Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Diocesi: monsignor Nolè (Cosenza) e la fede dei padrini

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Oggi è difficile trovare una famiglia che viva cristianamente il sacramento del matrimonio; abbiamo tanti divorziati e conviventi, che non possono essere un esempio per la Chiesa cattolica, e tante persone che vengono a fare da padrino e madrina non hanno una vita di fede: come possono comunicarla ai ragazzi?”.

Con queste parole, intervenendo in diretta televisiva a un’emittente locale, monsignor Francesco Nolè, arcivescovo di Cosenza-Bisignano, ha spiegato la scelta di sospendere ad experimentum per un triennio i padrini e le madrine nella diocesi bruzia per le celebrazioni del sacramento della Cresima. Il provvedimento del presule bruzio è attivo dal 1° gennaio 2022.

“Daremo tutti gli strumenti perché chi pensa di poter avere questa responsabilità possa avere anche le capacità di poter discernere egli stesso, in coscienza, se prendersi questo impegno così importante nella vita cristiana”. Questa decisione – come sottolineato dal presule in diretta – “è stata condivisa con gli organismi diocesani di comunione, consiglio dei vicari, consiglio presbiterale, consiglio pastorale diocesano e dai parroci”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/01/2022
2805/2022
Sant'Emilio martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

L’Argentina e l’aborto

Sembra provvidenziale questa retiterata volontà del Presidente argentino Macri di impedire la legalizzazione dell’aborto nel Paese sudamericano. Infatti, negli stessi giorni in cui il Capo di Gabinetto del Presidente della Repubblica Marcos Peña dichiara ufficialmente che, la depenalizzazione dell’omicidio del concepito nel grembo materno, «non è nei programmi» del Governo (cfr. Marcos Peña: “No está en agenda avanzar” con la legalización del aborto, “La Nación”, 22 de noviembre de 2016), il Nobel per la Letteratura Daniel Mantovani (“El ciudadano ilustre”), descrive un Paese alla ricerca delle proprie «radici europee» e «di una forte e coesiva identità nazionale» (cit. in L’Argentina, un Nobel in ritardo e la ricerca dell’identità nazionale, “Il Corriere della Sera”, 23 novembre 2016, p. 41). E quali possono essere queste “radici europee” se non quelle dell’umanesimo cristiano? Nella vigente Costituzione argentina del resto il Parlamento è chiamato fra l’altro a «dettare un regime di sicurezza sociale speciale» per il bambino anche «durante la gravidanza» (art. 75, co. 23). Per l’ordinamento nazionale appunto l’aborto è ammesso solo in caso di pericolo di vita, stupro o grave pregiudizio per la salute fisica della donna.

Leggi tutto

Storie

L’Ungheria del dopo voto raccontata da chi la conosce vermente

Un lettore marito di una donna ungherese racconta dal suo privilegiato punto di vista sui magiari l’elezione di domenica

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: la Chiesa slovacca testimoni libertà, creatività e dialogo

Nell’incontro con vescovi, sacerdoti, religiosi, seminaristi e catechisti nella Cattedrale di Bratislava, il Papa indica il cammino di una Chiesa umile, “che non si separa dal mondo e dalla vita, “ma la abita dentro” e condivide le attese della gente.

Leggi tutto

Chiesa

In Italia una fede “dubbiosa”

Presentata l’indagine sociologica “L’incerta fede” commissionata dalla Conferenza episcopale italiana a 25 anni da “La religiosità in Italia”. A Messa solo il 22 per cento (nel 1995 era il 31), ma tiene la preghiera personale. Scende il numero di chi crede ad una vita oltre la morte, dal 41 al 28 per cento

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ai giovani: la guerra ci mette alla prova

In un videomessaggio, il Papa esorta ragazze e ragazzi che si stanno preparando alla Gmg del 2023 a Lisbona, in Portogallo, ad avere coraggio per uscire dalle crisi,

Leggi tutto

Chiesa

Papa - Dio è Padre e non rinnega nessuno dei suoi figli

Papa Francesco risponde con una lettera autografa in spagnolo ad alcune domande poste dal padre gesuita James Martin impegnato nella pastorale con le persone Lgbt

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano