Politica

di Mirko De Carli

PERCHÉ DICIAMO NO A DRAGHI

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Non siamo tutto d’un tratto impazziti, non abbiamo fatto un inversione a U perché hanno introdotto l’obbligo vaccinale per gli over 50 e il nostro Presidente Mario Adinolfi non è vaccinato e non siamo a caccia di voti dai cosiddetti no vax o no pass che, per quasi la totalità delle battaglie pidieffine, la pensano in maniera diametralmente opposta: abbiamo semplicemente usato il buon senso, messo insieme “i puntini” e tirato le somme al 31/12 come avevamo promesso. Molti di voi ricordano che ebbi a dire: lo stato di emergenza si conluderà a fine anno e se il quadro epidemiologico sarà diverso da quello attuale chiederemo un cambio di paradigma al governo. Per questo la fine del 2021 è stata contrassegnata da ore di studio e analisi approfondita della situazione sanitaria, del quadro di gestione ospedaliera e degli studi riguardanti la variante Omicron che era già certo che diventasse predominante durante le prime settimana dell’anno nuovo. In sintesi che cosa abbiamo potuto riscontrare: l’avvio della fine “sociale” del virus (parole del dott. Rezza, capo della task force del Ministero della Salute) dovuto allo stadio influenzale della variante omicron che ha una maggiore capacità diffusiva ma, in particolare nei confronti dei vaccinati, mostra effetti simili ad un “raffreddore rafforzato”, il successo della campagna vaccinale amministrata dal Gen. Figliuolo che da sempre riteneva come obiettivo da raggiungere il 70/75% dei nostri connazionali vaccinati (siamo oltre l’85% con prima dose, intorno all’80% con seconda e, da dicembre, la terza dose corre a ritmi assolutamente competitivi come le precedenti) e i casi di focolai diffusi sono ridotti al lumicino tant’è che oggi il Card. Bassetti (Presidente della CEI) ribadisce un secco no al green pass per andare in chiesa portando a sostegno delle sue posizioni gli zero cluster di contagio nei luoghi di culto cattolici.

Questi dati, non opinioni o pareri, hanno portato molti medici (e molti “televirologi” come Bassetti) a chiedere a gran voce un superamento sistematico degli attuali protocolli avviandoci verso una fase di gestione della variante omicron molto più simile a quella dell’influenza stagionale. Di fronte a una simile “presa di coscienza” abbiamo fatto 2+2 e abbiamo proposto una cambio di gestione dell’epidemia (ormai non possiamo più definirla pandemia): superamento dello stato di emergenza e cronicizzazione della gestione del virus. Il governo come ha agito? Ulteriori restrizioni, introduzione di obblighi vaccinali surreali, multe “all’italiana” e protocolli di quarantena e tamponi incomprensibili anche ai plurilaureati. Risultato? Code kilometriche di italiani per i tamponi molecolari, farmacie sistematicamente “invase”, quarantene di persone senza sintomi alcuni, aziende pubbliche e private e scuole nel caos per troppe assenze di personale e panico generalizzato da una campagna massmediatica incentrata solo sullo scontro politico riguardo alla gestione del virus che non rintracciamo in nessun’altra parte del mondo occidentale.

Abbiamo guardato con favore l’avvento del governo Draghi per due ordini di ragioni: la fine del disastroso esecutivo Conte 2 e un programma di azioni mirate ad arginare la diffusione virale e organizzare al meglio la spesa dei fondi europei del Recovery Plan. Fino al 24 dicembre il Consiglio dei Ministri si è mosso, tra alti e bassi, discretamente bene rispetto agli obiettivi affidatigli dal Presidente Mattarella: campagna vaccinale ben amministrata e buona programmazione del PNRR. Tralascio le questioni di politica sanitaria su cui avevamo dato tempo fino a fine anno per verificarne gli effetti. Da Natale in poi un disastro peggio degli ultimi mesi di Conte, dovuto ad una totale assenza rispetto alle questioni urgenti (penso alle crisi economiche dovute alle delocalizzazioni di tante aziende ad esempio) ed all’incapacità di adottare nuovi protocolli per la gestione della crisi sanitaria adeguati al cambio di paradigma illustrato da medici e scienziati.

Errori su errori e distrazioni continue che hanno fatto sì che Draghi passasse da leader di una maggioranza di “salute pubblica” a capo di un esecutivo che produce divisioni e odio sociale tra i cittadini. Questa escalation “verso il basso” ci ha portato ad una presa di posizione coerente rispetto a quello che abbiamo dichiarato da tempo: da sempre contrari all’obbligo vaccinale e portati a giudicare i governi non per le persone che li guidano ma per i provvedimenti che adottano. Per questo, come abbiamo guardato con favore all’inizio dell’esperienza Draghi, ora ci poniamo in seria e robusta opposizione e riteniamo inopportuna una sua candidatura al Quirinale.

Non prenderemo mai parte alla guerra delle tifoserie pro o contro il vaccino o pro o contro l’ex capo della Bce: ragioniamo e cerchiamo unicamente di essere coerenti con gli ideali che hanno animato il nostro impegno politico sin dalla gioventù. Soprattutto siamo leali fino in fondo con i mandati ricevuti dalle assemblee nazionali del nostro partito e dai programmi elettorali con cui, sia alle politiche che alle europee, il Popolo della Famiglia si è presentato.

Lo so, siamo quella che Gaber chiamò “la razza in estinzione”, degli inguaribili romantici che pensano ancora che la politica decida e non esegua per “mandato di terzi” ma, a volte, è più nobile un sogno di tanto cinismo ben propagandato.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

10/01/2022
2405/2022
San Vincenzo di Lerino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Perchè entrare nel PDF è come aiutarne la diffusione

L’idea di incentrare la battaglia a partire dalla difesa della famiglia, prima struttura organizzativa e società naturale, è rivoluzionaria ma, al tempo stesso, è sempre stata considerata importantissima dalla dottrina cattolica, basti ricordare San Giovanni Paolo II per il quale la famiglia rappresenta il prisma da cui interpretare e articolare tutti gli interventi nella società umana.

Leggi tutto

Politica

In politica pazienti come i contadini: il seme del PDF è germogliato

Il Segretario nazionale del Popolo della Famiglia racconta la propria riflessione mentre si consolidava il positivo risultato elettorale di Ostia: «Mi è capitato tra le mani uno scritto di don Giussani che spiega che il fare non deve avere limiti di tempo preventivati e qualsiasi gesto impegna tutta la persona come tale. Occorre una pazienza di sviluppo lunga come la pazienza del Signore»

Leggi tutto

Società

Punti di forza e di debolezza della scuola italiana oggi

Riflessione sulla scuola italiana.Il testo di un ricco e stimolante intervento dalla terza festa nazionale del nostro quotidiano.

Leggi tutto

Storie

TURCHI, CURDI E LA BONINO PRIMA DELL’APERICENA

Abbiamo una insopprimibile necessità di iscriverci a una curva, perché sui social così possiamo distillare perle di saggezza che ovviamente sono solo maldestre copiature dei riassunti del mainstream, ingaggiando feroci quanto inutili flames con gli appartenenti alla fazione opposta. Ne muore, così, la reale e profonda comprensione dei fenomeni che sono sempre complessi persino se parliamo di Temptations Island, figuriamoci se ci azzardiamo a discettare di una guerra.
Allora, proviamo a spiegarla questa guerra. Così ci risparmieremo scene oscene tipo il massacro sui social di Under e Demiral, due ragazzi turchi che giocano nella Roma e nella Juve che come tantissimi ragazzi turchi sono cresciuti considerando quella curda come una grave minaccia e ora si schierano con la loro patria salutando i loro coetanei connazionali in guerra.

Leggi tutto

Società

Il giustizialismo degli antigiustizialisti

Nel secolo scorso Pier Paolo Pasolini parlava di “Fascismo degli antifascisti” per sottolineare una realtà che già conosce chi ha letto il Vangelo di Matteo (7,21-2). Non basta avere la maglietta di antifascista o proclamarsi tale per comportarsi di conseguenza, anzi a volte l’apparenza maschera la sostanza.

Leggi tutto

Politica

Adinolfi (Pdf): “ddl Zan non è priorità, emergenza non c’è”

Sono 1.300 giorni che mi batto contro l’approvazione della fascistissima legge Zan, ora anche Enrico Letta si accorge che va cambiata. In 1.300 giorni non si è verificato neanche un serio caso di omofobia in Italia. Ma che emergenza è? Arrenditi Zan anche nel Pd ti hanno mollato.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano