.

Leggi tutto

Politica

Crisi Ucraina - Colloquio telefonico tra il Papa e Zelenskyi:

Il presidente ucraino ha ringraziato Francesco per la sua preghiera per la pace, affermando che il popolo dell’Ucraina sente il suo “sostegno spirituale”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano