{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Cuba e il nuovo codice delle famiglie

Società

di Giuseppe Udinov

Cuba e il nuovo codice delle famiglie

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il Parlamento cubano ha approvato il progetto del nuovo “Codice delle Famiglie”, che sarà sottoposto a referendum in questo 2022 e che apre le porte al “matrimonio” omosessuale, all’adozione gay, ai “diritti sessuali e riproduttivi” (cioè contraccezione e aborto) e all’ideologia gender.

L’Assemblea Nazionale del Potere Popolare (Parlamento) ha infatti approvato il Codice della Famiglia, che definisce il matrimonio come “l’unione volontaria di due persone”, senza differenziazione di sesso e include “il pieno sviluppo dei diritti sessuali e riproduttivi nell’ambiente familiare indipendentemente da età, sesso, genere, orientamento sessuale e identità di genere, disabilità o qualsiasi altra circostanza personale; incluso il diritto all’informazione scientifica sulla sessualità, la salute sessuale e la pianificazione familiare, in ogni caso, adeguata alla loro età”.

Il diacono salesiano cubano Maykel Gómez Hernández ha affermato durante un’omelia del 26 dicembre che il nuovo Codice della Famiglia, “invece di aprire ai genitori la possibilità di scegliere la migliore educazione per i loro figli, cerca a tutti i costi di imporre un’educazione dove, ancora una volta, la libertà di decidere brilla per la sua assenza. Non possiamo permetterci il lusso di assistere a come le false ideologie stanno distruggendo la società, che a sua volta distrugge la persona”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/01/2022
0202/2023
Presentazione del Signore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Francesco lo chiede, noi non diserteremo

Eccoci, noi della Croce di certo non disertiamo. Di questo non possiamo essere accusati.

Leggi tutto

Politica

Un anno di PDF: fortificati dal fuoco

Abbiamo proposto un modello organizzativo di cui andiamo orgogliosi, abbiamo steso una rete senza capi e capetti, ma dove i ruoli dirigenziali del movimento si ottengono lavorando sul territorio in armonia con gli altri (fattore decisivo, chi non è in comunione con gli altri e ha atteggiamenti divisivi viene accompagnato alla porta) e costruendo consenso. Così si sono messi in luce già decine di dirigenti del Popolo della Famiglia che saranno in grado di rappresentarne le istanze nelle assemblee elettive ad ogni livello, altri possono aggiungersi perché la caratteristica del Pdf è di essere un movimento totalmente aperto, aperto davvero con porte e finestre spalancate senza inutili burocrazie interne che ne bloccherebbero la crescita. Ognuno può essere protagonista e essere misurato sul livello di consenso che riesce a generare, proprio per questo dall’1% nazionale della nostra prima uscita alle amministrative probabilmente misureremo una percentuale più che raddoppiata a questa tornata, per poi puntare dritti allo sbarramento del 3% che è la porta che consentirebbe per la prima volta nella storia italiana ad un soggetto politico esplicitamente nato a difesa della famiglia e dei principi non negoziabili di sedere nella stanza dei bottoni.

Leggi tutto

Società

Scialpi divorzia dal suo finto marito

Si parla spesso delle tragedie che degenerano in farse – e in questo cliché Giovanni Scialpi si è prodotto più volte (l’ultima durante il ricovero) – ma stavolta è la farsa che tenta l’impennata drammatica: il teatrino è finito, ilm“marito” non è più tale (non lo era mai stato) e il bacio del vero amore non regge

Leggi tutto

Società

10 figli e molte famiglie guardano a Raffaella

È un’appassionata sostenitrice del ruolo del Consulente Familiare, è stata per sei anni presidente dell’Associazione Nazionale Famiglie Numerose e sa di cosa parla, avendo messo al mondo dieci figli. «Tutte le famiglie numerose vivono una sorta di riprovazione sociale – dice – e mancano sia riforme fiscali che incentivino la prolificità sia un giusto riconoscimento della maternità»

Leggi tutto

Politica

informarsi-e-formarsi-per-la-politica

La formazione è ciò che ha permesso al Pci di perpetuare nei decenni una classe dirigente che producesse ceto politico e che al contempo detenesse l’egemonia culturale nel Paese (perfino quando il ceto politico era all’opposizione). Essa non può tuttavia illudersi di partire dalla pubblicazione di date e corsi a cui iscriversi: occorre una selezione previa basata sull’attivismo giovanile.

Leggi tutto

Politica

Al Paese serve la nostra lucida e visionaria follia

I prossimi quattro anni saranno per il Popolo della Famiglia i più impegnativi dalla sua nascita, perché saranno quelli in cui bisognerà porre le premesse operative per andare al governo del Paese.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano