Storie

di Nathan Algren

USA: detenuti maschi trans trasferiti segretamente in una prigione femminile

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nello stato dell’ Illinois diversi uomini violenti sono stati trasferiti in una prigione femminile negli ultimi mesi senza preavviso pubblico, dopo che un tribunale distrettuale ha deciso che le carceri statali non dovrebbero ospitare automaticamente i detenuti sulla base dei loro genitali o del loro aspetto fisico. Uno degli uomini è stato poi messo in isolamento dopo che un’indagine ha stabilito che aveva violentato in carcere diverse donne dopo aver interrotto l’assunzione di ormoni.

L’American Civil Liberties Union (ACLU) ha lavorato a stretto contatto con gli uomini per aiutarli a ottenere i trasferimenti, intentando un’azione collettiva per loro conto. Sebbene i nomi di nascita degli uomini rimangano i loro nomi legali, l’ACLU ha fatto usare agli uomini nomi falsi e femminili su tutti i documenti del tribunale. Ciò ha avuto l’effetto di impedire che i precedenti penali di violenza sessuale degli uomini che richiedevano il trasferimento venissero resi noti al pubblico.

Il dottor William Puga, capo della psichiatria IDOC (il Comitato che sovrintende la sicurezza, il collocamento e il trattamento dei detenuti che si identificano come transgender) ha riferito che i detenuti maschi non sono stati “ben accolti” nella prigione femminile: “Molte donne affidate all’IDOC sono state esposte a violenze domestiche, fisiche o emotive e sono quindi spaventate dai prigionieri maschi”. Tuttavia, “queste difficoltà non hanno dissuaso il Comitato dal considerare le richieste di trasferimento su base individuale”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/01/2022
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La discriminazione che nasce dall’ideologia gender

Due lesbiche bianche in Illinois dopo le varie operazioni di compravendita per “avere un figlio” ottengono una bambina nera e fanno causa per “nascita errata”

Leggi tutto

Politica

Ops, l’odiato Trump vince ancora

Trump che fa? Il misogino Trump, il riccastro Trump come risponde? Candida una donna ma stanzia un budget di appena quattro milioni di dollari. Oddio, ho scritto appena, ma per una elezione distrettuale è comunque una montagna di danaro. Certo, paragonata ai cinquanta milioni in dote al candidato dei democrats sembra un topolino. Ma la donna è coriacea, sa di doversi battere, in quel distretto di Atlanta alle presidenziali Trump ha vinto sì, ma per pochissimi voti e ora tutti dicono che l’inquilino della Casa Bianca è odiatissimo, che ha vinto solo per il bizzarro sistema elettorale americano ma in realtà ha preso meno voti di Hillary Clinton e insomma il 29enne democratico è praticamente certo di diventare deputato, ha il sostegno di tutta la stampa e di tutte le star dello spettacolo e delle principali televisioni. Con quei cinquanta milioni di dollari si è potuto comprare undicimila spot televisivi che hanno bombardato i cittadini di Atlanta notte e dì, spiegando come fosse importante dal punto di vista simbolico quella elezioni, che di lì l’America sarebbe ripartita alla riscossa e menate del genere.

Leggi tutto

Politica

Usa, il Ministero della Giustizia scende in campo contro la legge del Texas sull’aborto

Il Dipartimento di Giustizia americano presenta una mozione di emergenza per bloccare temporaneamente la legge sull’aborto del Texas, che vieta l’interruzione di gravidanza dopo sei settimane. Il ministro della Giustizia Merrick Garland aveva annunciato che il Dipartimento avrebbe presentato un’azione legale contro una legge definita “chiaramente incostituzionale”.

Leggi tutto

Società

Il Piemonte e le iniziative made in gender

Tre episodi, gli ultimi due a breve distanza l’uno dall’altro, portano il Piemonte alla ribalta dell’attenzione mediatica per iniziative targate gender

Leggi tutto

Politica

Arizona: aborto vietato dopo 15 settimane

Usa, il Senato dell’Arizona approva la legge che vieta l’aborto dopo 15 settimane di gravidanza: vale anche in caso di stupro o incesto

Leggi tutto

Storie

USA. Il dramma del traffico di parti di bambini abortiti

Alcuni attivisti pro-life hanno scoperto un laboratorio del Dipartimento di Pediatria dell’Università di Washington: un congelatore pieno di file e file di parti del corpo di bambini abortiti.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano