Storie

di Roberto Signori

India e jihadisti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La Corte Suprema indiana ha accolto la richiesta di aprire un procedimento contro alcuni esponenti nazionalisti indù che durante un Dharam Sansad (un incontro tra leader religiosi) hanno pronunciato slogan in cui invitavano a comprare armi da utilizzare per “ripulire” l’India dai musulmani. Le affermazioni pronunciate dallo swami Prabodhanand Giri, in particolare, avevano suscitato aspre polemiche che hanno spinto lunedì anche la Corte Suprema ad accogliere una denuncia presentata dall’avvocato Kapil Sibal.

Lo steso swami Prabodhanand Giri aveva poi ripetuto frasi di istigazione all’odio nei confronti dei musulmani anche in un altro evento tenuto a Ghaziabad, nell’Uttar Pradesh, il 2 gennaio. “Pochi – aveva detto in quell’occasione – leggono il Corano e quanti lo comprendono diventano jihadisti. Resisteremo contro di loro e ripuliremo l’India dalla loro presenza. Se prenderete le armi per combattere i miscredenti come Ram fece nel Mahabharat sarete benedetti da Ram e Krishna (due divinità indù). Le armi sono essenziali per combattere i jihadisti, non c’è altra strada. Tenere un’arma è una vecchia tradizione che abbiamo perso”.

Sia l’Uttarakhand sia l’Uttar Pradesh sono Stati indiani governati dai nazionalisti indù del Bjp, il partito del premier Narendra Modi, dove tra febbraio e l’inizio di marzo si andrà al voto per l’elezione dell’assemblea legislativa locale. Più volte in India proprio le campagne elettorali sono state la miccia di nuove tensioni religiose.

Nel frattempo non diminuiscono nemmeno le intimidazioni portate avanti per via burocratica contro le istituzioni cattoliche. Nei giorni scorsi in Madhya Pradesh è dovuta intervenire l’Alta Corte locale per fermare lo sgombero dell’orfanotrofio San Francesco della diocesi di Sagar conosciuto come Sewadham Ashram. Il 6 gennaio 44 ragazzi tribali, tra cui anche disabili fisici e psichici, erano già stati condotti fuori dalla struttura al freddo sulla base di un’ordinanza del Child Welfare Committee di Sagar, quando è arrivato lo stop intimato dall’Alta Corte all’operazione. Il comitato sostiene che l’autorizzazione per la struttura sia scaduta nel 2020, ma la diocesi spiega di avere presentato tutti i documenti necessari per il rinnovo. I giudici hanno chiesto una relazione e si pronunceranno entro due settimane.

Padre Thomas Philip, direttore del Social Work Development commenta la vicenda con queste parole: “L’azione del Child Welfare Committee è espressione di un atteggiamento in malafede, influenzato dai leader politici locali. Garantire il rinnovo di un’autorizzazione è compito delle agenzie governative, che rinviano questo atto per poi poterle chiudere. Lo stesso centro era già stato accusato di false conversioni e di dare carne da mangiare ai bambini. Entrambe accuse senza fondamento”.

Il vescovo James dell’eparchia siro-malabarese di Sagar aggiunge: “Cercavano di strappare i bambini all’orfanotrofio. Grazie a Dio è arrivato l’intervento dell’Alta Corte che ha chiesto spiegazioni. Ma non è ancora una soluzione definitiva”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/01/2022
0808/2022
San Domenico

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Cosa c’è dopo Welby, Eluana e Fabo

Tra pochi giorni il Parlamento discuterà il ddl sulle Dichiarazioni anticipate di trattamento,
ovvero sul cosiddetto “biotestamento”. Il quale non sarà che un piede di porco per introdurre subito
dopo una vera e propria legge sull’eutanasia, grazie alla quale il diritto italico regredirà di quasi
venti secoli. Dalla Chiesa ci si aspetterebbe una militanza più incisiva, ma non è detta l’ultima parola

Leggi tutto

Politica

In politica pazienti come i contadini: il seme del PDF è germogliato

Il Segretario nazionale del Popolo della Famiglia racconta la propria riflessione mentre si consolidava il positivo risultato elettorale di Ostia: «Mi è capitato tra le mani uno scritto di don Giussani che spiega che il fare non deve avere limiti di tempo preventivati e qualsiasi gesto impegna tutta la persona come tale. Occorre una pazienza di sviluppo lunga come la pazienza del Signore»

Leggi tutto

Società

Una repubblica fondata sulla canzonetta

Criticata e idolatrata, pare che di rado la canzone di Mahmood sia statacompresa: perfino mentre veniva presentata si aveva l’impressione che cantasse di un generico amore travagliato. L’ombra della politica tuttavia si stende sempre sull’Ariston, contribuendo a rendere meno sereno e disteso ciò che potrebbe e dovrebbe essere una grande liturgia nazionale italiana.

Leggi tutto

Politica

Sul tema del voto dei cattolici

La questione che io pongo, però, è: se tutti si trovano concordi sulla necessità di questa benedetta “spinta dal basso”, perché nessuno si adopera per organizzarla sul serio? Guardate, sarei curioso persino di vedere all’opera i nuovi comitati civici “escludenti” di Fontana, sono convinto che sarebbero però più efficaci le “sardine bianche” in qualche modo evocate dalla Morresi, ma ormai mi sta bene tutto, purché io veda i cattolici fare qualcosa di politicamente decente e non solo lamentarsi fino alla prossima sconfitta, quando si lamenteranno di nuovo e ancora di più.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: la Chiesa slovacca testimoni libertà, creatività e dialogo

Nell’incontro con vescovi, sacerdoti, religiosi, seminaristi e catechisti nella Cattedrale di Bratislava, il Papa indica il cammino di una Chiesa umile, “che non si separa dal mondo e dalla vita, “ma la abita dentro” e condivide le attese della gente.

Leggi tutto

Società

India: Mumbai aborto ‘terapeutico’ per condizione sociale

Con un verdetto controverso i giudici hanno autorizzato l’interruzione di gravidanza alla 26ma settimana per una diciottenne non sposata il cui feto è sano e non presenta rischi fisici per la salute fisica della donna.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano