Storie

di Nathan Algren

USA: detenuti maschi trans trasferiti segretamente in una prigione femminile

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nello stato dell’ Illinois diversi uomini violenti sono stati trasferiti in una prigione femminile negli ultimi mesi senza preavviso pubblico, dopo che un tribunale distrettuale ha deciso che le carceri statali non dovrebbero ospitare automaticamente i detenuti sulla base dei loro genitali o del loro aspetto fisico. Uno degli uomini è stato poi messo in isolamento dopo che un’indagine ha stabilito che aveva violentato in carcere diverse donne dopo aver interrotto l’assunzione di ormoni.

L’American Civil Liberties Union (ACLU) ha lavorato a stretto contatto con gli uomini per aiutarli a ottenere i trasferimenti, intentando un’azione collettiva per loro conto. Sebbene i nomi di nascita degli uomini rimangano i loro nomi legali, l’ACLU ha fatto usare agli uomini nomi falsi e femminili su tutti i documenti del tribunale. Ciò ha avuto l’effetto di impedire che i precedenti penali di violenza sessuale degli uomini che richiedevano il trasferimento venissero resi noti al pubblico.

Il dottor William Puga, capo della psichiatria IDOC (il Comitato che sovrintende la sicurezza, il collocamento e il trattamento dei detenuti che si identificano come transgender) ha riferito che i detenuti maschi non sono stati “ben accolti” nella prigione femminile: “Molte donne affidate all’IDOC sono state esposte a violenze domestiche, fisiche o emotive e sono quindi spaventate dai prigionieri maschi”. Tuttavia, “queste difficoltà non hanno dissuaso il Comitato dal considerare le richieste di trasferimento su base individuale”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/01/2022
2805/2022
Sant'Emilio martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

E la prof è subito “omofoba”

Negli ultimi giorni manganellatura mediatica su una docente di un liceo milanese e su un sacerdote della provincia di Como, colpevoli di aver parlato contro l’ideologia gender e il “matrimonio” gay

Leggi tutto

Società

Marco Tarquinio parliamone….

Caro Marco, ci conosciamo da un quarto di secolo e i miei primi anni di vita professionale li ho condotti apprezzando le tue doti di collega accorto e ligio, aiutando credo in maniera decisiva la tua scalata alla direzione di Avvenire. Mi permetterò dunque la franchezza per una volta spoglia dalle ipocrisie del cattolichese, a cui il tuo giornale quotidianamente ci abitua. Il riferimento è alla lettera di Valeria Fedeli e alla tua risposta pubblicate il 20 dicembre 2016 sotto il titolo “Fedeli: il mio impegno per educare alla parità tra uomo e donna”. Il Popolo della Famiglia, movimento che presiedo, non chiama la signora ministro o ministra o che dir si voglia, è indegnamente seduta a viale Trastevere avendo mentito sui suoi titoli di studio, millantato una laurea mai posseduta, addirittura non ha mai sostenuto neanche l’esame di maturità. Abbiamo dimostrato questi fatti con evidenza, colei che noi chiamiamo “pinocchia” li ha candidamente ammessi, con arroganza non ha presentato le dimissioni che sarebbero state considerate naturali e ovvie in qualsiasi paese del mondo. Anzi, cerca legittimazione venendo a scrivere una lettera densa di bugie proprio al direttore di Avvenire, che non ritiene di menzionare l’incidente del titolo di studio inventato (per non dover menzionare il Popolo della Famiglia), mentre nello scritto della signora riscontra “lineare chiarezza

Leggi tutto

Società

Carceri e madri, nodo da risolvere

Stavolta nessun bambino ha mangiato per sbaglio il veleno per topi: una spacciatrice in crisi di depressione e verosimilmente di astinenza ha scaravantato per le scale i due figlioletti, uccidendo il minore e tramortendo il maggiore. In linea teorica le soluzioni ci sono, ma la verità è che non possono esistere soluzioni valide per tutte le decine di casi presenti in Italia: occorre valutare singolarmente.

Leggi tutto

Storie

Quarta dose di vaccino, il Cdc: raccomandata per le persone fragili

A fatica si è arrivati a convincere buona parte delle persone alla seconda dose, ci sono malumori sulla terza e già arrivano raccomandazioni sulla quarta. Se non fosse vero parrebbe di stare su “Scherzi a parte”.

Leggi tutto

Politica

Guatemala, un presidente cattolico che protegge la vita

Il presidente del Guatemala ha dichiarato il suo Paese diventerà la capitale pro-vita dell’America Latina sin dall’inizio del prossimo anno 2022, mentre Biden nomina abortisti in ruoli nevralgici della sua Amministrazione e nell’Unicef. E proprio per questo sta isolando il Guatemala, diffamandolo.

Leggi tutto

Società

Trento: studenti contro i bagni gender

I bagni gender sono una realtà anche in Europa e in Italia; solo che non sempre tali iniziative vengono accolte da un vasto consenso. Va in questa direzione quello che succede nell’ateneo di Trento e, precisamente, nella facoltà di Sociologia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano